News

BitFunder e il suo fondatore accusati di truffa

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha annunciato di aver accusato la piattaforma BitFunder e il suo fondatore Jon E. Montroll di operare una borsa valori non registrata e di frodare gli utenti di tale borsa. La SEC ha inoltre accusato BitFunder di rilasciare dichiarazioni false e fuorvianti in relazione a un’offerta di titoli non registrata.

La SEC sostiene che BitFunder e il suo fondatore Jon E. Montroll gestirono BitFunder come una borsa valori online non registrata
, truffando gli utenti in maniera sistematica, appropriandosi dei loro bitcoin e poco professionale, tanto che un attacco informatico sul sistema BitFunder portò al furto di oltre 6.000 bitcoin, ammesso che l’attacco hakcer ci sia stato davvero e non sia stato solo un trucco di BitFunder per derubare ulteriormente i clienti.

Marc Berger, direttore dell’ufficio regionale di New York della SEC, ha dichiarato:

Riteniamo che BitFunder abbia funzionato illegalmente come una borsa valori non registrata. Le piattaforme che svolgono l’attività di una borsa valori nazionale, indipendentemente dal fatto che tale attività coinvolga beni digitali, token o monete, devono registrarsi presso la SEC o operare in base a un’esenzione. Continueremo a concentrarci su questi tipi di piattaforme per proteggere gli investitori e garantire il rispetto delle leggi sui titoli

La sua vice Lara S. Mehraban, ha aggiunto:

Come asserito nella denuncia, Montroll ha defraudato gli utenti di BitFunder appropriandosi in modo fraudolento dei loro bitcoin e non riuscendo a bloccare un attacco informatico sul sistema di scambio e il conseguente furto di bitcoin. Continueremo a sorvegliare vigorosamente la condotta che coinvolge la tecnologia dei ledger distribuiti e ad assicurare che i cattivi attori che commettono frodi in questo spazio siano ritenuti responsabili.

La denuncia della SEC, depositata presso la corte distrettuale di Manhattan, addebita a BitFunder e Montroll violazioni delle disposizioni antifrode e di registrazione delle leggi federali sui titoli. La denuncia potrebbe portare a pesanti multe e anche a conseguenze penali.

L’indagine della SEC è stata condotta da Daphna A. Waxman, Daphne Downes e Valerie A. Szczepanik nell’ufficio regionale di New York. La signora Waxman e la signora Szczepanik sono anche membri del Gruppo di lavoro per la contabilità distribuita della SEC e della Cyber ​​Unit. La causa sarà guidato da Dugan Bliss. Il caso è sotto la supervisione di Lara S. Mehraban.

In un caso penale parallelo, l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York ha presentato oggi una denuncia contro Montroll per spergiuro e ostruzione di giustizia durante l’indagine della SEC.

Ancora truffe con il Bitcoin?

Tra Exchange come BitFunder e programmi truffa come Bitcoin Code, il Bitcoin sembra essere ormai alla mercé di truffatori senza scrupoli. Il Bitcoin è un’opportunità senza precedenti nella storia dell’uminità, un treno epocale su cui si può ancora fare in tempo a salire, ma per riuscirci ci vogliono gli strumenti giusti, in grado di garantire sicurezza, affidabilità, assenza di truffe.

Gli investitori dovrebbero scegliere piattaforme affidabili come eToro (clicca qui per il sito ufficiale) o 24option (clicca qui per il sito ufficiale) per investire in Bitcoin senza il rischio di essere defraudati.

Purtroppo ci sono due fattori che aiutano i truffatori:
il fatto che il Bitcoin sia un asset finanziario nuovo e poco conosciuto e l’assenza di regole certe di regolamentazione del mercato.

Moltissimi truffatori si sono avventati del Bitcoin proprio per il suo stesso successo: le persone sanno che con il Bitcoin si possono guadagnare moltissimi soldi ma se non si scelgono le piattaforme di investimento giuste si finisce dritti nelle mani dei truffatori.

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

Lascia un Commento