Guide

Investire in Shiba Token “SHIB” [Opinioni e Guida 2021]

Gli sviluppi e le notizie associate allo SHIB, token di riferimento e strettamente collegato al progetto Shiba Token, hanno portato appassionati e traders a chiedersi se ad oggi risulti possibile negoziare o scambiare sullo stesso. Nonostante rappresenti un progetto del tutto nuovo, con molte funzioni ancora in fase di collaudo, ha generato notevoli attenzioni. Come investire su Shiba Token?

Curiosi di scoprire la nascita dell’ecosistema, ma soprattutto le differenze fra lo stesso ed altri progetti nel settore delle blockchain e della crittografia, abbiamo deciso di approfondire.

Nel corso dei paragrafi successivi focalizzeremo l’attenzione sul funzionamento dello Shiba Token, sui suoi scopi pratici, fino ad arrivare ai principali traguardi raggiunti dal suo valore. Oltre ciò, per completezza, ricorderemo come ad oggi esistano numerosi servizi innovativi utilizzabili per poter comprare e negoziare su assets crittografici.

Oltre alla presenza degli acquisti diretti, per intenderci utilizzando scambiatori puri (exchange), una delle principali alternative vede la presenza dei migliori broker online di CFD per criptovalute, come ad esempio eToro.

Prima di iniziare, ecco una tabella riassuntiva con altre piattaforme autorizzate presenti nel settore del trading su assets crittografici:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Gruppo Whatsapp
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    75,80% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Investire in Shiba Token: Cos’è [SHIB]?

    Per capire in modo approfondito, utilizzando allo stesso tempo parole semplici, cos’è Shiba Token, è importante partire da una distinzione preliminare. Per Shiba Inu Token, si va essenzialmente ad intendere un progetto nuovo di zecca, incentrato sul mondo della blockchain e della crittografia.

    Allo stesso, si associa uno strumento, ossia un token a tutti gli effetti, che prende invece il nome di SHIB. Lo SHIB non rappresenta tuttavia l’unico strumento legato e lanciato dall’organizzazione a capo dello Shiba Token. Nel corso dei paragrafi successivi scopriremo infatti la presenza di altri assets, alcuni già emessi ed altri ancora in fasi di sviluppo.

    Facendo riferimento alle presentazioni esposte all’interno del sito ufficiale, lo Shiba Inu Token viene presentato con il singolare appellativo di “Dogecoin Killer”. La stessa provocazione ha portato in molti ad analizzare eventuali punti di incontro fra il DOGE, ossia lo strumento legato all’ecosistema Dogecoin e lo SHIB, ossia lo strumento associato allo Shiba Inu Token.

    Uno dei principali punti in comune, riguarda l’associazione, soprattutto per quanto riguarda la raffigurazione, del meme Shiba Inu, ossia la razza canina ormai nota a tutti, protagonista di un elevato grado di viralità sul web nel corso degli anni passati.

    Si tratta quindi anche in questo caso di una nuova “criptovaluta meme” nata un po’ per scherzo come il Dogecoin? Approfondendo la questione, sempre all’interno delle informazioni ufficiali esposte dalla piattaforma, si evince come in realtà lo Shiba Token punti a molto di più che un mero ecosistema ironico ed utilizzabile per effettuare transazioni.

    Fra i principali scopi dell’organizzazione, troviamo infatti la volontà nel voler strutturare una comunità decentralizzata e quindi senza una gestione privata alle spalle e permessa dallo sviluppo e dalla crescita della stessa community.

    Il funzionamento di Shiba Token

    Nel corso delle nostre numerose analisi, abbiamo avuto la possibilità di scoprire nel dettaglio molti ecosistemi crittografici, fra i quali anche il Dogecoin. Lo stesso ha dimostrato di rappresentare un progetto nato quasi per sfida, accostando da una parte il mondo dei meme e dall’altra quello delle criptovalute.

    Al di là di questa considerazione, sono stati pochi gli scopi pratici associati allo stesso Dogecoin nel corso del tempo. Discorso differente, nonostante l’idea simile di utilizzare lo Shiba Inu, può farsi nei riguardi di Shiba Token [SHIB]. L’organizzazione ha infatti espresso all’interno delle sezioni informative, la presunta volontà nel voler lanciare una serie di servizi e di funzionalità.

    Può infatti leggersi in modo approfondito in merito a 3 principali strumenti, escluso il token SHIB:

    • LEASH: come esposto in precedenza, il progetto Shiba Token fa riferimento a più token. Oltre allo SHIB, troviamo infatti anche il LEASH, che rappresenterebbe un assets già lanciato, precisamente con un quantitativo circolate totalitario pari a 100k unità.
    • BONE: rappresenterebbe il terzo token dell’ecosistema. In questo caso, tuttavia, le indicazioni espongono ancora una fase preliminare, in altri termini un “coming soon”.
    • ShibaSwap: per l’assonanza potrebbe ricordare molto da vicino Uniswap, ossia uno degli scambiatori decentralizzati nati nel corso degli ultimi tempi. Anche in questo caso, ci troviamo di fronte ad un possibile DEX, tuttavia ancora in fase di collaudo e di “aggiornamenti conclusivi”.

    Quanto allo strumento chiave dell’ecosistema, ossia lo SHIB, può dirsi come nel corso delle ultime settimane sia stato letteralmente messo sotto i riflettori, soprattutto dopo il listing ufficiale all’interno dell’exchange Binance. Durante lo stesso evento, il valore dello Shiba Token aveva ottenuto nuovi punti di massimo all’interno del suo grafico.

    Come investire su Shiba Token [SHIB]

    Come investire su Shiba Token? Nel corso degli ultimi mesi, lo strumento SHIB è stato inserito all’interno delle migliori piattaforme di scambio. Risulta quindi possibile comprare Shiba Token attraverso i tradizionali scambiatori puri, utilizzabili per tutti gli strumenti crittografici con proprio valore e propria presenza all’interno del mercato.

    Comprare criptovalute in modo fisico utilizzando exchange, significa diventare possessori degli stessi strumenti, dovendo necessariamente fare affidamento su portafogli di archiviazione per poterli custodire in modo sicuro. In tutto ciò, da non dimenticare come qualsiasi exchange, soprattutto se non decentralizzato, richieda commissioni variabili sulle transazioni e conversioni.

    Ma esistono sistemi alternativi per poter investire su criptovalute? Un metodo completamente rivoluzionario, che permette ugualmente di puntare sul proprio asset di interesse, senza tuttavia possederlo (permettendo quindi di non dotarsi di alcun wallet), attiene l’uso dei broker di CFD.

    Attraverso gli stessi è possibile aprire posizioni non solo in caso di ipotesi rialziste, ma anche in caso di ipotesi ribassiste (tramite la cosiddetta vendita allo scoperto).

    Migliori broker per investire su criptovalute

    Ma quali sono i migliori broker che permettono di negoziare sui principali strumenti crittografici? Ad oggi se ne contano a centinaia, tuttavia, solamente una piccola percentuale può considerarsi realmente completa ed affidabile. A tal proposito, è bene tenere a mente alcuni punti:

    • Assenza di costi fissi: la politica dei migliori broker di CFD per criptovalute, richiede infatti solamente bassissimi spread.
    • Presenza di regolamentazioni: rappresenta uno degli aspetti più importanti da constatare all’interno di una piattaforma. A tal riguardo, ricordiamo come i principali enti adibiti all’erogazione di autorizzazioni siano: Consob, CySEC, FCA ed organizzazioni similari.
    • Servizi di supporto: in ultimo, non per importanza, un buon broker per criptovalute dovrebbe garantire a tutti gli utenti una serie di servizi integrativi a costo zero. Fra questi: grafici in tempo reale, corsi completi, calendari economici, conto demo e molto altro.

    Due broker rinomati ad avere queste specifiche caratteristiche, sono eToro e Capital.com.

    eToro

    Riallacciandoci ai punti esposti in precedenza, la piattaforma messa a disposizione da eToro (qui per la pagina ufficiale) permette agli utenti di beneficiare di una serie di servizi integrativi unici nel loro genere. Per ogni criptovaluta disponibile, viene infatti garantita la visione di un pratico grafico in tempo reale e di una serie di informazioni esposte all’interno della sezione “Ricerca”.

    La gestione del proprio account, che può avvenire sia tramite applicazione per dispositivi mobili sia tramite sistema web desktop (ossia semplicemente utilizzando il proprio browser ed una connessione ad internet), risulta molo semplificata. Utilizzando i CFD, il trader ha la possibilità di aprire posizioni al rialzo o al ribasso, sulla base dei propri studi.

    Clicca qui per scoprire eToro

    Un ulteriore aspetto rilevante da poter tenere a mente, riguarda poi il sistema di trading automatico “Copy Trading”. Permette di copiare i migliori Popular Investor presenti sul broker, attraverso semplici passaggi:

    • Accesso all’interno della pagina eToro ufficiale (qui);
    • Ricerca dei Popular Investor (a propria discrezione);
    • Avvio della copia ed ottenimento delle stesse strategie, aperte in modo parallelo ed automatico.

    Scopri qui eToro ed il Copy Trading

    Capital.com

    Capital.com (qui per la pagina ufficiale) può allo stesso modo definirsi un broker in primo luogo regolamentato, che mette a disposizione una piattaforma user friendly, apprezzata sia da negoziatori professionisti che da traders alle prime esperienze. Il broker punta molto sulla facilità di gestione e sull’accesso semplificato ai mercati.

    Fra gli stessi mercati, troviamo anche il comparto degli strumenti crittografici. Capital.com è infatti uno dei broker più forniti di criptovalute all’interno del settore. Oltre a quelle tradizionali, come ad esempio Bitcoin, Ethereum, Ripple e così via, risulta possibile individuare anche assets di nuova generazione.

    Scopri qui Capital.com

    Oltre alle caratteristiche prettamente operative, il broker tiene ormai da tempo alla formazione dei propri utenti. Garantisce infatti un corso completo, che può essere ottenuto a costo zero direttamente all’interno della piattaforma. Ulteriori servizi vedono:

    • Account demo gratuito;
    • Assistenza professionale;
    • Calendari economici aggiornati;
    • Strumenti analitici;
    • Applicazione per dispositivi mobili (sia iOS che Android).

    Clicca qui per Capital.com

    Conviene investire su Shiba Token [SHIB]?

    Intanto che il token continua ad essere inserito all’interno di news ed a mostrare i suoi risultati all’interno del grafico, gli esperti ed appassionati di criptovalute cercano costantemente di trovare elementi caratterizzanti per poter analizzare lo strumento.

    In un contesto così dinamico, vista soprattutto la nascita recente del progetto, la componente del rischio e della volatilità del mercato è un aspetto da dover sempre tenere in considerazione.

    Contrariamente da quanto inizialmente si sia potuto pensare, ossia che lo Shiba Token avrebbe riguardato solamente l’ennesimo caso mediatico, in associazione all’utilizzo del meme Shiba Inu, scendendo in profondità della questione si è scoperto molto di più.

    L’ipotetico lancio dell’exchange decentralizzato rappresenta sicuramente una delle maggiori funzionalità legate al progetto. Nonostante il settore dei DEX sia relativamente nuovo, nel corso di questi ultimi mesi numerosi ecosistemi hanno continuato a proporre i propri servizi di scambio senza centralità.

    Può ad esempio ricordarsi Uniswap, PancakeSwap, Terraswap ed altro ancora. Se ne deduce come il tentativo di proporre una propria piattaforma di scambio, nella speranza di riuscire ad incrementare quota di mercato rispetto alla concorrenza, sia ormai diventata una pratica comune.

    La valenza dello stesso mercato risulta tuttavia colossale e riuscire ad esistere, come ShibaSwap starebbe cercando di fare, rappresenta un punto da poter tenere a mente.

