News

XRP: class action contro Apple per negligenza

Da un lato, Ripple ha combattuto la SEC degli Stati Uniti in tribunale. Dall’altro, anche gli hodler XRP stanno prendendo la strada legale. Tuttavia, lo stanno facendo non contro i regolatori o qualsiasi autorità, ma Apple Inc.

In un deposito davanti alla corte federale del Maryland, i querelanti sostengono che Apple ha permesso agli hacker di rubare i loro beni. Secondo lo stesso, molti utenti di criptovalute hanno subito pesanti perdite dopo aver scaricato un’applicazione Apple chiamata “Toast Plus”.

Prima di procedere con tutta la vicenda relativa alla class action, se vuoi investire in crypto, dovresti sapere che utilizzando una piattaforma certificata come eToro avrai tanti servizi a disposizione, come il CopyTrading o il CopyPortfolios . Aprire un conto reale è semplice e bastano solo 50$.

Clicca qui per ottenere un conto gratuito su eToro

Class action contro Apple: cosa è successo?

Molti utenti di criptovalute hanno subito pesanti perdite dopo aver scaricato un’applicazione Apple chiamata “Toast Plus”.

Ciò ha spinto Hadona Diep, residente nel Maryland, a rivolgersi alla corte. Sostiene che Apple abbia consentito tali applicazioni di “phishing” mascherate da cripto-portafoglio sul suo App Store, inducendo diversi utenti Apple a scaricare e installare un portale criminale nei loro account crittografici.

Diep ha poi affermato che Apple è responsabile “direttamente e/o indirettamente” poiché non è riuscita a controllare il software distribuito dal suo negozio online. La società ha il controllo sull’App Store, consentendo anche ai venditori di elencare le proprie app ed estrarre il 30% di commissione su ogni vendita, fino a poco tempo fa.

“L’App Store monopolistico genera quindi decine di miliardi di dollari di entrate all’anno per Apple, attraverso l’addebito da parte di Apple di una ripartizione del 70/30% su tutte le entrate generate dalle applicazioni scaricate tramite l’App Store, sia attraverso tasse per download, abbonamenti, acquisti in app o commissioni di servizio.”

Curiosamente, Apple ha recentemente risolto un’altra causa legale intentata da sviluppatori di software con sede negli Stati Uniti. Ha promesso condizioni migliori per le persone che fanno gran parte del software che gira su iPhone. Sebbene Apple abbia affermato che l’App Store è il “luogo più sicuro e affidabile in cui gli utenti possono ottenere app”, gli utenti dell’app Toast Plus avevano qualcosa di diverso da dire. Il querelante infatti credeva che Toast Plus fosse una versione di Toast Wallet, un noto portafoglio di criptovalute, poiché i nomi erano simili e il logo utilizzato per l’applicazione nell’App Store era lo stesso o quasi identico.”

Com’è andata la vicenda con Toast Plus?

Nel 2018, Diep ha trasferito 474 XRP su un crypto-wallet che è stato chiuso il mese successivo. Successivamente, ha collegato le sue chiavi private a Toast Plus nel marzo 2021 ma non ha trasferito denaro poiché teneva le monete come investimento.

Tuttavia, ad agosto, quando Diep è tornato per controllare il portafoglio, ha scoperto che non solo mancava il suo XRP, ma che il suo account era stato “cancellato” il 3 marzo 2021. Le perdite ammontavano a oltre $ 5.000, secondo la denuncia. In effetti, ha anche affermato che, nonostante abbia contattato Toast Plus, Apple e le forze dell’ordine, nessuno si è assunto alcuna responsabilità.

Tuttavia, Diep non è solo. Molti utenti hanno elencato reclami simili.

La suddetta causa include chiunque abbia scaricato il portafoglio dall’Apple App Store e ha “diritto a danni legali dell’importo maggiore di $ 10.000 o $ 100 al giorno per ogni giorno di violazione, danni effettivi e punitivi, spese legali ragionevoli e profitti ottenuti dal convenuto dalle violazioni sopra descritte”.

Considerazioni finali

Aspettiamo con ansia ulteriori novità, anche perché al momento Apple non ha ancora risposto alle accuse.

Pensi di voler investire in criptovalute? Fallo solo su piattaforme sicure e legali, come eToro, intermediario con +30 valute a listino. Puoi iniziare a investire sulle cripto partendo da soli 50$, senza alcuna commissione. Inoltre dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale e presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.

Prova ora il conto gratuito su eToro
Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento