News

Ripple: niente accordo con SEC

Ripple è impegnata in un’intensa battaglia legale contro la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti da dicembre 2020, quando la SEC ha citato in giudizio Ripple Labs per presunta emissione e vendita di titoli senza licenza.

Nonostante sia stata citata in giudizio dalla SEC, Ripple Labs non sta prendendo alla leggera la causa e ha negato qualsiasi accordo con SEC, ovvero nessun piano per una soluzione extragiudiziale.

Secondo un tweet di Charles Gasparino di Fox Business Network, il team legale di Ripple ha assicurato al notiziario che non ci sono piani per risolvere la causa con la SEC.

Una scelta che sarà in grado di produrre benefici sul prezzo di Ripple, che possiamo trovare anche su eToro , piattaforma certificata che offre servizi di investimento come il CopyTrading per copiare i migliori, utile soprattutto per i principianti. Aprire un conto reale è semplice e puoi iniziare da soli 50$.

Clicca qui per ottenere un contro gratuito

Ripple rifiuta l’accordo

La Securities and Exchange Commission [SEC] degli Stati Uniti ha presentato la sua “Lettera Brief” relativa all’elenco dei documenti interni, che secondo l’agenzia, erano protetti dal privilegio del processo deliberativo [DPP] e dal privilegio avvocato-cliente. Secondo il deposito fornito dall’avvocato James K. Filan , la SEC ha affermato che “ogni singolo documento che sarà esaminato dal giudice Netburn, a porte chiuse è privilegiato”.

La SEC ha inoltre osservato che non vi era alcuna giurisdizione per ignorare il DPP. L’unico momento in cui il DPP può essere superato è dimostrando che la divulgazione supera gli interessi nella non divulgazione. In sostanza, la SEC voleva impedire a Ripple di mettere le mani sui documenti che erano “predecisionali e deliberativi” nella prossima revisione a porte chiuse. La SEC ha perseverato nell’istituire il DPP e ha voluto che il giudice Netburn esaminasse i documenti e prendesse una decisione prima di consegnare qualsiasi cosa a Ripple.

In quella che sembrava un’apparente vittoria per la Securities and Exchange Commission [SEC] degli Stati Uniti, la richiesta di Ripple di documenti che dettagliassero le “politiche commerciali che disciplinano le risorse digitali” dei cani da guardia è stata respinta dal giudice Sarah Netburn.

Secondo la sentenza fornita dall’avvocato James K. Filan, il magistrato statunitense ha rifiutato di concedere agli imputati l’accesso a documenti che dimostrerebbero se i dipendenti della SEC stavano effettuando transazioni in Bitcoin , Ether o XRP, poiché era più probabile che “causasse confusione” piuttosto che fornire risultati rilevanti.

Ripple contro la SEC

La causa in questione, Ripple vs SEC, è stata una lotta in corso da entrambe le parti dal 2020, a quel punto la SEC ha accusato Ripple Labs di emettere e vendere titoli senza licenza al pubblico.

La causa non solo nomina Ripple, ma anche Chris Larsen e Brad Garlinghouse come imputati. La coppia è considerata il “top brass” di Ripple.

Secondo un tweet di Garlinghouse nel gennaio 2021 , il team ha cercato senza successo di accordarsi con la SEC in passato. Garlinghouse ha aggiunto che Ripple ha ancora il sostegno dei suoi azionisti.

Considerazioni finali

Vedremo come continuerà la lunga diatriba giudiziara tra la SEC e Ripple. Nel frattempo puoi investire in cripto, scegliendo sempre una piattaforma certificata come eToro , con tanti servizi a disposizione, come il CopyTrading o il CopyPortfolios. Aprire un conto reale è semplice e bastano solo 50$.

Ottieni un contro gratuito. Clicca qui!

 

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento