News

Ethereum: Il 26% dello staking di ETH 2.0 proviene dagli scambi

La rete Ethereum si sta preparando per il lancio di Ethereum 2.0 da un po ‘di tempo e la comunità si aspetta che il lancio sia prima del previsto. Con l’avvicinarsi del lancio, la comunità ha ricevuto risposte alla maggior parte delle domande chiave sulla seconda criptovaluta durante la transizione alla versione 2.0.

Prima di addentrarci completamente nell’argomento, è bene ricordare che è possibile negoziare tutte le criptovalute, anche Ethereum, in maniera sicura su piattaforme certificate come eToro.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui

 

Ethereum 2.0: da dove proviene lo staking

Il Chief Strategy Officer di HRF, Alex Gladstein, che mostrava il suo pessimismo su Proof of Stake [PoS], è stato interrotto dallo sviluppatore di Ethereum Tim Beiko. Beiko ha colto l’occasione per rispondere alle domande sull’imminente aggiornamento per la rete Ethereum in cui ha spiegato la posizione unica di Ethereum riguardo al respingimento contro i “cambiamenti dall’alto verso il basso”.

Con l’entrata in vigore dello staking in ETH 2.0, la domanda principale rimaneva sulla convalida e su come verrà distribuita tra gli scambi, i pool o quelli ospitati da persone su Amazon Web Services [AWS]. Attualmente, il 26% dello staking proveniva da scambi, mentre il 15% è stato diretto tramite pool. Il resto era un mix tra tutti i mezzi disponibili per puntare.

Tuttavia, Beiko ha notato che ” l’algoritmo PoS di Ethereum utilizza sanzioni correlate a quante altre persone fanno qualcosa di sbagliato insieme a te.”

Ciò significava che, anche se la rete Ethereum non può impedire alle persone di puntare su AWS o altri client popolari, può fornire “un incentivo economico per configurare il nodo di staking in un modo in cui i loro fallimenti non sono correlati al resto della rete”.

Il protocollo PoS mirava a rendere redditizio i validatori se sono online “più di 2/3 del tempo”. Ciò significava che era meno rischioso per le persone puntare su un’infrastruttura non di livello di produzione, secondo lo sviluppatore.

Nel frattempo, l’emissione di ETH 2.0 dovrebbe essere compresa tra 100.000 e 2 milioni all’anno. 

Anche se questi numeri sono per l’emissione, vale la pena notare che Ethereum introdurrà un “aumento delle commissioni ” quest’estate. Quel cambiamento potrebbe essere il suo filo conduttore, ma in breve, brucia una grande percentuale di tutte le commissioni di transazione, riducendo l’offerta. La% bruciata aumenta con la richiesta di spazio di blocco. 

Ciò contribuirà a mantenere un equilibrio tra la limitazione dell’inflazione e la garanzia di un budget a lungo termine per i premi dei validatori.

Ethereum 2.0: Considerazioni finali

Gli sviluppatori della fondazione Ethereum sono stati aperti e trasparenti quando si è trattato di chiarire quali vantaggi porterà Ethereum 2.0, tuttavia, l’emissione potrebbe essere ancora una volta un punto di discussione quando il 2.0 sarà finalmente uscito. Questo è stato visto alcuni mesi fa, quando la comunità crittografica infuriava contro la fornitura non così fissa di Ethereum. 

Sebbene gli sviluppatori abbiano gestito la situazione, potrebbe essere necessaria molta più istruzione per comprendere la procedura di rilascio.

Ovviamente continueremo a darvi aggiornamenti sul lancio di Ethereum 2.0, ma se nel frattempo desideri investire in criptovalute in maniera sicura, eToro è un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • presenta spread bassi;
  • non ha commissioni:
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.

 

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento