News

La Corea del Sud rende chiara la sua posizione sul mondo delle cripto

La Corea del Sud  rende chiara la sua posizione sul mondo delle criptovalute. A partire dal 6 settembre, il principale regolatore finanziario del paese rivela l’intenzione di lanciare un mercato dei titoli digitali distinto. Questa sarà un’entità separata dal Korea Composite Stock Price Index (KOSPI). 

La Corea del Sud sta facendo questa mossa con l’obiettivo di istituzionalizzare e promuovere le criptovalute nel paese. Inoltre, il previsto mercato dei titoli digitali accetterebbe token che utilizzano blockchain per rappresentare i diritti di proprietà o il valore delle attività. Tuttavia, questi token devono essere registrati come titoli elettronici. 

Anche la Financial Services Commission (FSC) della Corea del Sud è intervenuta. Ha allertato le autorità di contrasto in merito a 16 violazioni dello Specific Financial Information Act da parte di scambi di criptovalute estere.

Prima di proseguire con l’analisi, ti consigliamo di investire in criptovalute usando solo piattaforme sicure e legali come eToro, in cui aprire un conto reale è semplice e bastano solo 50 €. Oltre a questo avrai anche la funzionalità demo e copytrading.
Clicca qui per ottenere un conto su eToro

L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Corea del Sud e cripto: cosa cambierà

Il Korea Exchange (KRX) gestirà il mercato dei titoli digitali sotto la direzione dell’FSC e le società di sicurezza agiranno come intermediari per le negoziazioni. Inoltre, l’elenco dei token di sicurezza richiesti dall’emittente o tramite un intermediario deve essere esaminato e registrato dal Korea Securities Depository. Anche il volume totale dei token elencati sarà gestito dal repository.

I token saranno distribuiti allo stesso modo degli attuali titoli a tutela degli investitori. Inoltre, consentirà un numero limitato di transazioni over-the-counter all’inizio del mercato. L’amministrazione del presidente Yoon Suk-yeol ha dichiarato all’inizio del 2022 che lavorerà per legalizzare le vendite di token di sicurezza e le offerte iniziali di monete (ICO).

Inoltre, secondo ulteriori rapporti, le principali società di intermediazione mobiliare sudcoreane NH, KB e Shinhan hanno in programma di lanciare scambi di asset digitali nella prima metà del 2023. La Corea del Sud ha uno dei quadri legislativi più completi per l’ industria di Bitcoin [BTC] . Molti scambi BTC hanno lasciato il paese nel 2021, quando il governo ha imposto alle aziende di utilizzare la certificazione ISMS.

Solo cinque dei 35 fornitori di risorse virtuali si sono registrati localmente. Questi includono UpBit, Coinone, Gopax, Korbit e Bithumb. I suddetti scambi di criptovalute sono responsabili di oltre il 99% degli scambi di criptovaluta del paese.

Tuttavia, il recente crollo dell’ecosistema Terra ha aumentato l’attenzione del Paese alla regolamentazione delle criptovalute.

Considerazioni finali

In conclusione, come sempre, desideriamo ricordarti che per investire in criptovalute, eToro rimane la soluzione più affidabile. Si tratta, infatti, di un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • ha spread bassi;
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.
Iscriviti subito su eToro cliccando qui

L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

 

 

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento