News

MoneyGram accusata di false dichiarazioni su XRP

Il partner di Ripple, MoneyGram, è accusato di aver rilasciato dichiarazioni fuorvianti e di non aver rivelato lo stato di XRP come titolo senza licenza.

La società di pagamento MoneyGram International è stata citata in giudizio per presunte false dichiarazioni, rese in merito alla sua associazione con Ripple Labs e la sua criptovaluta XRP. La class action, intentata il 1 marzo in California, è stata presentata per conto degli investitori che hanno acquistato titoli MoneyGram tra il 17 giugno 2019 e il 22 febbraio 2021.

Prima di andare ad analizzare  nei dettagli la situazione in cui si trova MoneyGram, è bene ricordare che è possibile negoziare tutte le criptovalute, anche Ripplein maniera sicura su piattaforme certificate come eToro.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui

MoneyGram accusata di false dichiarazioni: analisi dei fatti

La pratica legale Global Investor Rights afferma che MoneyGram ha rilasciato dichiarazioni fraudolente in merito alla sua associazione con Ripple Labs e allo stato di XRP come titolo.

Secondo un post che annunciava una “partnership strategica” tra le due società nel giugno 2019, MoneyGram ha utilizzato il prodotto xRapid di Ripple, “sfruttando XRP nelle transazioni valutarie” come parte del suo processo di pagamento transfrontaliero.

Tuttavia, il 23 dicembre 2020, la società ha chiarito di non fare affidamento sul servizio xRapid di Ripple per le sue esigenze di scambio di valuta, che è stato rinominato On-Demand-Liquidity o ODL nel 2019: “MoneyGram non utilizza la piattaforma ODL o RippleNet per trasferimenti diretti di fondi per i consumatori, digitali o altro. Inoltre, MoneyGram non fa parte dell’azione SEC. ”

MoneyGram ha sospeso la partnership con Ripple a fine febbraio dopo che la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha intentato una causa contro Ripple Labs per presunta violazione dei titoli a dicembre 2020.

Rosen sostiene che MoneyGram non ha rivelato che la SEC considerava XRP una sicurezza non registrata e illegale .

Inoltre, se la SEC decidesse di applicare le leggi sui titoli contro Ripple, MoneyGram rischia di perdere il flusso redditizio di commissioni per lo sviluppo del mercato che era fondamentale per il suo risultato finanziario, ha aggiunto Rosen che “di conseguenza, le dichiarazioni pubbliche degli imputati erano materialmente false e / o fuorvianti in tutti i momenti rilevanti. Quando i dettagli reali sono entrati nel mercato, la causa sostiene che gli investitori abbiano subito danni “.

Considerazioni finali

Ripple ha pagato MoneyGram per utilizzare la sua piattaforma fornendo incentivi finanziari per aiutare la startup ad espandersi in nuovi mercati. Il Wall Street Journal ha riferito che MoneyGram ha ricevuto $ 38 milioni di commissioni nette per lo sviluppo del mercato da Ripple nel 2020, che rappresentano circa il 15% degli utili rettificati della società. L’accordo tra le due società doveva scadere nel 2023 e anche la società fintech di San Francisco ha accettato di investire fino a $ 50 milioni in MoneyGram.

Se desideri investire in criptovalute in maniera sicura, anche in Ripple, eToro è un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • presenta spread bassi;
  • non ha commissioni:
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.
Iscriviti subito su eToro cliccando qui

 

 

 

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento