News

Ripple batterà Bitcoin e le altre criptovalute andranno a 0, parla il Ceo di Ripple

In un momento interlocutorio per il mercato delle criptovalute, con Bitcoin che tenta disperatamente di ritornare a quota 10.000 $ ma trova sempre una forte resistenza, le dichiarazioni del CEO di Ripple devono far riflettere. Brad Garlinghouse, parlando in un convegno organizzato dalla Goldman Sachs ha dichiarato:

La maggior parte delle criptovalute andranno a zero in poco tempo.

La sua predizione si basa su un’analisi semplice: la maggior parte delle migliai di criptovalute esistenti sono nate come emulazione del Bitcoin, molto spesso per cercare di ottenere un minimo di successo finanziario. La maggior parte delle criptovalute non ha un progetto concreto e non ha nemmeno un vero e proprio scopo.

Al contrario, Ripple è nata da subito come una criptovaluta con l’obiettivo di supportare le transazioni tra le banche. Molte grandi istituzioni finanziarie supportano Ripple e alcune banche giapponesi e coreane hanno già cominciato a fare esperimenti concreti con Ripple.

L’analisi del CEO di Ripple è veramente impietosa: sicuramente il 90% delle criptovalute sono destinate ad andare a zero e probabilmente a estinguersi velocemente ma criptovalute come Ethereum, Litecoin o IOTA probabilmente non andranno a 0: Ethereum fornisce la possibilità di creare contratti intelligenti ed è alla base della maggior parte delle ICO, Litecoin si presenta come uno strumento di pagamento semplice e veloce, pronto ad andare direttamente sul mercato consumer con LitePay, IOTA si prepara ad essere la base monetaria per la rivoluzione prossima ventura dell’Internet of Things.

E che cosa dice il CEO di Ripple a proposito del suo più grande avversario, il Bitcoin?
Per Brad Garlinghouse Bitcoin è troppo lento per diventare un mezzo di pagamento utilizzato per gli scambi quotidiani o anche solo per il trasferimento di denaro tra entità finanziarie. Il ruolo che il CEO di Ripple assegna al Bitcoin è quello di riserva di valore. In pratica, per Brad Garlinghouse il Bitcoin sarà come l’oro. Nessuno, al giorno d’oggi, fa la spesa pagando in oro ma i grandi e piccoli investitori (a partire dalle banche centrali) investono in oro per mantenere la loro solidità finanziaria.

Ripple valore e quotazione

Il grafico qui sopra rappresenta le quotazioni in tempo reale della criptovaluta Ripple. Ripple (XRP) ha raggiunto il picco massimo di $3,31 nel mese di gennaio prima di iniziare una discesa che lo ha portato alla quotazione odierna di circa un dollaro. Le performance di tutte le criptovalute, comunque, sono state negative e se consideriamo i guadagni nell’ultimo anno solare, Ripple rimane una delle migliori criptovalute. La capitalizzazione complessiva di Ripple ammonta ad oggi a 40 miliardi di dollari. Si tratta della terza capitalizzazione in assoluto tra tutte le criptovalute.

I possibile ribassi non spaventano i trader esperti

Le dichiarazioni di Brad Garlinghouse hanno causato un certo grado di allarme tra chi ha comprato criptovalute minori. Ma i trader esperti non si sono fatti prendere dal panico: questi trader, infatti, utilizzano piattaforme per criptovalute come eToro (sito ufficiale), dove è possibile comprare criptovalute ma anche venderle allo scoperto.

Questi trader, per dirla tutta, in caso di crollo riescono a fare guadagni mostruosi. Quindi la profezia di crolli del CEO di Ripple probabilmente non gli spaventa anzi stimola la loro avidità. Per gli holders di criptovalute, soprattutto per chi punta sulle criptovalute emergenti (se non vogliamo utilizzare il termine minori) le cose si mettono male, molto male.

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

Lascia un Commento