News

Mining criptovalute: in Ucraina il dibattito è acceso

Il mining di criptovalute è un’area grigia legale in Ucraina, dove potrebbe essere un mezzo di sopravvivenza, un crimine, un’opportunità di investimento redditizia e una minaccia per il futuro stesso del pianeta tutto in una volta.

L’Ucraina non ha leggi che regolino questo aspetto del settore, portando a una relazione caotica tra i cryptominer e le autorità locali, tutti cercano di costruirsi una vita migliore mentre sono coinvolti in un cambiamento economico globale con conseguenze ecologiche potenzialmente enormi.

Se volete investire in criptovalute, dovreste sapere che utilizzando una piattaforma certificata come eToro avrete tanti servizi a disposizione, come il CopyTrading o il CopyPortfolios. Aprire un conto reale è semplice e bastano solo 50 €.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Ucraina e mining criptovalute: una relazione caotica

Il paese è uno dei più veloci utilizzatori di criptovaluta al mondo, secondo Chainalysis, una società di dati specializzata nella ricerca di strutture finanziarie decentralizzate, e ha compiuto uno sforzo concertato per attrarre investimenti relativi alla tecnologia.

Tuttavia, le forze dell’ordine locali accusano spesso i cryptominer di evasione fiscale, furto di elettricità o addirittura di gestione di società fittizie, ha detto a The Record il direttore tecnico della società di sicurezza informatica ucraina FS Group Sergiy Yevchuk.

Ci sono casi in cui i minatori violano la legge locale, il più delle volte rubando elettricità dalle centrali elettriche o corrompendo i loro lavoratori per abbassare la bolletta. E la criptovaluta viene utilizzata anche dai criminali per estorcere pagamenti alle vittime di ransomware, un software che blocca i loro sistemi in modo che possano essere sbloccati solo con una stringa di codice nota agli aggressori, e riciclare quei fondi.

Senza un quadro giuridico in Ucraina e altrove, il mercato potrebbe continuare a essere soggetto a criminalità e abusi. Tuttavia, i sostenitori locali della tecnologia avvertono che cercare di regolamentare rischia di rallentare la crescita del settore e spaventare gli investitori.

Nel frattempo, poiché la criptovaluta è diventata mainstream a livello globale offrendo a coloro che devono affrontare l’instabilità economica un’altra opzione di investimento, il suo attuale ecosistema energetico è anche distruttivo per l’ecosistema reale in cui vivono tutti gli esseri umani.

Cryptomining per la sopravvivenza in Ucraina

La promessa teorica delle criptovalute era che avrebbero contribuito a fornire un’alternativa finanziaria decentralizzata agli attuali sistemi economici. Ciò potrebbe essere particolarmente efficace per coloro che vivono in aree soggette a incertezza economica o in cui i cittadini potrebbero diffidare dei governi o delle banche locali a causa di problemi come la corruzione, inclusa l’Ucraina .

Tuttavia, il mantenimento delle reti su cui si basano le criptovalute, note come blockchain, richiede il “mining”, che implica la risoluzione di problemi matematici sempre più complessi.

In pratica, ciò significa che i cryptominer hanno bisogno di hardware potenti e l’accesso a una rete elettrica per estrarre Ethereum o Bitcoin o qualsiasi altra criptovaluta.

In Ucraina, alcuni si sistemano tutto in casa, guadagnando pochi dollari al giorno. Le schede grafiche, o GPU, sono la parte più essenziale dell’impianto di mining poiché il loro tipo determina i profitti del minatore. Un impianto con potenti GPU può costare fino a $ 18.000 in Ucraina.

Lo stipendio medio in Ucraina è di circa $ 600 al mese quindi le attrezzature minerarie sono un investimento costoso per molti. Tuttavia, il mining di criptovalute è più popolare tra i giovani specialisti della tecnologia, che guadagnano circa $ 2.300 al mese e sono spesso più disposti a correre dei rischi.

Ignorare la legge?

Per evitare problemi con la legge, i grandi minatori di criptovalute scelgono di registrarsi come imprenditori e pagare le tasse. Quindi dovrebbero firmare un accordo con un distributore di energia locale, che dovrebbe accettare di vendere elettricità ai minatori alle tariffe attuali, quasi 6 centesimi per 1 kWh.

Questo è un modo ideale per gestire un’attività di mining di criptovalute, ma anche costoso: devono pagare il 19,5% di tasse.

Per risparmiare denaro, alcuni minatori scelgono di giocare sporco. Ci sono due scenari possibili. Alcuni minatori di criptovalute collaborano con imprese statali, come centrali elettriche, ferrovie statali e persino università; hanno creato fattorie di criptovalute nei locali di società statali e usano illegalmente la loro elettricità.

Un altro scenario è uno schema Ponzi. Un esempio è Mining Express, la società mineraria di Ethereum lanciata in Ucraina dal cittadino brasiliano Kaze Fuziyama nel 2019.

In passato, Fuziyama è stato coinvolto in due schemi piramidali finanziari. Le loro vittime, principalmente in Brasile, hanno perso milioni di dollari, portando alcuni nel mercato ucraino delle criptovalute a guardare con sospetto il progetto Mining Express, incluso se stesso.

Mining criptovalute in Ucraina: una questione ambientale irrisolta

Dibattiti simili sulla regolamentazione delle criptovalute si stanno verificando in tutto il mondo, spesso con i legislatori locali che lottano per affrontare gli impatti finanziari ed energetici del mondo reale dell’ascesa della tecnologia.

Di solito, i minatori stabiliscono le loro fattorie in luoghi dove l’elettricità è a buon mercato e fanno affidamento sui combustibili fossili, compresi i petrostati dove i regimi autoritari fanno affidamento sul mantenimento dei costi energetici bassi come metodo di controllo popolare. In alcune aree, incluso il Kazakistan, ciò ha contribuito a disordini sociali quando le operazioni di mining di criptovaluta mettono a dura prova la rete elettrica locale e causano blackout.

L’elettricità in Ucraina non è la più economica, ma il paese fa molto affidamento sui combustibili fossili, che contribuiscono al cambiamento climatico e hanno sostanziali effetti nocivi sulla salute delle persone che vivono lì. L’Ucraina è costantemente tra i primi tre inquinatori atmosferici in Europa. Ogni quinto decesso in Ucraina può essere ricondotto alla scarsa qualità dell’aria, che uccide 54.000 persone all’anno, secondo Ecoaction, organizzazione no profit ucraina.

I sostenitori delle criptovalute ucraine sostengono che il mining di criptovalute in Ucraina sia vantaggioso per tutti: le farm di criptovaluta sono uno strumento efficace per il bilanciamento della rete, utilizzando l’elettricità in eccesso per mantenere le centrali elettriche in funzione 24 ore su 24. Questo, a sua volta, aiuta a ridurre le emissioni causate dalla necessità di aumentare e diminuire le centrali elettriche per soddisfare la domanda.

Tuttavia, la corsa alla criptovaluta rappresentata dal boom minerario in Ucraina fa parte di uno spostamento molto più ampio verso l’uso globale dell’energia per supportare queste reti.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento