News

Transazioni USDT in crescita: analisi 8 novembre 2022

Pubblicato: 16 Novembre 2022 di Francesco

Le transazioni USDT in crescita nell’ultima settimana hanno messo in luce un Tether più in forma che mai, almeno secondo alcune metriche tecniche, al di là della sua stessa valenza da criptovaluta ancorata ad una delle valute più importanti al mondo.

Per chi non la conoscesse, USDT è una stablecoin, ossia una criptovaluta unica nel suo genere, ancorata al prezzo di mercato del dollaro americano USD. Ha in altri termini un rapporto di conversione 1 ad 1 e subisce pochissime variazioni nel corso della sua vita.

Al momento di questa stesura, 1 Tether può infatti essere scambiato per 1 dollaro, così come accade sul mercato per molte altre stablecoin similari. Asset che puoi sempre individuare sulle migliori piattaforme per comprare criptovalute, come ad esempio eToro.

Citiamo lui perché ti permette in primo luogo di procedere con una registrazione rapida, partendo anche da un comodo account demo illimitato ed in secondo luogo perché ti permette di impostare la tua strategia a mercato in modo autonomo, con un deposito minimo da soli 50€.

Clicca qui per iscriverti su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Transazioni USDT in crescita: nuovi massimi negli ultimi 4 mesi

Secondo un recente tweet pubblico della nota società Glassnode, le transazioni USDT in crescita hanno raggiunto un nuovo massimo in un range temporale a 4 mesi. Uno dei parametri più considerati dagli esperti, è proprio il volume di trasferimento.

Nonostante il raggiungimento del suo massimo, è bene considerare come ad oggi, sempre secondo le ultime metriche, esistano altre stablecoin ancora più performanti. USDT sarebbe infatti solamente terza nella classifica complessiva del mercato.

Lo stesso volume di trasferimento, rappresenterebbe inoltre solamente il 13,6% di tutto il volume del mercato stablecoin mondiale. Valore che non è sicuramente basso, ma che ricorda a Tether la presenza di molti altri ecosistemi in forte sviluppo ed in crescita da mesi.

Ad aver ampiamente dominato questo segmento, troviamo soprattutto il token DAI ed il token USDC, anch’esse stablecoin ancorate al valore del dollaro e con volumi sugli scambi da record. Curioso sottolineare, come le variazioni di USDT siano cambiate anche sulla base delle reti.

Entrando nel dettaglio, la crescita sulla rete Ethereum ed Optimism è drasticamente diminuita nell’ultimo mese. Un parametro che va ad indicare come nel corso delle ultime 4 settimane la frequenza degli scambi tra indirizzi su questa rete sia andata man mano a diminuire.

Di contro, si è invece assistito ad un rialzo significativo, sempre nello stesso periodo, su Arbitrum. In ogni caso, nel corso degli ultimi 30 giorni, è stato possibile constatare un conteggio degli indirizzi attivi aumentato del 14% su base totalitaria.

Cosa dire in tutto ciò sui grandi possessori di USDT?

Nonostante l’attività sia aumentata in modo esponenziale, la valenza delle balene ha evidenziato un piccolo calo di interesse, almeno in un orizzonte temporale a medio e breve termine. Nell’ultimo mese, il numero di indirizzi che possiedono più di 1 milione di dollari di Tether è diminuito del circa 7,55 %.

Considerazioni finali

Il settore delle stablecoin continua a crescere, nonostante il recente scivolone della stablecoin legata all’ecosistema Terra (LUNA), ossia UST, anch’essa associato al dollaro americano. Sta di fatto che, dopo le preoccupazioni degli investitori, Tether ha avviato un’attenta campagna di marketing.

La stessa continua ad essere proposta per sottolineare e mettere in luce le riserve ed i sistemi utilizzati dal progetto per proteggere la propria rete. Aspetti che ben dimostrano il discreto interesse che la criptovaluta ha sul mercato crypto.

Mercato che puoi tu stesso, in completa autonomia, analizzare utilizzando tutti gli strumenti che le migliori piattaforme di investimento mettono a disposizione. Una delle più complete, che ti garantisce di operare in modo sicuro e controllato, vista la presenza delle licenze, è eToro.

Con lo stesso puoi iniziare comodamente con un account demo illimitato, con 100.000 dollari virtuali a tua disposizione. In alternativa, se vuoi procedere con la modalità reale, puoi caricare un deposito molto basso, da soli 50 euro (anche con PayPal).

Con eToro benefici sempre di assistenza dedicata, di bassissimi spread sulle attività, nonché di una sezione formativa degna di nota (ossia la Trading Academy) che ti permette di accedere a contenuti pratici e teorici sul mondo degli investimenti su criptovalute ed altri mercati emergenti.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento