Guide

Trading EOS: come farlo, opinioni e recensioni

Con questa guida daremo uno sguardo al mondo dell’EOS, una delle criptovalute più effervescenti nell’ultimo periodo.

Da molti, la criptovaluta dell’EOS è stata rinominata come la “crittovaluta del futuro“, si tratta senza dubbio di un’affermazione molto forte, che ha tuttavia un fondo di verità.

Ma che cos’è l’EOS?

Cerchiamo di spiegarlo subito in soldoni, senza troppi giri di parole. Lo stile della piattaforma di trading di EOS è estremamente semplice e simile ad Ethereum. Possiamo inoltre affermare che gli smart contract sono totalmente supportati.

Tuttavia, l’obiettivo principale di EOS è quello di risolvere numerose problematiche dell’Ethereum, tra cui scalabilità, flessibilità ed usabilità.

EOS è stata presentata con un’ICO che ha avuto una durata dal 26 giugno 2017 fino al primo Giugno 2018. Ecco l’andamento dell’ICO:

Come è possibile notare, l’ICO è stata presentata in tutto il mondo (tranne che negli Stati Uniti) ha raccolto ben 185 milioni di dollari.

EOS Caratteristiche Tecniche

EOS Caratteristiche Tecniche

I tre aggettivi per descrivere il progetto di EOS sono: scalabile, flessibile ed altamente usabile. I fondatori hanno da sempre voluto mettere in grande risalto le caratteristiche del loro EOS.

Senza dubbio la scalabilità è uno dei punti forti della piattaforma dell’EOS, e questa è una delle caratteristiche principali che i fondatori hanno deciso di supportare per attrarre investitori all’interno del mercato in questione.

Per scalabilità si intende il numero di operazioni che il network è in grado di fare contemporaneamente all’interno del network. In questo caso EOS si concentra sull’esecuzione delle dAPPS (Decentralized Apps).

Per quanto concerne invece la flessibilità di EOS si intende la possibilità di “congelare” un’applicazione oppure un trasferimento di criptovalute nel caso in cui si dovesse verificare un errore. Se ad esempio l’indirizzo del destinatario fosse sbagliato, il denaro potrebbe tornare al mittente, che a sua volta potrà effettuare nuovamente la transazione senza alcun problema.

EOS, è inoltre anche estremamente flessibile ed è possibile dunque bloccare l’operazione nel caso in cui si verificasse un errore di qualsiasi tipo.

Infine, l’usabilità è uno dei cavalli di battaglia di EOS. EOS è possibile dunque utilizzarlo senza una grande conoscenza. EOS è semplice per tutti ed è considerata dai molti estremamente più semplice di Ethereum.

Prezzo EOS in Tempo Reale Quotazione

EOS: mission

“La mission” principale di EOS è quella di finanziare nel migliore dei modi il progetto block.one, che ha come obiettivo principale il rendere completamente accessibile la piattaforma di blockchain per le imprese, riuscendo così a consentire nel migliore dei modi la tecnologia per tutte le tipologie di business.

Per finanziare nel migliore dei modi il progetto, i creatori di EOS hanno dunque deciso di lanciare l’ICO (Initial Coin Offering) che sarebbe l’offerta principale per ottenere in cambio dei token, ovvero la criptovaluta vera e propria.

L’ICO è scaduta il primo giugno come abbiamo affermato in precedenza, quindi non è più possibile partecipare all’acquisto.

Tuttavia è possibile acquistare EOS attraverso le numerose piattaforme di trading online che consentono il trading con i CFD. Noi consigliamo le migliori regolamentate, che consentono di commerciare al rialzo ed al ribasso tutte le migliori criptovalute digitali.

Una di queste è la piattaforma di trading eToro (segui questo link per aprire un conto), che consente il trading online senza commissioni attraverso EOS.

Piattaforma Trading EOS

Dove è possibile quindi acquistare la criptovaluta dell’EOS? Cerchiamo di scoprirlo insieme. Per comprare EOS esistono praticamente tre metodi ben precisi. Il metodo più comune, forse anche un pò datato, è quello di acquistare le criptovaluta all’interno dei vari exchange che offrono le contrattazioni di questa criptomoneta. In alternativa è anche possibile partecipare alle ICO, possedendo un wallet che supporta la criptovaluta dell’EOS.

La terza ed ultima via è quella rappresentata dai CFD, ovvero i Contratti per Differenza (segui questo link per provarli). Questa è senza dubbio la tipologia di trading più consigliabile. Attraverso i CFD, il trader è in grado di investire indirettamente all’interno della criptovaluta, in quanto i Contratti per Differenza sono in grado di replicare in tempo reale l’andamento dell’asset sottostante.

Non possedendo direttamente l’asset, è quindi possibile aprire posizioni long oppure short.

Con il termine posizione di trading long si intende l’apertura di una posizione a mercato al rialzo. Per short si intende invece una previsione al ribasso dei mercati finanziari.

I CFD, o Contratti Per Differenza sono degli strumenti che hanno una leva finanziaria, che consentono dunque il grande aumento, sia per quanto riguarda dei guadagni, oltre che le perdite. Per fare un esempio, un investimento pari a 1.000€ con una leva pari a 1:100 sarà di 10.000€.

Inoltre, è alquanto importante tenere in considerazione il fatto che sia possibile sia fare profitti che generare perdite. Tuttavia eToro ha la protezione per il saldo negativo, questo significa quindi che è impossibile perdere più di quanto si è investito.

La piattaforma di trading di eToro consente a tutti i suoi utenti di fare trading sulle criptovalute, tra cui anche EOS. La piattaforma di trading di eToro è divenuta famosa nel 2010, quando il suo Social Trading e Copytrading ha consentito a milioni di utenti (più di 5 milioni) di iniziare a guadagnare moltissimi fondi all’interno dei mercati finanziari, senza fare praticamente nulla. Il Copytrading funziona infatti come il Mirror Trading, funziona in maniera totalmente automatica.

Oltre alle criptovalute come EOS, Bitcoin e Litecoin, la piattaforma di eToro consente di fare trading sul Forex, Materie Prime, Azioni e molto altro ancora.

Il broker in questione permette ai trader alle prime armi di utilizzare una piattaforma demo in modalità completamente gratuita. Ricordiamo inoltre che il deposito minimo non è estremamente alto e consente di essere alla portata di tutti. La piattaforma richiede un deposito minimo di soli 100 euro.

Trading EOS Italia

Il trading di EOS in Italia è legale? Sì, è possibile speculare al rialzo oppure al ribasso all’interno, ma è legale solo e soltanto se si ha soltanto una piattaforma di trading regolamentata attraverso la CySEC. La piattaforma di eToro (clicca qua per saperne di più) è regolamentata CySEC e registrata presso la CONSOB. Questo significa che è possibile avere il massimo dell’affidabilità immaginabile.

Con eToro c’è da stare al 100% tranquilli. Tutti i servizi di brokeraggio forniti da eToro in europa sono erogati da eToro (Europe) Ltd., una società d’investimenti cipriota (Cypriot Investment Firm – CIF). Il numero di registrazione della società è HE20058. eToro Europe è inoltre regolata dalla Cyprus Securities & Exchange Commission (CySEC) con il numero di licenza 109/10. Nel Regno Unito, eToro UK è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (FCA), con il numero di riferimento d’impresa 583263. eToro (Europe) Ltd. ed eToro (UK) Ltd. operano entrambe in linea e conformità con la Direttiva sui Mercati degli Strumenti Finanziari (MiFID).

eToro (clicca qua aprire un conto demo gratuito)

Trading EOS opinioni

Quali sono le nostre opinioni e recensioni sul trading di EOS? Sicuramente la piattaforma di EOS ha un futuro molto roseo davanti a sé, ma solo e soltanto se riuscirà a mettere in pratica tutta la roadmap prefissata.

Ethereum ha portato la grande innovazione degli Smart Contract, tuttavia ciò è arrivato con un problema praticamente insormontabile: la mancanza di scalabilità.

EOS ha come obiettivo principale quello di consentire migliaia di transazioni in più, riuscendo quindi ad abilitare applicazioni su larga scala all’interno della blockchain.

Gli sviluppatori della piattaforma di EOS hanno nella loro visioni app come Facebook, previsioni dei mercati ed exchange, tutte eseguite all’interno della blockchain EOS.

Se si decide di investire all’interno di un mercato, è necessario farlo perché si crede nell’innovazione. L’innovazione che sta portando EOS è ben nota agli esperti del settore, ma ancora “nascosta” al grande pubblico.

L’innovazione che EOS utilizza per elaborare quello che saranno milioni di transazioni al secondo, è la Delegated Proof of Stake (DPoS). Si tratta di una nuova tipologia di consenso e alternativa alla Proof of Work.

Con la DPoS non esiste più il mining e non ci sono minatori; invece nella versione EOS di DPoS, ci sono 21 delegati. Questi delegati vengono continuamente aggiornati in quanto vengono votati da tutte le parti interessate in EOS.

I blocchi vengono prodotti in turni di 21, in cui i 21 delegati votati per quel round producono ciascuno un blocco in ordine casuale ogni 3 secondi (~ 21 blocchi al minuto). Se un delegato dovesse “comportare male”, verrà semplicemente votato nel turno successivo. Oltre a questo, EOS procederà con l’utilizzo della parallelizzazione per “scalare” ancora di più.

Trading EOS Alternative

Trading EOS Alternative

Trading EOS Alternative

In alternativa ad eToro, è possibile investire anche con la piattaforma di trading IQ Option: clicca qua per saperne di più ed eventualmente aprire un conto demo con IQ Option >> La piattaforma di trading è regolamentata CySEC e consente di aprire un conto con un deposito minimo di soli 10 euro. Senza dubbio la soluzione più adatta per chi non vuole investire molto. Come su eToro, anche qui è disponibile una piattaforma di trading gratuita.

EOS Conclusioni

La criptovaluta di EOS ha ricevuto oltre 1 miliardo di dollari in donazione. Al momento sembra essere tutto rose e fiori, ma è probabile che i problemi arriveranno una volta che la piattaforma verrà utilizzata da milioni di persone, proprio come è successo ad Ethereum per l’app Crypto Kitties.

Nel frattempo è possibile fare Trading EOS con la piattaforma di trading eToro, clicca qua per aprire un conto di trading gratuito >>

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento