News

Bitcoin sopra i 4400: cosa succede adesso?

La coppia BTC/USD sta continuando a guadagnare terreno dopo la candela ad inversione che abbiamo visto all’inizio di questa settimana e che non ha consentito alla criptovaluta di rimanere al di sotto della media mobile a 50 giorni.

Al momento della scrittura dell’articolo, il Bitcoin al momento è scambiato sul livello di 4402.89 dollari USA, in rialzo dell’1.85% secondo i dati forniti dal mercato. Il sell-off di due giorni si è fermato al minimo di 4150 dollari USA. Il rimbalzo successivo ha poi guadagnato molta velocità al di sopra della media mobile a 50 giorni situata intorno al livello di 4185 dollari USA.

Tuttavia, il ribasso dalla media mobile a 50 giorni (un supporto vero e proprio) ha mostrato che le paure circa l’evento sono ormai scomparse. Quindi adesso rimane da chiedersi se il Bitcoin è pronto per un movimento rialzista poderoso, oppure se si tratta solo di uno short squeeze, o comunque di una trappola?

L’analisi della price action suggerisce che la criptovaluta si sta attualmente muovendo in un territorio non ben precisato.

Nonostante ci siano molti motivi per essere ottimisti, il Bitcoin non si trova ancora con un setup sicuro al 100%. Gli investitori hanno infatti bisogno di attendere in una rottura al rialzo della resistenza offerta dalla trendline rialzista in quanto potrebbe portare il mercato a muoversi all’interno di un pattern testa-spalle.

La formazione testa-spalle consiste in una spalla sinistra, in una testa e in una spalla destra e di una linea disegnata come un scollo. Una pausa al di sotto della scollatura indica un inversione di tendenza ribassista.

Una chiusura della giornata vicina alla linea di tendenza rialzista aprirà le porte per un rally a 4.700 dollari.

Da un punto di vista ribassista, la mancata presa della linea di tendenza rialzista, seguita da una pausa al di sotto del testa/spalle di $ 4.170, potrebbe aprire al ribasso verso il livello di $ 3.870.

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento