News

Bill Gates non ha criptovalute: ecco le sue ragioni

Pubblicato: 20 Maggio 2022 di Francesco

Bill Gates non ha criptovalute: è ciò che sarebbe emerso proprio dalle sue ultime dichiarazioni, presentate ed evinte durante alcune delle sue ultime interviste. Il noto miliardario americano, ha ultimamente partecipato anche ad uno scambio di informazioni di Ask Me Anything su Reddit.

Con un patrimonio stimato netto pari a circa 125 miliardi dollari, Bill Gates ama da sempre parlare di argomenti legati al mondo degli investimenti, sulla creazione di valore ed al perché una persona dovrebbe o meno investire su alcune nicchie di mercato.

Molto curiosi, anche gli scambi di battute (proposti sempre in sedi ed interviste differenti), fra lo stesso Bill Gates ed Elon Musk, ulteriore imprenditore di successo e creatore di Tesla, così come di numerosi altri progetti. Fra le tante informazioni esposte dal fondatore di Microsoft, anche considerazioni sul mercato crypto.

L’imprenditore avrebbe infatti confermato di non possedere alcun asset crypto. Come mai? Quali sono le ragioni alla base di ciò? Prima di continuare, ricordiamo che per tutti gli interessati, con visioni differenti sul mercato crypto, le principali criptovalute mondiali siano individuabili su broker professionali, del calibro di eToro (clicca qui per iscriverti).

Bill Gates non ha criptovalute: su cosa gli piace investire?

Cerchiamo a questo punto di entrare nel dettaglio e di comprendere perché Bill Gates non ha criptovalute, come affermato da egli stesso in una recente intervista. Durante proprie considerazioni, avrebbe ricordato che:

“Mi piace investire in cose che hanno un output prezioso. Il valore delle aziende si basa su come realizzano ottimi prodotti. Il valore delle criptovalute è proprio quello che un’altra persona decide che qualcun altro pagherà per questo, quindi non si aggiunge alla società come altri investimenti.”

Parole sicuramente singolari, che pongono un focus dell’imprenditore soprattutto sul comparto dei titoli azionari, poiché considerati da Gates legati a società che possono portare valore, essendo associate a risoluzioni di problemi reali che le persone pagano per ottenere.

Nel corso degli ultimi anni, avrebbe altresì più volte espresso propri timori sul mondo crypto, anche sulla criptovaluta con maggior capitalizzazione al mondo, ossia il Bitcoin. Solamente nel mese di febbraio, avrebbe ad esempio esposto “se hai meno soldi di Elon, dovresti probabilmente stare attento”.

Parole che sono state sottolineate ultimamente da molti utenti di rete, soprattutto in associazione ad aspetti di volatilità ed imprevedibilità sui mercati crypto (si pensi ad esempio al recente crollo della criptovaluta Terra LUNA, avvenuto in pochissime ore). Gates ha poi sottolineato l’aspetto di una mancanza di regolamentazioni ad hoc.

Fra i maggiori rischi associati al Bitcoin (così come alle altre criptovalute), ha ricordato da una parte la valenza degli strumenti da asset decentralizzati e dall’altra l’ipotetica estrema volatilità che da sempre caratterizza questi strumenti. Tutto ciò legato soprattutto a transazioni anonime ed irreversibili.

Continueremo in ogni caso a restare costantemente aggiorni su nuove ed eventuali dichiarazioni pubbliche da parte dell’imprenditore Bill Gates, così come dei maggiori uomini di spicco influenti, quali Elon Musk, Jeff Bezos e molti altri ancora.

Note finali

Alla luce di quanto esposto fin qui, è in ogni caso doverosa una precisazione. Il settore delle criptovalute non rappresenta una truffa, se ovviamente associato a progetti reali e ad attività basate sull’uso di piattaforme professionali ed autorizzate.

Uno dei broker più completi, a proporre un listino di asset costantemente aggiornato e con tante funzionalità per gli utenti registrati, è eToro (clicca qui per iscriverti). Si tratta di un operatore regolamentato (ossia con licenze reali anche nel nostro territorio europeo) e con una duplice valenza:

  1. permette da una parte di comprare specifiche criptovalute in modo fisico e “reale”, agendo quindi sull’asset sottostante;
  2. dall’altra dà la possibilità di negoziare utilizzando contratti per differenza, ossia strumenti derivati che replicano l’andamento dell’asset sottostante, permettendo di agire anche al ribasso, con la cosiddetta vendita allo scoperto.

Puoi sempre iniziare con un comodo conto demo, ossia una simulazione a tutti gli effetti, basata su un capitale virtuale di 100.000 dollari, da poter utilizzare per provare le funzionalità della piattaforma, o semplicemente per testare strategie di trading. È inoltre possibile sottolineare:

  • Copy Trading per selezionare trader reali con esperienza (ossia Popular Investor) ed ottenere le loro stesse strategie a mercato;
  • app per dispositivi mobili, per qualsiasi sistema operativo;
  • assistenza professionale in caso di esigenze e necessità;
  • sezione educativa, con la nota Financial Academy;
  • grafici in tempo reale, costantemente aggiornati, su tutti gli asset supportati.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento