News

Jesse Powell si dimetterà da CEO di Kraken

Jesse Powell si dimetterà da CEO di Kraken, ossia uno degli exchange più discussi e con maggior volume sugli scambi negli ultimi tempi. Una scelta molto difficile, che sicuramente creerà cambiamenti radicali sotto l’aspetto gestionale del gruppo.

Per chi non lo conoscesse, Jesse Powell è stato uno degli uomini più influenti nella crescita dello scambiatore. Ha accompagnato con successo le diverse strategie di crescita dell’exchange, che ad oggi offre tantissimi servizi e diverse funzionalità nello spazio crypto.

Non stupisce come in molti abbiano iniziato a domandarsi sui perché della decisione così drastica, che non può di certo passare inosservata. Ciò su un progetto che può considerarsi storico e che ha lanciato un operatore rapido e con tante criptovalute listate per lo scambio.

Exchange che compete tuttavia con tantissime altre realtà professionali, come ad esempio eToro. Citiamo lui perché ti permette subito di accedere al mercato delle criptovalute e di entrare nel mondo crypto con tantissimi token disponibili all’acquisto.

Per provare le sue funzionalità (servizio non disponibile su molti exchange tradizionali) puoi procedere comodamente con un account demo, con 100.000 dollari virtuali, senza alcun limite di tempo.

Clicca qui per registrarti su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Jesse Powell si dimetterà da CEO di Kraken: ecco tutte le novità

Vediamo a questo punto di scendere nel dettaglio sullo straordinario evento che porterà Jesse Powell a dimettersi dalla sua carica, ancora attuale. L’uomo ha prestato servizio come amministratore delegato per oltre 10 anni, restando sempre al vertice e seguendo da vicino ogni singolo cambiamento dell’azienda.

Sulla base di un recente comunicato stampa pubblico, esposto durante la fine del mese di agosto, sarà proprio l’attuale COO (Chief Operating Officer), ossia Dave Ripley, ad aggiudicarsi il ruolo più ambito all’interno della società.

Ruolo che dovrà portare avanti con dedizione e passione, cercando di emulare gli obiettivi ed i traguardi ottenuti in precedenza da Powell. La sua posizione verrà invece stabilita ed ufficializzata al momento del passaggio di carica.

Lo stesso Powell non uscirà in ogni caso di scena, vista la sua valenza da uno dei più importanti co-fondatori. Dispone infatti di un considerevole pacchetto di titoli, rappresentando uno dei maggiori azionisti del gruppo. Avrà quindi un ruolo ancora cruciale nel consiglio di amministrazione.

Fra le ultime esposizioni del CEO uscente ricordiamo:

“La comprovata leadership e l’esperienza di Dave mi danno grande fiducia nel fatto che sia il successore ideale e la persona migliore per guidare Kraken nella sua prossima era di crescita. Non vedo l’ora di dedicare più tempo ai prodotti dell’azienda, all’esperienza utente e alla più ampia difesa del settore”.

Curioso sottolineare, come le scelte di Powell si inseriscano in un contesto storico abbastanza particolare, con molti altri leader che hanno deciso di “abbandonare la nave” dopo diversi anni al comando. Per fare alcuni esempi, possiamo citare le dimissioni di Michael Moro (di Genesis) e di Michael Saylor (di MicroStrategy).

Note finali

La domanda che esperti ed analisti si pongono in tutto ciò, è se il nuovo successore riuscirà o meno a portare avanti il progetto di Powell, proponendo funzionalità e servizi integrativi volti ad una possibile crescita futura.

Questioni che, almeno sotto l’aspetto pratico, restano molto complesse, soprattutto alla luce dei tantissimi competitor presenti sul mercato. Ricordiamo infatti, come qualsiasi exchange moderno, storico, o di nuova generazione, debba competere con due diverse tipologie di scambiatori.

Da una parte gli exchange decentralizzati, come ad esempio SushiSwap, Uniswap, o Pancakeswap, i quali stanno lentamente macinando terreno, acquisendo sempre più quota di mercato. Dall’altra troviamo gli exchange centralizzati, come ad esempio eToro.

Si tratta di un broker regolamentato, con tutte le licenze di pertinenze e che propone una piattaforma rapida, funzionale e con gestione altamente semplificata (anche tramite app per dispositivi mobili). Puoi sempre partire con un ottimo account demo illimitato.

Ti permette di accedere alla sezione crypto dopo una rapida registrazione e di attuare strategie su tantissimi token (sia storici che di nuova emissione). Per la modalità reale è richiesto un deposito minimo, che parte da 50 euro (possono essere caricati anche con PayPal).

Degno di nota anche lo strumento Copy Trading, che ti permette di scegliere uno o più Popular Investor e di ottenere le loro stesse operazioni (ossia aperture a mercato, modifiche ed eventualmente chiusure), in tempo reale.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento