News

Coinbase: gravissime accuse di insider trading per il lancio di Bitcoin Cash

Il popolare exchange Coinbase è finito nella bufera per un caso che, se confermato, sarebbe gravissimo: un episodio di insider trading legato all’inizio della negoziazione di Bitcoin Cash, uno dei più popolari hard fork del Bitcoin.

Coinbase sta studiando se i suoi dipendenti hanno approfittato indebitamente della conoscenza interna per trarre profitto dal lancio di Bitcoin Cash (BCH) quando è stato aggiunto all’exchange.

La società, che ha recentemente raccolto $ 100 milioni con una valutazione di $ 1,6 miliardi, ha finalmente aggiunto il supporto per BCH – un fork di Bitcoin – martedì dopo una forte richiesta da parte degli utenti. Ma, nel vero stile Coinbase, il lancio è stato bloccato ripetutamente con interruzioni di servizio in quanto il prezzo della nuova aggiunta fluttuava selvaggiamente. Ma che Coinbase sia down spesso già lo sappiamo.

Il prezzo di BCH ha toccato un massimo di $ 8.500 su Coinbase e il suo servizio GDAX per investitori professionali, che era quasi tre volte superiore al prezzo di $ 3.500 su tutte le altre borse. Ciò ha portato a sospetti di insider trading dallo staff di Coinbase che, in teoria, avrebbe potuto trarre profitto acquistando BCH in altre borse sapendo che stava per essere aggiunto a Coinbase, una mossa che avrebbe (e fatto) innescare un aumento del volume degli scambi e un prezzo più alto in quanto gli oltre 10 milioni di utenti dello scambio hanno ottenuto un pezzo dell’azione.

Ora il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha confermato che la compagnia sta indagando sugli eventi intorno al picco dei prezzi. Su Medium ha scritto:

“Dato l’aumento dei prezzi nelle ore che precedono l’annuncio, condurremo un’indagine su questo argomento. Se riscontriamo prove di dipendenti o appaltatori che violano le nostre politiche, direttamente o indirettamente, non esiterò a licenziare immediatamente il dipendente e ad adottare le opportune azioni legali.”

Inutile dire che nell’attuale quadro normativo non ci sono azioni legali che tengano e il dipendente (o i dipendenti) che hanno messo in atto questa manovra hanno guadagnato così tanto denaro da non aver più bisogno di lavorare per il resto dei loro giorni. In altre parole, stanno stappando champagne e la faranno franca.

Armstrong ha detto che allo staff di Coinbase, agli amici e alla famiglia è stato proibito di scambiare BCH per il mese scorso mentre formulava piani per iniziare la quotazione della moneta sul suo exchange. Questo, ha detto, è in linea con la politica di prevenzione dell’insider trading, incluso quando Coinbase ha aggiunto il supporto per Ethereum lo scorso anno e Litecoin quest’anno. Questa politica interna per la prevenzione delle frodi e dell’insider trading, però, evidentemente non funziona.

Armstrong ha spiegato:

“Abbiamo una politica precisa a Coinbase. La politica proibisce a dipendenti e appaltatori di negoziare in presenza di “informazioni non pubbliche rilevanti”, ad esempio quando una nuova risorsa verrà aggiunta alla nostra piattaforma. Oltre alle restrizioni di trading, proibisce la comunicazione di informazioni non pubbliche al di fuori dell’azienda. Questo include amici e parenti.”

coinbase bitcoin cash

Si tratta di un finale disastroso per una vicenda che doveva segnare la definitiva consacrazione di Coinbase. La quotazione di Bitcoin Cash ha dimostrato, ancora una volta, che gli exchange non possono garantire in nessun caso la sicurezza e l’affidabilità richieste da un mercato finanziario che ha ormai superato la capitalizzazione complessiva di 500 miliardi di dollari.

Per il momento, solo negoziare Bitcoin con i CFD, grazie a piattaforme come Plus500, consente di operare con la protezione completa della normativa finanziaria. Tutte le società possono avere una mela marcia al loro interno. Ma se fosse successo a Plus500, che è autorizzata e regolamentata, sarebbero scattate le manette e l’immediato sequestro di tutto il profitto fatto a danno degli ignari investitori.

Con Coinbase, invece, ci si deve fidare della buona volontà del CEO (ammesso che non sia solo una mossa di facciata) e del fatto che i colpevoli saranno forse licenziati. Probabilmente si licenzieranno da soli: con tanti soldi da spendere hanno bisogno di molto, moltissimo tempo libero.

Ecco perché gli investitori più furbi preferiscono utilizzare Plus500 (o altre piattaforme CFD regolamentate) per operare sulle criptovalute…

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

1 Commento

  • Una vicenda gravissima che ci dovrebbe far riflettere. Gli exchange sono il problema delle criptovalute. Sono il male. Gli exchange truffano, fanno insider trading, vanno in bancarotta ogni 3 per 2. Se vogliamo che le criptovalute diventino il futuro, dobbiamo risolvere il problema degli exchange.

    Per quanto riguarda chi fa trading speculativo, è ovvio che la scelta è una piattaforma come plus500. Ma per chi vuole utilizzare il Bitcoin per pagare nella vita di tutti i giorni o vuole accumulare Bitcoin per il futuro, ad oggi non c’è una soluzione. E questo potrebbe portare alla morte di Bitcoin.

Lascia un Commento