News

Ripple e finanza giapponese: arriva l’accordo con Hamamatsu Iwata

Ripple continua la sua scalata alla finanza tradizionale, chiudendo un nuovo accordo in Giappone.

Grazie al supporto di SBI Holdings, ora è la volta anche del gruppo Hamamatsu Iwata, una delle istituzioni bancarie più rilevanti del Giappone.

Il colosso nipponico del credito potrà quindi utilizzare Ripple per le rimesse internazionali, affiancandolo al suo servizio di rimesse classiche.

L’adozione del protocollo Ripple le permetterà di fornire servizi più rapidi e convenienti, e quindi la possibilità di puntare alla conquista dei mercati d’oltreoceano.

L’infrastruttura dedicata agli operatori bancari sarà sempre RippleNet, la stessa già usata anche da numerosi gruppi di India e Medio Oriente.

Insomma Ripple procede spedita, e con la conclusione di questo accordo, porta a casa un altro successo.

Ripple e finanza: tra cause e successi

Non è la prima volta che Ripple ottiene ottimi risultati grazie alla partnership con SBI, anzi.

In effetti buona parte delle conquiste di Ripple nell’ambito della finanza tradizionale sono frutto della partnership con la holding giapponese.

Il gruppo finanziario sta infatti cercando di diffondere su scala internazionale il suo servizio SBI Remit, ovvero l’adozione di un protocollo di trasferimento bancario basato proprio su Ripple.

Insomma una partnership destinata a generare successo per entrambe le parti. Peccato solo che tra i recenti successi di Ripple non ci sia ancora anche quello in tribunale.

La celebre causa di Ripple contro il SEC sta andando infatti per le lunghe, ed almeno per ora impedisce alla società di rispettare i tempi che si era prefissata per la quotazione in Borsa.

Ripple e finanza: cosa succederà adesso?

Ora che anche questo accordo è arrivato a conclusione, è naturale farsi qualche domanda. La prima su tutte: quale sarà l’andamento di Ripple?

Nel breve e brevissimo periodo probabilmente il prezzo di RIPPL non subirà variazioni, ma di sicuro consoliderà la sua posizione e solidità nel mercato DeFi.

Nel lungo periodo invece le previsioni sono fortemente rialziste e ci si aspetta che anche il prezzo crescerà parallelamente all’espansione di Ripple nella finanza tradizionale.

Note Finali

Grazie agli accordi che Ripple ha messo a segno con istituzioni di finanza tradizionale di vari Paesi fa presagire sostanziosi rialzi, almeno nel lungo periodo.

Questo significa che ora è il momento migliore per iniziare ad investire nella criptovaluta, per beneficiare appieno della sua potenziale ascesa.

Non resta quindi che chiarire un ultimo dettaglio operativo: Qual è il modo migliore per investire in Ripple ora?

Un ottima soluzione viene fornita dalla piattaforma eToro, un broker multi asset che permette di negoziare sulle migliori criptovalute anche in CFD.

A differenza dei più noti exchange di criptovalute, comprare Ripple su eToro con i CFD permette di: operare su una piattaforma regolamentata, negoziare con commissioni più basse e guadagnare anche se il valore del token scende.

Un ipotesi non troppo remota, visto che la causa pendente conto il SEC potrebbe non dare gli esiti sperati e provocare un calo.

A questo si aggiunge poi un ulteriore vantaggio: la possibilità di fare trading automatico sulle criptovalute con l’esclusivo Crypto CopyFund di eToro.

Grazie a questa modalità di trading è infatti possibile replicare, senza costi ed anche in modalità demo, i portfolio cripto dei migliori trader della piattaforma.

Ecco il link per accedere alla piattaforma eToro ed iniziare a negoziare su Ripple e le migliori criptovalute:

Clicca qui per creare subito il tuo account eToro

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giancarla Basile

Lascia un Commento