    Shiba Token – Caso Vitalik Buterin

    Un ulteriore elemento singolare, rispetto a molti altri ecosistemi competitors, vede la presenza di un quantitativo considerevole di assets in circolazione.

    Secondo quanto esposto dalla stessa pagina ufficiale, del valore totalitario, la metà, ossia il 50%, sarebbe stato in una fase preliminare bloccato all’interno su Uniswap, l’altra metà, inviata e custodita all’interno del portafoglio di Vitalik Buterin.

    Lo stesso rappresenta il co-fondatore di Ethereum, ossia uno degli ecosistemi crittografici più importanti nel settore della finanza decentralizzata (DeFi).

    Notizie recenti, ad aver fatto ulteriormente discutere in merito allo Shiba Token, hanno visto il “The Burn”, ossia “la bruciatura”, da parte dello stesso Buterin del 90% dei propri token. Il restante 10% sarebbe invece stato concesso in donazione, ad una specifica organizzazione in India, per supportare la lotta contro la pandemia.

    Shina Token – Quotazione e valore

    Passando ai principali traguardi mostrati dal valore di Shiba Token [SHIB] nel corso degli ultimi tempi, risulta possibile evidenziare alcuni passaggi specifici.

    Facendo riferimento ai valori esposti all’interno di CoinMarketCap, può constatarsi un valore dello SHIB ad aprile (quindi successivamente al primo trimestre del 2021) su quote pari a circa 1.744 e-7 dollari per unità durante alcune giornate. Il livello esponenziale in negativo, permette lo stesso allo strumento di mostrare una capitalizzazione rilevante, proprio per la grande quantità di token emessi in partenza.

    Giunti al mese di maggio, periodo caratterizzato dall’ingresso dell’assets all’interno di numerosi exchange, come ad esempio lo stesso Binance, il valore dello Shiba Token aveva mostrato fasi di recupero, portandosi a quota 0,000033 dollari, per poi mostrare variazioni successive.

    Investire in Shiba Token

    Conclusioni

    Alla luce delle informazioni apprese, lo Shiba Token, nello specifico SHIB, può considerarsi uno strumento crittografico a tutti gli effetti. Risulta infatti presente non solo all’interno di siti informativi autorevoli, come ad esempio CoinMarketCap (che ne mostra anche il livello di capitalizzazione), sia su piattaforme di scambio.

    Fra i principali elementi caratteristici, in questo caso differenti rispetto al Dogecoin (considerata da alcuni come un parente alle lontana dello Shiba Token), abbiamo ricordato la presenza di un prossimo ed ipotetico scambiatore decentralizzato (ossia ShibaSwap) e di due token specifici (BONE, ancora in fase preliminare ed attualmente non disponibile e LEASH).

    In tutto ciò, ricordando come sia possibile investire su Shiba Token all’interno dei maggiori scambiatori online, abbiamo esposto metodologie innovative, che permettono (sfruttando CFD) di negoziare sulle maggiori criptovalute mondiali (BTC, ETH, XRP, LTC e molte altre) tramite i migliori broker online.

    Due piattaforme complete, da anni leader nel settore del trading online su criptovalute, sono state eToro e Capital.com.

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 50€
    Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capital
    Deposito Minimo: 20€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma Metatrader MT4
  • Decine di criptovalute
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Domande Frequenti su Shiba Token [SHIB]

    E’ possibile investire in Shiba Token?

    Lo SHIB, ossia il token di riferimento dell’ecosistema, rappresenta ad oggi uno strumento crittografico a tutti gli effetti, con proprio valore e presente all’interno dei migliori scambiatori online.

    Quali broker permettono di negoziare su criptovalute?

    All’interno della nostra guida completa abbiamo ricordato in modo dettagliato alcuni dei migliori broker di CFD regolamentati che permettono di negoziare su strumenti crittografici.

    Il nostro punteggio
    Clicca per dare un punteggio!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Francesco

    Lascia un Commento