News

CZ si è dimesso da CEO di Binance

Changpeng Zhao (CZ) non sarà più il CEO di Binance e ha dichiarato di non avere intenzione di ricoprire mai più il ruolo di CEO di una startup.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha raggiunto un accordo di risarcimento di 4,3 miliardi di dollari con il gigante degli scambi di criptovalute Binance, chiudendo le indagini che risalgono al 2018.

Il DOJ ha confermato l’accordo in una trasmissione video in diretta martedì, segnando una delle azioni di contrasto più significative mai concluse in un caso legato alle criptovalute. La società ha ammesso la colpa per aver volontariamente violato il Bank Secrecy Act, tra le altre cose. Ora è tenuta a segnalare attività finanziarie sospette alle autorità federali.

Nel frattempo, il fondatore di Binance, Changpeng Zhao (CZ), ha ammesso la colpa per non aver implementato un solido programma anti-riciclaggio di denaro (AML) sulla piattaforma. Ha presentato la sua ammissione di colpa di persona in un tribunale distrettuale degli Stati Uniti oggi stesso. Pagherà personalmente una multa di 50 milioni di dollari e si è dimesso dalla carica di CEO dell’exchange.

In seguito all’annuncio, il prezzo di BNB è sceso da 253 dollari all’inizio della giornata a 242 dollari.

CZ ha confermato la sua decisione di dimettersi martedì attraverso un post, ammettendo di aver “commesso errori e di doverne assumere la responsabilità”. Ha scritto: “Non riesco a vedermi più come un CEO alla guida di una startup. Sono soddisfatto di essere un imprenditore fortunato in un’unica occasione”.

Richard Teng, ex responsabile globale dei mercati regionali di Binance, sarà il nuovo CEO dell’azienda. Nel suo post, Teng ha dichiarato che il suo focus sarà collaborare con i regolatori, promuovere l’adozione di Web3 e garantire agli utenti che Binance è un’azienda sicura e affidabile. Ha detto: “Con il sostegno di CZ e del nostro team di leadership, ho accettato questo ruolo in modo da poter continuare a soddisfare e superare le aspettative degli stakeholder mentre perseguiremo la nostra missione principale, la libertà del denaro”.

Incertezza sulla Sentenza

Mentre l’accusa penale a cui Zhao ha dichiarato di essere colpevole prevede una pena massima di 10 anni di prigione e 500.000 dollari di multa, non è immediatamente chiaro cosa raccomanderanno i pubblici ministeri federali in base all’accordo. Tuttavia, si prevede che l’ex CEO di Binance possa scontare al massimo 18 mesi di prigione.

James Seyffart, un giornalista di Bloomberg, ha dichiarato di essere sorpreso dalla potenziale durata della pena per CZ, confrontata con il fondatore di un exchange concorrente, Sam Bankman-Fried. “È probabile che sia molto meno di quanto riceverà SBF”, ha twittato il giornalista.

Gli avvocati di CZ hanno dichiarato oggi in tribunale che una decisione sulla condanna potrebbe essere rinviata fino a sei mesi. L’accordo di colpevolezza di Zhao include anche una rinuncia al diritto di appellarsi. Tuttavia, la sentenza non deve superare gli 18 mesi.

Investi in crypto con una piattaforma sicura

Investire su crypto attraverso eToro offre agli utenti una piattaforma accessibile e user-friendly per entrare nel mondo delle criptovalute. eToro consente di acquistare e vendere Bitcoin in modo semplice, consentendo agli investitori di partecipare al mercato delle criptovalute senza dover gestire direttamente le complesse procedure di custodia delle monete digitali.

La piattaforma eToro è nota per il suo rispetto per le normative, per la sua interfaccia intuitiva, che consente di fare il trading di Bitcoin anche per coloro che sono nuovi nel settore delle criptovalute. Gli utenti possono investire in Bitcoin sia in modalità reale che virtuale, consentendo loro di testare le proprie strategie senza rischiare fondi reali.

Clicca qua per aprire un conto su eToro.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Andrea Motta

Sono un appassionato di finanza, economia e trading, con una vasta esperienza nel campo del giornalismo. Dal 2001, sono un giornalista pubblicista, iscritto all’Albo dei giornalisti.

Lascia un Commento