News

IOTA ottime prospettive, nuova partnership con la startup AKITA

Lo IOTA è un protocollo di contabilità distribuita in continuo sviluppo e protagonista di moltissime partnership. Negli ultimi tempi, abbiamo visto IOTA stringere partnership con le ONG e fornire dettagli su Qubic. L’ultima impresa della compagnia è stata lanciata questa settimana. Si chiama IOTA Lab ed è stato sviluppato in collaborazione con AKITA.

Il lancio del laboratorio IOTA

Lo IOTA Lab è stato sviluppato insieme ad AKITA, che è una startup basata su blockchain. Se non hai mai sentito parlare di AKITA prima, è una startup che si concentra principalmente sul rendere la DLT più tangibile. AKITA vuole anche integrare la DLT nella vita di tutti i giorni.

AKITA ha confermato il lancio, twittando la notizia ai suoi seguaci. IOTA ha ritwittato il messaggio.

Cos’è lo IOTA Lab?

Quindi, lo IOTA Lab è stato lanciato con l’aiuto di AKITA, ma che cos’è? Che cosa fa? Qual è lo scopo? Tutte buone domande. I dettagli sono un po’ limitati, ma ci sono alcune cose che sappiamo per certo.

Basato sul tweet di AKITA, lo IOTA Lab sarà un “progetto di comunità aperto”. Sappiamo anche che, a parte lo IOTA Lab, AKITA sta lavorando su IOTA “Tangle”.

IOTA e AKITA sono una buona coppia?

Menzionata brevemente, AKITA sta lavorando su “Tangle” con IOTA, il che significa che queste due piattaforme si fidano l’una dell’altra abbastanza per lavorare su più di un progetto alla volta. Inoltre, AKITA ha già creato una serie di prove di concetti basate su IOTA (POC). Ecco alcuni esempi:

  • Raspberry Pi
  • Stazione metereologica
  • Dati del sensore di impulso SmartWatch

IOTA quotazione e prezzo 7 giugno 2018

La pubblicazione della notizia della nascita dello IOTA Lab non ha avuto l’effetto positivo che si sperava ma questo è dovuto alla difficile situazione complessiva delle criptovalute in questo momento. Appena Bitcoin riprenderà la sua corsa, anche le altre criptovalute lo seguiranno.

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

Lascia un Commento