News

Ripple nei guai: accuse negli USA per violazione della legge sui titoli

Ripple è nei guai? Parrebbe proprio di sì: documenti giudiziari firmati la scorsa settimana hanno rivelato che Ripple Labs Inc. e il suo amministratore delegato hanno ricevuto una notifica per una terza causa per frode sui titoli in altrettanti mesi.

In questa ultima causa, datata 27 giugno, un investitore privato di XRP sostiene che Ripple Labs Inc. e il suo CEO Bradley Garlinghouse hanno confuso il loro token con la tecnologia di Ripple proprietaria e hanno addirittura approfittato illegalmente degli aumenti di prezzo per tutto il tempo.

La natura del modello di distribuzione centralizzata e privo di risorse minerarie del XRP ha permesso un periodo di ICO continuo, in cui Ripple Labs Inc. si è finanziata vendendo quasi $ 100 milioni di valore della propria criptovaluta – e questo è solo nell’ultimo trimestre del 2017.

Mentre il gettone XRP non è classificato come un titolo, tutti e tre le cause sembrano incentrate proprio su questo auto-finanziamento misteriosamente coerente. L’accusa è che la vendita di XRP “ha costituito l’unica fonte di reddito per la società Ripple Labs”.

Nel 1946, la Corte Suprema degli Stati Uniti istituì il “test di Howey”, un quadro per determinare se un bene è un titolo (o un contratto di investimento).

Il test Howey funziona così: una transazione è una security (titolo finanziario) se si tratta di un investimento in un’attività, c’è un’aspettativa di profitti da quell’investimento, l’investimento è in un’impresa comune.

Se si dimostrasse che l’intera storia del token XRP è stato una lunga ICO illegale
fatta proprio sotto il naso della SEC, tutte e tre le cause potrebbero avere successo e costituire un precedente critico per l’industria delle criptovalute in tutto il mondo.

Ripple Labs e il suo amministratore delegato sono ritenuti responsabili per il trading illegale di titoli da milioni di dollari. L’ultima causa presentata dagli avvocati del Robbins Arroyo di San Diego afferma inoltre che la gestione di Ripple ha utilizzato Twitter per aumentare intenzionalmente il prezzo della loro criptovaluta.

I documenti del tribunale puntano in particolare alla mossa pubblicitaria di Ripple di mettere 55 miliardi di token XRP in deposito come mezzo per “garantire la certezza dell’offerta totale”. Questo è stato visto come un modo per rassicurare gli investitori sul fatto che il controllo a maggioranza della Ripple Labs sul token XRP non sarebbe stato utilizzato per abusare della posizione dominante con con improvvise, grandi svendite – invece, si presume che stessero semplicemente vendendo token lentamente e in silenzio.

Comunicare pubblicamente una tale mossa avrebbe potuto avere un effetto sul mercato – la rimozione di 55 miliardi di token dalla circolazione è una grande novità – e la denuncia nota che il prezzo del token XRP è salito oltre il 1.000% durante il trimestre subito dopo l’annuncio del deposito in garanzia.

Ripple Labs non sta prendendo alla leggera la causa- Mary Jo White, ex presidente della Securities and Exchange Commission (SEC) e il suo agente Andrew Ceresney sono stati messi capo del team di legali incaricati della difesa.

Ma se la loro difesa fallisce, la cessazione forzata del commercio XRP potrebbe essere il minimo delle preoccupazioni di Ripple. Gli investitori che hanno acquistato token XRP possono anche beneficiare di rimborsi completi, mentre la leadership della società potrebbe anche finire nei guai dal punto di vista penale.

Comprare Ripple in 3 Semplici Passi

come comprare Ripple

Acquistare Ripple step by step

  1. Apri un conto di trading gratuito su eToro – la procedura è veloce e sicura.
  2. Deposita i fondi. – eToro accetta carte di credito/debito e PayPal.
  3. Compra Ripple con i CFD – l’investimento minimo richiesto è di soli 200 euro.

Prezzo Ripple in Tempo Reale

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

Lascia un Commento