News

Truffe Bitcoin: Facebook vieta pubblicità di criptovalute

Facebook ha appena vietato ogni tipo di pubblicità online legata al Bitcoin e alle criptovalute. Ma che cosa è successo? Cosa ha spinto Facebook ad una decisione così drastica?

Il Bitcoin, insieme alle altre criptovalute, non è stato solo l’asset finanziario migliore di sempre, quello che ha dato più soddisfazioni agli investitori ma è stato anche utilizzato in tante, tantissime truffe.

Abbiamo ribadito più volte su Criptovalute24 che il Bitcoin non è una truffa ma che bisogna sempre stare attenti alle truffe: tra metodi per diventare ricchi in modo miracosolo grazie al Bitcoin come Bitcoin Code, ICO truffaldine ed exchange che rubano agli investitori come se non ci fosse un domani sono spariti centinaia di milioni di euro.

Non è un caso moltissime persone pensano che il Bitcoin sia semplicemente una truffa. Non è così, ma i profitti elevatissimi che il Bitcoin ha generato hanno scatenato una vera e propria corsa all’oro e i truffatori sono stati in prima fila.

La truffa più pericolosa di tutte è stata senza dubbio Bitcoin Code
: pubblicizzata in maniera massiccia tramite Facebook o email spam, ha convinto decine di migliaia di persone che potevano diventare ricche grazie al Bitcoin semplicemente investendo 250 euro (minimo) in un sistema miracoloso… peccato che come dimostrano le tante opinioni e recensioni su Bitcoin Code, tutti i soldi depositati sparivano direttamente. Non esiste una stima, almeno per il momento, sul numero di persone truffate da Bitcoin Code nè sulle somme rubate, ma sicuramente parliamo di decine di migliaia di persone cadute nella trappola e di milioni di euro rubati.

Anche le ICO hanno mietuto molte vittime: nel momento della maggior crescita del Bitcoin, moltissime ICO farlocche hanno raccolto milioni di euro da parte di persone che, avendo perso il treno del Bitcoin, volevano puntare su di una criptovaluta emergente, qualunque essa fosse. Ovviamente tutto questo denaro andato a finire nelle ICO è andato perso. In questo caso non è possibile nemmeno intraprendere un’azione legale: dopo tutto non c’è stata nessuna truffa, il token venduto nella ICO è stato consegnato come promesse, in cambio di denaro.

Anche gli exchange hanno fatto parlare molto di sè (male): tra utenti fregati di sana pianta, conti svuotati, condizioni capestro e down nei momenti cruciali, gli exchange sono veramente il punto debole dell’intero ecosistema delle criptovalute.

La pazienza di Facebook è finita

I truffatori di tutto il mondo sanno che fare pubblicità su Facebook è un modo economico ed efficace per far conoscere le loro truffe a decine di milioni di persone. Negli ultimi mesi, quindi, è stato davvero molto comune vedere su Facebook pubblicità che invogliavano gli utenti a investire in qualche stravagante ICO o in qualque sistema automatico per guadagnare milioni con il Bitcoin.

Si sono anche moltiplicate le lamentele verso Facebook, accusato di guadagnare soldi sulla pelle degli utenti truffati. E alla fine il management di Facebok ha dovuto cedere, bloccando tutte le pubblicità legate al Bitcoin e alle criptovalute. Tutte, senza eccezioni. Quindi sono vietate sia le truffe sia le pubblicità fatte, magare, da una piattaforma per criptovalute autorizzata e regolamentata e quindi assolutamente sicura e affidabile.

Probabilmente quelli di Facebook hanno voluto tagliare la testa al toro in maniera definitiva, forse si sono fatti anche prendere la mano. La decisione, in ogni caso, avrà un effetto economico anche sulle casse del social network, che dovrà rinunciare agli introiti legati alla pubblicità da oggi proibita.

bitcoin code facebook

E se fosse tutto un complotto?

Il divieto di Facebook di fare pubblicità legate alle criptovalute ha scatenato anche la fantasia dei complottisti. Secondo una voce che si rincorre sui forum, Facebook si appresta a lanciare una propria criptovaluta e quindi ha voluto fare piazza pulita di ogni possibile concorrente. Di fatto Facebook è già entrata da tempo nel mercato dei pagamenti online (sta provando a fare concorrenza a Payapl con pagamenti che già si possono fare in alcuni paesi con Facebook Messenger) ma probabilmente è lontana dal lanciare una propria criptovaluta.

In ogni caso staremo a vedere: per il momento dobbiamo accontentarci della dichiarazione ufficiale che parla, appunto, delle tante truffe come Bitcoin Code che sono state promosse fino ad oggi tramite Facebook.

Investire su Bitcoin e criptovalute in modo sicuro

Che ci sia o meno la pubblicità su Facebook, l’investimento in Bitcoin e criptovalute può garantire risultati eccezionali. L’importante è non farsi ingannare dai tanti truffatori che approfittano di questo momento storico per confondere i più ingenui. Chi vuole investire in Bitcoin deve sapere che non si tratta di soldi facili, si tratta di un vero e proprio investimento finanziario, da affrontare con serietà e impegno.

E’ veramente fondamentale scegliere la piattaforma per investire in Bitcoin tra quelle che siano autorizzate e regolamentate, in modo da evitare truffe e fregature. Tra le migliori possiamo segnalare eToro (clicca qui per il sito) che consente anche di copiare automaticamente gli investitori più bravi e 24option (clicca qui per il sito) che mette a disposizione corsi gratuiti e la possibilità di parlare al telefono gratis con veri esperti di criptovalute.

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

2 Commenti

  • Secondo me credere che Facebook stia facendo tabula rase dei potenziali concorrenti prima della ICO della sua criptovaluta non è fantasia. E’ realtà. Scommetto che entro 6 mesi Facebook raccoglierà qualche miliardo con la sua Facebook-Coin

    E tutti gli altri, muti.

  • Mi duole dirlo ma ora più che mai sono presenti pubblicità ingannevoli e false. Il ragazzino o la ragazza saltano di gioia perché investendo 250euro se ne trovati molti di più nel giro di un giorni. Per favore fatemi sparire anche per vie legali queste stupide pubblicità inganennevoli. Grazie.

Lascia un Commento