News

J-Coin: ecco la criptovaluta del Giappone, che vuole rimuovere il contante entro il 2020

Le Banche in Giappone hanno nei loro piani la creazione di una valuta digitale chiamata “J-Coin”, con l’intenzione inoltre di eliminare totalmente il contante come metodo di pagamento.

Le news è arrivata tramite un articolo che indica che la valuta è pianificata, con il benestare dei regolamentatori finanziari, per essere rilasciata prima del 2020 ai giochi olimpici di Tokyo, con l’obiettivo principale di diventare parte principale del sistema finanziario.

Recentemente, il Giappone è ancora una volta diventato il più grande mercato di scambio del Bitcoin con il 50.75% di quota di mercato del mercato mondiale del Bitcoin.

Il Giappone sta tuttavia attualmente funzionando come un’economia basata sul contante al 70%, un dato superiore rispetto ad altre nazioni che hanno iniziato ad utilizzare il denaro digitale al posto del contante da molto tempo. Queste transazioni con il contante creano molto più costi rispetto a quelle digitali.

J-Coin oppure lo Yen

Il J-Coin sarebbe stato studiato per funzionare appositamente insieme allo Yen giapponese. Il coin verrebbe quindi scambiato ad un tasso 1:1. Il servizio per la moneta digitale verrà offerto gratuitamente ma questo significherà la necessità di tracciare le transazioni, operazione estremamente più difficile in una società che si basa sul denaro contante.

La valuta verrà molto probabilmente rilasciata nei prossimi anni, anche se l’infrastruttura del sistema non risulta ancora essere chiarissima. Potrebbe basarsi sulla tecnologia Blockchain utilizzata dal Bitcoin , oppure potrebbe anche essere un modello completamente ibrido. Tuttavia le specifiche non sono ancora state rilasciate.

La Bank of Japan ha affermato in passato che non considera ancora la tecnologia del Blockchain abbastanza matura per gestire le transazioni.

Questa nuova mossa del Giappone è in linea con l’idea che i governi nel mondo stanno iniziando a pensare alle loro criptovalute proprietarie, secondo la community crypto una minaccia molto grave per la libertà e privacy con la quale le criptovalute vennero introdotte tramite il Bitcoin.

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento