News

EOS dopo la IPO è ancora piena di bachi

EOS è stata per mesi una delle criptovalute più attese e più apprezzate nel mondo degli altcoin. Block.one, il team di sviluppo responsabile del progetto, ha lanciato un’offerta iniziale di monete (ICO) di un anno per sostenere il progetto, raccogliendo $ 4 miliardi nel processo. Gli investitori e gli altri membri della comunità della moneta digitale hanno aspettato per mesi la data di lancio di giugno. Ora, passata la fatidica data, ci sono problemi che continuano ad affliggere il popolare ecosistema dei token digitali.

Chi esegue il codice?

Parte di ciò che ha fatto risaltare EOS in un campo affollato è il modello unico che i suoi sviluppatori hanno creato per la gestione dell’ecosistema blockchain. Gli investitori che hanno acquistato i token ERC-20 durante l’ICO hanno acquistato i loro token convertiti in valuta EOS sulla piattaforma EOSIO il 2 giugno. Gli investitori in possesso di token EOS nativi sono responsabili della gestione dell’intero ecosistema.

Questo processo dovrebbe essere realizzato tramite il voto per i produttori di blocchi
, che contribuirà a mantenere la rete. Allo stesso tempo, gli sviluppatori del progetto intendono supportare applicazioni decentralizzate per la rete EOSIO, che saranno anche collegate ai token EOS nativi in ​​modo proporzionale. Più token hanno puntato nell’applicazione, più risorse sono disponibili per quell’app.

Centinaia di bachi

La pagina EOS Github suggerisce che c’erano circa 620 bug e altri problemi che erano rimasti irrisolti all’inizio di questa settimana, dopo il lancio ufficiale dei token. Più di 1.400 problemi erano già stati risolti durante lo sviluppo.

Forse il problema più significativo ora è che i produttori di blocchi stanno lavorando per eseguire il codice, che è disponibile al pubblico, ma la blockchain non è ancora attiva. Mentre il processo continua, potrebbero emergere altri problemi. Allo stesso tempo, Block.one si è intenzionalmente lasciato fuori dal processo.

Gli sviluppatori probabilmente hanno anticipato i crescenti dolori per il loro progetto
, che mira a portare il concetto di decentralizzazione a un livello che poche altre criptovalute e reti di blockchain hanno esplorato. Partendo dal presupposto che il gruppo di investitori, gli sviluppatori di blocchi e altri sostenitori di EOS saranno in grado di determinare come gestire al meglio l’ecosistema attraverso un lungo processo di prove ed errori, può darsi che il prodotto emergente apra porte che sono rimaste chiuse nel regno delle criptovalute.

EOS quotazione in tempo reale 7 giugno 2018

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

Lascia un Commento