News

Segwit2x sarà un fallimento?

Mancano ormai soltanto due settimane al lancio di Segwit2x, il nuovo hard fork di Bitcoin, tutti gli occhi sono puntati su questa grande novità all’interno della community delle criptovalute.

Si tratta senza dubbio di uno dei momenti più controversi nella storia del Bitcoin, in quanto potrebbe avvenire quello che si prospetta essere il più pericoloso “split” che il Bitcoin e qualsiasi altra criptovaluta abbiano mai vissuto prima d’ora.

Molti non sono ancora a conoscenza che Segwit2x potrebbe avere delle conseguenze a dir poco devastanti sull’ecosistema delle criptovalute.

Tuttavia, per gli investitori, potrebbe essere un’occasione importante per consentirgli di capire se uno split del genere consentirà al Bitcoin di affermarsi come un “forziere” di valore sicuro oppure no.

Uno svariato numero di fattori hanno contribuito a rendere questa situazione totalmente senza precedenti, e quindi aumentando l’incertezza su quelli che potrebbero essere gli effetti.

Altri fork controversi che cercano di aumentare la dimensione dei blocchi si sono rivelati degli insuccessi che portano i nomi di Bitcoin XT, Bitcoin Classic e Bitcoin Unlimited. Tuttavia, 2x differisce in svariati modi da questi tentativi fatti in precedenza.

Il primo è nell’appoggio di terze parti. Il fork 2x è il risultato “dell’accordo di New York” in cui hanno fatto parte un’impressionante sfilza di grossi player del settore tra cui miners, portafogli, exchange e processori di pagamento.

Sin dagli inizi, l’accordo ha portato alla partecipazione di ben 58 aziende che si trovano in 22 paesi tra cui molti dei più grandi nell’ecosistema e l’83,28% della potenza di hashing dei miners. Questo ha rappresentato la spinta più significativa per qualsiasi hard fork atto ad aumentare la dimensione del blocco.

La seconda e più importante differenza è la violazione da parte del NYA dalle convenzioni tradizionali per quanto riguarda le modifiche al protocollo bitcoin. Questa è stata la fonte di gran parte dei malumori e delle proteste all’interno della community.

A differenza dei tentativi precedenti di modificare il protocollo del bitcoin core, Segwit2x non è stato introdotto come una proposta di miglioramento di Bitcoin, ma tramite l’accordo di New York.

Mentre le molte grandi aziende che hanno inizialmente firmato per Segwit2x potrebbero sembrare rappresentare un chiaro consenso tra la gran parte dell’ecosistema, i nuovi sviluppi hanno dimostrato che questo non è assolutamente il caso.

In primo luogo, il raddoppio della dimensione del blocco che Segwit 2x è stato respinto dalla stragrande maggioranza della community di sviluppo open-source per motivi tecnici e, di conseguenza, non è compatibile con il Bitcoin Core, che è il più diffuso client bitcoin supportato al mondo.

Un pericolo per gli investitori del Bitcoin

Se Segwit2x dovesse avvenire realmente durante la sessione di domani, il risultato sarebbe disastroso. Senza la replay protection e con due blockchain che mantengono valori monetari differenti, la perdita di fondi per moltissimi utenti sarà inevitabile a causa di “replay spending” accidentali, “replay attacks” e inaspettate incompatibilità tra i servizi ed i software.

Deciderà come sempre il mercato

Se segwit2x meriterà di emergere ed essere accettato in maniera uguale o superiore al Bitcoin da parte degli utenti, lo deciderà il mercato.

La migliore indicazione di come il prezzo di Segwit2x potrebbe essere, si può capire su exchange come Bitfinex, che approssimativamente ha valutato una futura criptovalute Segwit2x a circa il 15% del valore di un bitcoin.

Investire in Segwit2x

Plus500 Investire Bitcoin

Plus500 Investire Bitcoin

Attualmente non è possibile investire nella criptovaluta Segwit2x, ma è possibile investire in criptovalute come Bitcoin, Bitcoin Cash e molte altre ancora con il broker di trading online regolamentato Plus500 (a zero commissioni). Clicca qua per testare una demo di Plus500 gratuitamente >>

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento