News

VISA potrebbe collaborare con Ethereum per pagamenti automatici

Pubblicato: 20 Dicembre 2022 di Francesco

Nella giornata di Lunedì, il colosso dei pagamenti ha dichiarato il suo stretto interesse sul mondo delle criptovalute. Nel dettaglio, VISA potrebbe collaborare con Ethereum per l’inserimento di specifici servizi legati ai pagamenti automatici.

Una notizia che ha subito creato interazioni sul web, soprattutto da coloro che in Ethereum vedono uno dei progetti DeFi, ossia di fidanzata decentralizzata, più importanti al mondo. Un ecosistema che si starebbe tuttavia intrecciando anche con la finanza tradizionale.

Il connubio VISA-Ethereum rappresenterebbe uno degli accordi più grandi degli ultimi tempi ed ognuno beneficherebbe delle potenzialità dell’altro. La rete VISA è una delle più grandi in assoluto e la tecnologia di Ethereum è invece integrata in centinaia di progetti.

Buone notizie per Ethereum? Ancora presto per dirlo, visto che le idee restano, almeno per adesso, mere ipotesi. Puoi in ogni caso tenere sotto stretta osservazione il valore della criptovaluta attimo dopo attimo utilizzando gli strumenti delle migliori piattaforme di investimento crypto.

Fra le stesse troviamo eToro, che ti permette subito di aprire un account, di selezionare ETH, valutarlo sulla base dei tuoi interessi e di piazzare la strategia di acquisto. Puoi inoltre partire senza impegno con un pratico account demo.

Clicca qui per investire su Ethereum su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

VISA potrebbe collaborare con Ethereum: ecco come

Scendendo nel dettaglio su VISA che potrebbe collaborare con Ethereum, è bene soffermarsi su come l’unione dei due colossi garantirebbe pagamenti automatici. Il funzionamento del sistema è in realtà molto semplice ed intuitivo, almeno su carta.

Gli utenti Ethereum, con il supporto di VISA, avranno la possibilità di programmare pagamenti automatici inviati da portafogli crittografici auto-custoditi. Questa specifica funzione non è effettivamente ancora disponibile sulla rete Ethereum e deve essere abilitata.

La proposta di Ethereum per abilitare la funzione prende il nome di “Account Abstraction” ed ha tutta l’aria di rivoluzionare il sistema dei pagamenti nel mondo, basandosi su blockchain e smart contract. Gli account degli utenti funzionerebbero come contratti intelligenti, permettendo di svolgere funzioni di esecuzione pre-programmate.

Con l’interesse mostrato da VISA, gli esperti si chiedono se la direzione dei tradizionali istituti finanziari, Fintech, o bancari nel mondo, potrà in qualche modo seguire l’esempio del noto circuito di pagamento. VISA starebbe cercando di diventare un player attivo nel mondo crypto.

A conferma di ciò, è possibile esporre anche le parole fiduciose, anche sull’avvenire, di Catherine Gu, Head of CBDC and Protocols di Visa. In un recente post pubblico sul noto social network Twitter, ha infatti dichiarato che:

“Vogliamo avere l’opportunità di contribuire attivamente agli sviluppi tecnici in atto nell’ecosistema delle criptovalute”, continuando con: “Il modo migliore per farlo è imparare facendo, in realtà approfondire le infrastrutture Web3 e i protocolli blockchain, aree che penso saranno davvero importanti per i pagamenti”.

Parole molto ottimiste sull’accordo, ma che celano in ogni caso i grandi adattamenti che Ethereum dovrà mostrare nei prossimi mesi, prima di riuscire ad essere integrato in un realtà solida, ma soprattutto centralizzata e privata, del calibro di VISA, o di altri player simili.

Note finali

Per riuscire in questa colossale partnership, Ethereum dovrà migliorare ulteriormente una delle problematiche che maggiormente attanaglia ecosistemi di questa tipologia: la scalabilità, ossia la capacità di mantenere sicuri gli scambi, nonché economici e rapidi, su larga scala.

Nonostante siano stati fatti enormi passi da gigante, la rete sta ancora cercando l’aggiornamento definitivo, che forse arriverà solamente dopo continui test. Uno degli ultimi, che potrebbe avvicinare il connubio fra VISA ed Ethereum, è Proto-danksharding.

È un sistema che potrebbe essere lanciato alla fine del prossimo anno e che permetterebbe di ridurre la quantità di dati per elaborare enormi quantità di transazioni sulla rete Ethereum. Un progetto ancora sul nascere, ma che avremo modo di seguire da vicino nei prossimi mesi.

Per adesso, per te che sei un investitore, è opportuno concentrarsi su tutte le possibili opportunità che il mercato mette a disposizione. Per valutare Ethereum, il suo andamento, nonché i suoi principali parametri, puoi utilizzare tutti gli strumenti proposti da broker come eToro.

Con lo stesso puoi caricare subito un deposito minimo molto discreto, da soli 50 euro ed acquistare Ethereum. In alternativa, puoi optare sulla negoziazione con strumenti derivati (al rialzo o al ribasso), utilizzando i CFD.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento