News

Bitcoin chiude Aprile in profitto: Le previsioni degli analisti

Aprile è ormai agli archivi ed il Bitcoin ha chiuso con il segno positivo come da previsioni degli analisti. Questa performance acquista maggiore importanza se pensiamo che il mese scorso c’è stato lo scandalo Bitfinex. Diverse cassandre si erano abbattute sul mondo delle criptovalute. Tuttavia nonostante un fisiologico ribasso ben presto Bitcoin ed Altcoin hanno ripreso la loro marcia rialzista.

Adesso che la coltre di fumo si sta diradando, gli analisti tornano a cercare indizi per capire cosa potrà accadere nel prossimo futuro. Quindi, quali sono le previsioni degli analisti per il Bitcoin?

Bitcoin in positivo: Le Previsioni degli analisti.

Iniziamo con Tom Lee, stimato analyst di Wall street. A suo avviso, i segnali derivanti da un’analisi fondamentale e grafica sono positivi ed in miglioramento. Questo dimostra che il Bitcoin non ha avuto alcuna euforia irrazionale. Di conseguenza, il rialzo può proseguire fino al raggiungimento di nuovi massimi storici entro il 2020.

Altri due analisti noti su twitter con il Nickname di Pierre crypto e Satoshi flipper concordano sul fatto che il mese di Aprile abbia solidificato il trend rialzista. Partendo da un supporto fissato a $4.000, il nuovo target per il Bitcoin sarà $5.000. Raggiunto questo livello, osservano come un livello chiave di Fibonacci, indicatore molto utilizzato per l’analisi grafica, indichi in $5.800 una zona di forte resistenza.

L’analista Bravado Jack si concentra sul grafico giornaliero, osservando un modello definito come “ascending broadening wedge”. Questo modello è indicativo di un mercato rialzista. La sua previsione consta di un supporto in zona $4.800 e soprattutto una resistenza fissata a $6.200. Un valore ben più alto della quotazione attuale, segnale quindi di forte fiducia per un ulteriore riscossa del Bitcoin.

Don Alt, un famoso analista di criptovalute su Twitter, concorda sul fatto che un forte supporto consentirà di fare un grande passo in avanti. “Abbiamo finalmente ottenuto un supporto in zona $4.800 che potrebbe essere una forte barriera per eventuali ribassi. Attaccherò il mercato con operazioni Long della durata di 2 o 3 giorni”.

Galaxy, un altro popolare analista di criptovalute, è ipnotizzato dalle somiglianze tra il grafico attuale e quello relativo Ottobre 2015. “Osservo spesso le somiglianze strutturali tra le candele mensili di ottobre 2015 e aprile 2019. Ottobre 2015 ha segnato l’inizio della corsa più importante nella storia del Bitcoin, generando un rialzo del 6500% in 2 anni”. Qualora questo rally rialzista dovesse ripetersi, il valore del Bitcoin arriverebbe a toccare quota $ 330.000 entro la fine del 2021. Un rialzo incredibile!

Bitcoin in positivo: Come operare.

Come abbiamo visto gli analisti indicano la strada verso un rialzo generale del valore del Bitcoin. Tuttavia, i target da loro indicati sono discordanti. Per un trader inesperto potrebbe non essere affatto facile orientarsi nel mercato volatile delle criptovalute.

Quale soluzione? A nostro avviso, in situazioni simili, è utilissimo affidarsi all’operatività dei trader più navigati. Tutto ciò è possibile grazie al broker eToro. Questa piattaforma innovativa, da diversi anni, fa del copy trading il suo punto di forza. In parole semplici, attraverso questa modalità è possibile copiare le operazioni dei migliori trader semplicemente con un click. In questo modo sarà possibile creare un portafoglio di investimento composto dalle strategie dei migliori Senior Trader. Gli investitori più navigati tendono a selezionare una decina di Senior trader in modo da distribuire il rischio e massimizzare il rapporto rischio/rendimento.

Utilizzare il servizio di copy-trading è assolutamente gratuito ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti, in quanto le performance giornaliere, settimanali o mensili sono visibili già nella home page del broker.

Registrati adesso su eToro e scopri il copy-trading.

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento