News

Regolamentazione criptovalute: come sta cambiando a livello globale

Pubblicato: 6 Ottobre 2022 di Anna Fazio

In uno dei peggiori inverni delle criptovalute, sondaggi e ricerche indicano che l’entusiasmo per le criptovalute è ancora alto.

L’opinione pubblica sulle criptovalute come il Bitcoin continua ad avere un trend positivo. I sondaggi di The Ascent, realizzati a maggio 2022, suggeriscono che le criptovalute potrebbero diventare una forza politica significativa andando avanti.

Prima di proseguire con l’analisi, ti consigliamo di comprare criptovalute usando solo piattaforme sicure e legali come eToro, in cui aprire un conto reale è semplice e bastano solo 50 €. Oltre a questo avrai anche la funzionalità demo e copytrading.
Clicca qui per ottenere un conto su eToro

L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Regolamentazione criptovalute: analisi e ricerche dimostrano fiducia nelle risorse digitali

L’analisi di un sondaggio StarkWave del marzo 2022 ha rilevato che il 53% degli intervistati americani ritiene che le criptovalute saranno “il futuro della finanza”. Nella fascia di età 25-34 anni, questa cifra è aumentata al 68%.

Un rapporto di fine settembre della società di venture capital Haun Ventures ha rilevato un sentimento in qualche modo simile anche in mezzo ai mercati ribassisti per tutto il 2022. Il 72% dei detentori di criptovalute nel sondaggio, che viveva in una delle quattro principali città degli Stati Uniti, ha affermato di possedere risorse digitali perché “vogliono un sistema economico più democratizzato, equo e che lavori per più persone”.

In particolare, ha scritto Haun Ventures, “è meno probabile che gli elettori sostengano i candidati percepiti come un ostacolo a un Internet decentralizzato”Questi risultati sono notevoli in quanto criptovalute come Ethereum e stablecoin aiutano a guidare la DeFi.

Mentre il sentimento pubblico diventa più caldo nei confronti delle criptovalute, sorprendentemente, alcuni governi nazionali potrebbero non essere molto indietro. Ad esempio, il neopresidente della Colombia, Gustavo Petro, ha spiegato nel 2021 come “la valuta virtuale sia pura informazione e quindi energia”.

Tra le ire di alcuni all’interno del Parlamento europeo, le autorità di regolamentazione francesi hanno approvato lo scambio di criptovalute Binance nel maggio 2022.

Gli Stati Uniti saranno il leader globale nella regolamentazione delle criptovalute?

Alcuni ipotizzano che i governi nazionali stiano guardando agli Stati Uniti per capire come gestire le criptovalute. In particolare, due senatori statunitensi hanno annunciato il Responsible Financial Innovation Act all’inizio di giugno 2022, che propone un lungo elenco di normative sulle criptovalute e tenta di chiarire le domande persistenti su come gestire il settore.

La legislazione è arrivata solo un paio di mesi dopo che il presidente Joe Biden ha annunciato un ordine esecutivo di criptovalute primo nel suo genere, guidando un “approccio dell’intero governo” alla regolamentazione.

In una scheda informativa di accompagnamento, la Casa Bianca ha riconosciuto che le criptovalute erano qui per restare e che “… le risorse digitali possono anche fornire opportunità per l’innovazione e la competitività americane e promuovere l’inclusione finanziaria”Un quadro più dettagliato è seguito a settembre 2022, segnando un intenso autunno 2022 per attività incentrate sulle criptovalute nei corridoi di Washington, DC

All’inizio di ottobre, i senatori Cynthia Lummis e Marsha Blackburn hanno rivisto il Cybersecurity Information Sharing Act, che, se approvato, aprirebbe anche l’opportunità alle aziende focalizzate sulle criptovalute di segnalare direttamente le minacce informatiche alle agenzie governative.

Più o meno nello stesso periodo, il senatore Bill Hagerty ha introdotto il Digital Trading Clarity Act del 2022, progettato per aiutare a coprire gli scambi di criptovalute da “certe” azioni di contrasto della SEC.

La regolamentazione delle criptovalute è stata a lungo un argomento controverso. Tuttavia, molti sostengono che sia necessaria chiarezza per attirare più utenti nello spazio e trasformare il vivace mondo delle risorse digitali in un motore economico più significativo.

Aaron Klein, Senior Fellow della Brookings Institution, afferma che una regolamentazione incentrata sulle criptovalute che trova il giusto equilibrio può aiutare a proteggere gli investitori a lungo termine, aiutare le società di criptovalute a innovare e ridurre le frodi.

E gli altri Paesi?

L’analista di mercato senior di ONANA Edward Moya ha affermato nel marzo 2022 che la capitalizzazione complessiva del mercato delle criptovalute all’epoca potrebbe raddoppiare entro due anni se la regolamentazione delle criptovalute di successo fosse entrata in vigore negli Stati Uniti.

Gli Emirati Arabi Uniti e le Filippine hanno già lavorato per approvare una legislazione che fornisce un’apparente supervisione normativa, inaugurando opportunità per la creazione di “ecozone” in cui entità focalizzate su blockchain e criptovalute potrebbero creare e sperimentare in un ambiente favorevole alle imprese.

La natura transfrontaliera delle criptovalute significa che qualsiasi approccio normativo sano richiede coesione tra governi, funzionari pubblici, professionisti del settore privato ed esperti di criptovalute.

Entità come la rete P3 continuano a lavorare per “affrontare la questione delle criptovalute” unendo insieme funzionari del settore pubblico e privato per capire come la tecnologia dirompente può supportare i loro obiettivi di reti stabili.

Contando leader del settore come Solidus Labs, IOHK e Prime Trust come contributori, la rete P3 offre tavole rotonde crittografiche specifiche per regione con accesso a un gruppo consultivo tecnologico del Congresso degli Stati Uniti che fornisce raccomandazioni a comitati, aziende e nazioni con opportunità di investimento attraverso il braccio di rischio della rete P3 P3 Capitale.

Considerazioni finali

In conclusione, come sempre, desideriamo ricordarti che per investire in criptovalute eToro rimane la soluzione più affidabile. Si tratta, infatti, di un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • ha spread bassi;
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.
Iscriviti subito su eToro cliccando qui

L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Anna Fazio

Laureata all'Università di Milano in Economia e Commercio, mi occupo principalmente di articoli sulle criptovalute.

Lascia un Commento