News

Il Trader Arthur Hayes: il mercato più sicuro dove investire è quello del Bitcoin

Sensazionali notizie dal leggendario ex-trader di Citigroup Arthur Hayes, che gestisce Bitmex, un exchange di criptovalute basato ad Hong Kong che consente una leva molto alta (fino a X100) quando si tratta di vendere e comprare i derivati sulle criptovalute.

Non si tratta semplicemente di un’altro veterano di Wall Street, ma di una personalità di spicco nel mondo delle criptovalute ed anche uno dei più grandi “Tori” circa il Bitcoin.

Hayes crede fermamente che la blockchain sia la scintilla in grado di far scoccare un combattimento tra le “vere criptovalute” come il Bitcoin ed una nuova valuta digitale controllata dalle banche centrali.

Queste due nuove valute “parallele” sono il risultato inevitabile della sua tesi sull’investimento in questo mercato: “Una società digitale ha bisogno di denaro digitale”.

In parole povere quindi, il Bitcoin ha portato il mondo delle criptovalute e le istituzioni di tutti i tipi ad utilizzare la tecnologia a suo vantaggio.

Secondo Hayes, i Governi risponderanno in maniera massiccia alla proliferazione delle criptovalute semplicemente ritirando banconote dalla circolazione, ed i governi inizieranno ad emettere denaro digitale che funziona in modalità simile alle criptovalute.

Tuttavia, sempre secondo Hayes, le somiglianze sono tutte di facciata. Una criptovaluta controllata dal Governo sarà l’antitesi di tutto quello per cui le vere criptovalute oggi rappresentano. L’emissione di denaro digitale significherà l’inizio di un mondo utopistico dove i governi riusciranno a monitorare e controllare ogni singola transazione all’interno dell’economia.

Hayes quindi, crede che il Bitcoin e le altre le criptovalute abbiano oggi una proposta di valore non solo adesso, ma anche durante i prossimi anni.

Quando Hayes parla di denaro digitale, vede una vera e propria rivoluzione non solo in USA, ma in tutto il globo.

Il problema è che i governi di tutto il mondo sembrano più interessati nel controllo, che nella tecnologia reale del Bitcoin e delle altre criptovalute.

Secondo Hayes il denaro digitale può essere uno strumento che consentirà ai governi ed alle banche centrali globali di controllare praticamente tutte le transazioni finanziarie, tassando ogni vendita o persino bloccare le persone dal sistema di pagamento se non dispongono delle licenze rilasciate dal governo.

Le criptovalute sono l’unico metodo per poter preservare la privacy dalla minaccia del denaro digitale che hanno attualmente in mente i governi.

Inoltre, le criptomonete consentiranno agli individui ed ai business di effettuare scambi in giurisdizioni dove le parti non si fidano del denaro elettronico e preferiscono utilizzare l’altissima sicurezza delle criptovalute.

Forme di criptovalute, come Bitcoin, Dash, Monero e Zcash, riescono ad offrire agli utenti sia privacy che sicurezza.

Un esempio di valuta che non è denaro, secondo Hayes è l’Ether, che secondo lui non si qualifica propriamente come denaro in quanto viene utilizzato per le applicazioni distribuite (smart contratti).

Hayes inoltre non crede che il Bitcoin riesca a sostituire il denaro classico, quando si tratta di comprare un caffè o un giornale. Questo è dovuto al fatto che le blockchain pubbliche sono lente rispetto ai metodi di pagamento privati.

Hayes infine crede che la cosa migliore da fare attualmente è quella di comprare un piccolo quantitativo di Bitcoin, in quanto non c’è niente di più sicuro di un mercato con una capitalizzazione pari ad 80 milioni di dollari. Successivamente, è consigliabile fare qualche ricerca per capire qual’è la criptovaluta che più si addice al proprio rischio.

Una delle migliori piattaforme per investire nel Bitcoin e molte altre criptovalute, è eToro. Si tratta di un broker regolamentato in tutta europa direttamente dalla CySECPuoi investire da oggi nel Bitcoin con eToro (uno dei primi broker al mondo ad averlo introdotto come strumento CFD) >>

Sull'autore

Marco Niro

Residente a Cipro. Esperto di posizionamento sui motori di ricerca. Laurea in Informatica. Trader dal 2010. Mi occupo di analisi sull'andamento delle criptovalute.

Lascia un Commento