News

Sviluppatori di Ethereum propongono un aumento sul limite del validatore

L’aumento dei tempi di attesa sulla rete, ha spinto gli sviluppatori di Ethereum a proporre un aumento sul limite del validatore. I limiti attuali sono stati stabiliti ormai da mesi sulla base dei calcoli originari legati alle attività sul protocollo.

Per chi non ne fosse a conoscenza, il precedente livello (che in realtà è anche quello attuale) è di 32 ETH. Questa quantità è indispensabile per diventare validatore e per partecipare alle attività dell’ecosistema, riuscendo in modo parallelo ad ottenere rendimenti sulla base del lavoro svolto.

Una quantità che non sarebbe tuttavia più sufficiente per garantire l’efficienza e l’efficacia idealizzata alle origini. Cerchiamo quindi di comprendere da vicino quali sono state le proposte avanzate dal team e cosa potrebbe comportare questo cambiamento radicale.

Prima di continuare, ti ricordiamo che se vuoi puntare su Ethereum (ETH), puoi fare affidamento subito su una delle migliori piattaforme di investimento crypto online, ormai da anni un concreto punto di riferimento, ossia eToro.

Si tratta di una piattaforma molto facile da gestire e da utilizzare, che ti permette di investire su Ethereum a partire da appena 50 euro. Puoi in ogni caso testare le potenzialità della piattaforma su un ottimo account demo, senza alcun limite di tempo.

Clicca qui per investire su Ethereum

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Sviluppatori di Ethereum: la proposta sul validatore è sostenibile?

La proposta degli sviluppatori di Ethereum sull’aumento dei limiti del validatore è stata esposta per la prima volta agli inizi di giugno. Nello specifico, Mike Neuder, Francesco D’Amato, Aditya Asgaonkar e Justin Drake avrebbero avanzato le proprie teorie in merito.

La strategia è in ogni caso ancora in fase di discussione e non è dato sapere con certezza matematica se l’aggiornamento verrà approvato o meno. In cosa consiste l’aumento del limite? Cosa comporterà per l’intero ecosistema (leader mondiale nel segmento della DeFi)?

Entrando nel dettaglio sui documenti proposti, gli sviluppatori hanno chiesto di portare il limite del validatore da 32 ETH a 2.048 ETH. Un cambiamento che metterebbe così in evidenza un aumento pari al +6.300%. Un’ipotesi che ha in ogni caso già costretto diversi ecosistemi ad avviare alcuni cambiamenti importanti.

Nello specifico, grandi realtà, come ad esempio l’ormai noto Lido, così come i servizi di staking tradizionali messi a disposizione dai principali exchange mondiali, hanno creato più nodi di validazione, per offrire ai propri clienti soluzioni più efficienti per ottenere potenziali rendimenti.

I validatori sono ad oggi indispensabili per garantire l’elaborazione delle transazioni, così come la sicurezza dell’intera rete. In tutto ciò, i dati mettono in evidenza che il tempo di attesa per un utente (per eseguire un nodo di convalida sulla rete) ammonta a 44 giorni.

Questo è un dato molto più alto rispetto ai circa 30 giorni registrati nel mese di maggio. Una domanda così forte sul processo di validazione mette in evidenza la presenza di possessori di Ethereum intenzionati a mantenere le proprie criptovalute. Tutto ciò non soltanto per sperare in eventuali aumenti del prezzo, quanto più per partecipare alle attività di Staking.

Ethereum: la scelta influenzerà il prezzo di ETH?

La notizia sul possibile aumento del limite non ha in realtà mostrato grosse influenze sull’andamento della criptovaluta, che sembrerebbe invece influenzata maggiormente dal contesto del mercato e da ciò che sta succedendo anche ad altri asset ad elevato market cap.

Diventa a questo punto importante soffermarsi nel dettaglio sulle ultime variazioni di prezzo. Tutto ciò per comprendere come si sta muovendo la criptovaluta, ma anche per confrontare i punti attuali con quelli pregressi (massimi e minimi che siano).

Impostando un grafico settimanale, è facilmente intuibile la discesa di prezzo di Ethereum nella giornata del 14 luglio. La stessa aveva proiettato il prezzo della criptovaluta attorno ad 1.632 dollari per unità (un valore che rappresenta attualmente anche il punto di minimo settimanale).

Da quel momento in poi il trend della crypto è stato mediamente al rialzo. Nella giornata del 16 luglio, la quotazione aveva ampiamente recuperato terreno, portandosi dapprima sopra alla psicologica linea dei 1.724 dollari e successivamente sopra ai 1.775$ nella giornata del 17.

Nelle prime ore della giornata odierna, ossia 20 luglio 2023, si assiste invece ad una leggera correzione. È infatti possibile comprare Ethereum (ETH) per 1.726 dollari (valore che mette in evidenza una flessione negativa del -1,3% su base settimanale).

Note finali

Come di consueto, ricordiamo per completezza altre metriche aggiornate su Ethereum al momento di questa stesura. Partendo dal market cap, la capitalizzazione di mercato di ETH ammonta a 207.644.256.626 dollari (seconda posizione nella classifica generale).

Il volume sugli scambi nelle 24 ore, è invece pari a 6.579.948.178 dollari, con una dominance (ossia la valenza della criptovaluta rispetto a tutto il mercato crypto), che ha di recente raggiunto il 18,704% su base totalitaria.

Come intuito nel corso dell’articolo, le variazioni dei prezzi possono essere molto repentine e cambiare bruscamente dall’oggi al domani, così come nel giro di pochi attimi. Per questo motivo, è importante analizzare e tenere costantemente sotto controllo la propria coin di interesse.

Per fare ciò puoi utilizzare gli strumenti (tecnici e non tecnici) messi a disposizione dalle migliori piattaforme di investimento online, come ad esempio eToro. Ti permette di aprire un account in meno di 5 minuti, di selezionare Ethereum e di avviare l’investimento.

Ecco i pochi step per investire su ETH:

  1. apri un account cliccando qui in basso 👇;
  2. carica un deposito iniziale (si può partire anche con 50€);
  3. cerca la criptovaluta Ethereum;
  4. piazza la tua strategia.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento