News

Russia: perché con le sanzioni le criptovalute rappresentano una via d’uscita

Mentre la guerra in Ucraina infuria, un fenomeno interessante che è emerso è il ruolo che le criptovalute possono svolgere durante una crisi globale di questa portata. Vanno valutati i modi in cui queste possono essere utilizzate da entrambe le parti per eludere le misure finanziarie o per mobilitare il sostegno economico. Di fronte alle sanzioni globali, le criptovalute rappresentano una via d’uscita per la Russia, forse.

Se volete investire in criptovalute, dovreste sapere che utilizzando una piattaforma certificata come eToro avrete tanti servizi a disposizione, come il CopyTrading o il CopyPortfolios. Aprire un conto reale è semplice e bastano solo 50 €.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

Russia: rotta crittografica per effettuare transazioni

Da quando molte delle principali nazioni hanno imposto sanzioni economiche contro la Russia, gli esperti hanno sottolineato la possibilità che utilizzi invece la rotta crittografica per effettuare transazioni. Questo soprattutto dopo che sono state fatte mosse per rimuoverlo dal sistema SWIFT globale.

Il Ministero della Trasformazione Digitale ucraino ha inviato lettere a 8 scambi di criptovalute, tra cui Coinbase, Binance, Huobi, KuCoin, Bybit, Gate.io, Whitebit e Kuna con sede in Ucraina. Tutto ciò per interrompere l’offerta dei loro servizi agli utenti russi in un tentativo di impedire al paese di utilizzare le criptovalute per aggirare le sanzioni. Ciò è stato prontamente rifiutato da importanti exchange come Binance, Kraken e Coinbase che hanno già respinto queste richieste, adducendo problemi di discriminazione e guerra finanziaria.

Eludere le sanzioni tramite criptovalute appare quasi impossibile

Tuttavia, secondo il direttore generale di RippleNet Asheesh Birla, eludere le sanzioni attraverso le valute digitali potrebbe non essere così facile come si pensava in precedenza. Passando a Twitter, il dirigente ha notato che il primo problema riguardava il tracciamento accurato delle transazioni possibile attraverso la tecnologia blockchain. Inoltre, ha osservato che “semplicemente non c’è abbastanza liquidità globale per sostenere i bisogni della Russia”.

Il volume giornaliero della rete Bitcoin si aggira intorno ai 20-50 miliardi di dollari al giorno. Ciò significa che la Russia richiederebbe tutta la potenza di BTC e altro per sostenere i suoi bisogni quotidiani, anche se solo $ 200.000 di rubli russi possono essere inviati alla volta tramite BTC su Binance. Questo è relativamente inferiore ai $ 3,7 milioni che possono essere inviati tramite BTC/USD e $ 2,9 milioni tramite BTC/EUR su Bitstamp.

Anche gli Stati Uniti si stanno dando da fare per limitare l’uso di risorse digitali da parte di entità sanzionate. Come riportato da Bloomberg, il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca e il Dipartimento del Tesoro stanno lavorando con operatori di cambio. Tra questi FTX, Coinbase e Binance per adottare un approccio mirato incentrato solo su coloro che sono stati sanzionati.

Considerazioni finali

Solo in seguito, sia Coinbase che Binance hanno iniziato a prendere provvedimenti per identificare i portafogli crittografici di individui sanzionati e bloccare i pagamenti da e verso tali account.

Se pensate di investire in cripto fatelo solo su piattaforme sicure e legali, come eToro, intermediario con +35 valute a listino. Potete iniziare a investire sulle cripto partendo da soli 50 €. Inoltre dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale e presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.

Prova ora il conto su eToro
Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento