News

Ripple VS SEC: finalmente una buona notizia

La causa della SEC contro Ripple Labs e i dirigenti Brad Garlinghouse e Chris Larsen è stata un punto di svolta in molti modi. Non solo perché è uno di quei rari casi in cui i dirigenti degli imputati sono stati accusati personalmente, ma anche perché Ripple e l’altcoin al centro della causa, XRP , rimangono due dei volti più importanti del settore.

Subito dopo che la causa è stata presentata per la prima volta a dicembre, c’era molto scetticismo in giro. “Ripple perderà tutti i suoi volumi”, hanno detto alcuni. “XRP cadrà e finirà a zero”, hanno affermato altri. Tuttavia, contrariamente alle aspettative , XRP si è comportato bene nelle classifiche dei prezzi nonostante la follia delisting che ne è seguita. Prima che arrivassero le ultime correzioni, XRP veniva scambiato a un livello di prezzo che non si vedeva da oltre 3 anni.

Prima di procedere ad affrontare l’analisi dell’argomento, è bene ricordare che è possibile negoziare tutte le criptovalute, in maniera sicura su piattaforme certificate come eToro.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui

Ripple VS SEC: cosa si intravede all’orizzonte

L’azienda blockchain con sede a San Francisco ha perso clienti o si è imbattuta in blocchi stradali grazie a detta causa? Questa è stata la domanda a cui ha risposto il CEO di Ripple Brad Garlinghouse durante una recente intervista .

Ancora una volta, contrariamente alle aspettative, Garlinghouse ha rivelato che ci sono “notizie per lo più buone su questo fronte”, con il dirigente che ha aggiunto che l’azienda ha assunto più di 20 clienti da quando la SEC ha intentato la suddetta causa. Qui, vale la pena notare che il dirigente si è affrettato a sottolineare che tutti questi clienti hanno sede all’estero, proprio come il 90% della base di utenti di Ripple. Dal punto di vista demografico, Garlinghouse ha proseguito sottintendendo, la maggior parte dei clienti esistenti di Ripple non era influenzata dalle preoccupazioni normative negli Stati Uniti.

Ripple è stato recentemente nelle notizie grazie alla sua associazione con artisti del calibro di Trengo e Azimo. Mentre la società blockchain ha acquisito una quota di proprietà del 40% poche settimane fa, la seconda sta per sfruttare i servizi ODL di Ripple.

Garlinghouse ha anche proseguito sottolineando che, nonostante la suddetta causa, il 2020 è stato l’anno più grande di sempre di RippleNet, con la stessa elaborazione di oltre 3 milioni di transazioni. In effetti, lo stesso è stato ampliato dal rapporto Q4 di Ripple pubblicato a febbraio. Tuttavia, il rapporto ha anche rilevato che oltre il 12% dei volumi XRP è stato interessato grazie alla suddetta causa.

Anche la quotazione di Coinbase è stata vista da molti come un punto di svolta per il settore. Garlinghouse ha chiarito che qualsiasi IPO di questo tipo richiederà il via libera della SEC. Qualsiasi piano di questo tipo dovrà attendere fino a quando il caso in esame non sarà risolto, ha aggiunto.

Il dirigente ha anche ampliato gli altri spazi in cui l’azienda si è dilettata di recente. I CBDC , per esempio, sono un settore nascente di cui Ripple ha cercato di far parte, con la società blockchain che ha recentemente pilotato un registro XRP privato per le banche centrali che lanciano CBDC a marzo. 

Considerazioni finali

Infine, e forse in modo più “controverso”, Garlinghouse ha anche accennato al suo disgusto per Proof of Work. Il dirigente ha affermato che sebbene sia molto ottimista su Bitcoin, la comunità deve essere “intellettualmente onesta” e cercare un meccanismo migliore per la convalida delle transazioni.

Curiosamente, Garlinghouse ha anche richiamato l’ironia di Elon Musk di Tesla, qualcuno che è stato in prima linea nell’educare le masse sulle emissioni globali di carbonio, abbracciando e adottando così apertamente Bitcoin , una risorsa associata a un consumo energetico significativo.

Come sempre vi terremo aggiornati sugli ulteriori sviluppi, ma se nel frattempo desideri investire in criptovalute in maniera sicura, eToro è un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • presenta spread bassi;
  • non ha commissioni:
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.

 

Iscriviti subito su eToro cliccando qui
Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento