News

Ripple potrebbe dimostrare che la maggior parte delle vendite di XRP erano offshore

Sembrerebbe che nessun altro giorno sia completo senza uno sviluppo importante nel caso in corso tra Ripple Labs e la SEC. In quello che è l’ultimo aggiornamento di questo tipo, la Corte ha approvato la richiesta di Ripple in cerca di aiuto per ottenere informazioni XRP da un elenco di scambi di criptovaluta basati offshore.

L’aggiornamento è stato rivelato per la prima volta dall’avvocato James K. Filan, il quale ha osservato che la mozione dei singoli imputati per l’emissione di lettere di richiesta di assistenza giudiziaria internazionale è stata accolta dal giudice Sarah Netburn.

Prima di procedere ad affrontare la notizia, è bene ricordare che è possibile negoziare tutte le criptovalute, in maniera sicura su piattaforme certificate come eToro.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui

Cosa significa tutto ciò per Ripple?

Ciò significa un’altra possibilità di combattimento per l’azienda di dimostrare che la Securities and Exchange Commission [SEC] degli Stati Uniti non ha giurisdizione sulle vendite di XRP che hanno avuto luogo principalmente in altri paesi.

L’ordine sarà notificato alle Autorità centrali del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Isole Cayman, Isole Vergini britanniche, Regione amministrativa speciale della Cina di Hong Kong, Repubblica di Singapore, Repubblica delle Seychelles, Repubblica della Corea e della Repubblica di Malta.

Mentre Ripple cercava dettagli dalle borse estere sugli investitori XRP per consolidare la propria posizione, Inter Homes Online ha dichiarato che  tutto ciò aiuta il caso personale della SEC contro Chris Larsen e Brad Garlinghouse.

Ciò potrebbe funzionare a favore di Ripple se può dimostrare che oltre il 90% dell’XRP è stato venduto al di fuori degli Stati Uniti , sostanzialmente lontano dall’amministrazione della SEC. Tuttavia, questa prova può essere utilizzata solo in caso di processo.

Nonostante abbia ottenuto diverse vittorie in questo continuo avanti e indietro negli ultimi mesi, è comunque probabile che Ripple possa perdere la causa. Secondo l’avvocato Jesse Hynes, tuttavia, una tale perdita potrebbe comunque essere una vittoria complessiva per Ripple e il cripto-spazio.

Se gli investitori XRP fossero principalmente al di fuori degli Stati Uniti, Ripple potrebbe continuare a funzionare dall’altra parte del confine. In tal caso, potrebbe dover trovare una soluzione per i pagamenti transfrontalieri se escludono l’USD e il corridoio statunitense.

Considerazioni finali

Ovviamente continueremo ad occuparci  della causa Ripple -SEC semmai ci dovessero essere ulteriori novità, ma se nel frattempo desideri investire in criptovalute in maniera sicura, eToro è un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • presenta spread bassi;
  • non ha commissioni:
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.
Iscriviti subito su eToro cliccando qui
Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento