News

Criptovalute e finanza: il 50% degli americani a favore

Pubblicato: 7 Novembre 2022 di Francesco

Secondo diversi studi condotti di recente sul mercato, il connubio fra criptovalute e finanza continua a crescere anno dopo anno. Checché se ne dica dei momenti difficili e del pesante down che ha caratterizzato il settore nel mese di settembre, il 50% degli americani non ha alcun dubbio.

Circa la metà dei cittadini americani è infatti sicuro che le “criptovalute sono il futuro della finanza”. Ad essere pienamente d’accordo con questa dichiarazione, sarebbero sia i maggiori esponenti democratici, con il 59%, sia gli esponenti repubblicani, al 53%.

Le indagini che vengono di volta in volta presentate e proposte da studi professionali, sono molto adocchiate da esperti ed analisti. Ciò perché mettono in luce le intenzioni e gli interessi reali delle persone e dei potenziali investitori retail nel mondo crypto.

Vediamo quindi di entrare nel dettaglio e di soffermarci più specificatamente sui risultati dedotti dall’analisi. Ricorda in ogni caso che l’accesso alle principali criptovalute mondiali sia ad oggi garantito dalle migliori piattaforme di investimento, come ad esempio eToro.

Con lo stesso hai la possibilità di iniziare con un comodo account demo, senza alcun limite di tempo, oppure di caricare un deposito iniziale, anche comodamente con PayPal, da soli 50 euro (sia tramite pc che tramite applicazione).

Clicca qui per registrarti su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Criptovalute e finanza: ecco i risultati dell’indagine

Scendendo nello specifico sul rapporto di criptovalute e finanza, è bene esporre i risultati più importanti emersi dall’indagine. La stessa è stata condotta per conto di Grayscale ed ha visto come partecipanti un gruppo di 2.000 americani, di età superiore ai 18 anni.

Le indicazioni sono state successivamente catalogate sulla base dell’età, della provenienza geografica, del sesso e così via. Il primo dato significativo, in linea tuttavia anche con le indagini degli anni passati, ha rivelato che circa il 49% fosse a conoscenza delle criptovalute.

Dello stesso 49%, la fetta più considerevole deriverebbe proprio dagli intervistati più giovani, in una fascia di età compresa fra i 18 ed i 34 anni (circa il 70%). La fascia d’età che va invece dai 35 ai 44 anni, sarebbe ovviamente più bassa, seppur migliorata rispetto agli anni passati.

Nel corso del 2022, le criptovalute sono state fra le classi più colpite sui mercati. Il Bitcoin, prima criptovaluta per capitalizzazione di mercato, ha comunque avuto la capacità di dimostrarsi relativamente stabile rispetto ad altri asset, eguagliando nel terzo trimestre la volatilità della sterlina.

Curioso sottolineare, come la maggior parte degli stessi investitori crypto, sempre secondo l’indagine, abbia aperto posizioni dopo aver letto notizie, oppure perché convinto da amici e familiari. Solamente una piccola percentuale, pari al 25%, avrebbe allocato posizioni su consiglio di un consulente finanziario.

Altro aspetto rilevante, sempre dedotto dallo studio, riguarderebbe le questioni normative e regolamentari. A gran voce, l’88% dei democratici ed il 77% dei repubblicani, è d’accordo sul fatto che il settore delle criptovalute richiede una maggior regolamentazione. Molti americani, credono inoltre nella necessità di ottenere più informazioni sul mondo crittografico.

Considerazioni finali

Al di là dei risultati evinti dall’indagine, un interessante parallelismo può essere avviato nei confronti delle due sezioni politiche. I rappresentati democratici, sono infatti sempre stati molto più diffidenti sul mercato delle criptovalute.

Di contro, i rappresentati repubblicani sono stati fra i promotori più significativi dello sviluppo, o almeno dell’accettazione di questo nuovo connubio fra criptovalute e finanza. Rapporto che va avanti ormai da anni, anche grazie alla crescita di tutto il comparto crypto.

Lo stesso conta ad oggi migliaia di criptovalute, molte delle stesse con capitalizzazioni colossali. Puoi tu stesso, in completa autonomia, analizzarle ed acquistarle utilizzando le migliori piattaforme di investimento online, come ad esempio eToro.

Si tratta di una piattaforma snella, rapida e facile da utilizzare. Funge da una parte da vero e proprio exchange, permettendoti di comprare criptovalute reali (come ad esempio Bitcoin, Ethereum, Ripple e così via) e dall’altra di agire con CFD, ossia solo sulle variazioni dei prezzi.

Con eToro benefici sempre di un corso formativo completo sul mondo delle criptovalute, di spread bassissimi sugli scambi e di un ottimo account demo, senza alcun limite di tempo, che può essere gestito anche tramite la pratica applicazione per dispositivi mobili.

Clicca qui per registrarti su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento