News

Dove sono i miliardi in Bitcoin dei gemelli Winklevoss?

I gemelli Winklevoss, che sono stati i primi a diventatare miliardari con il Bitcoin, hanno escogitato una nuova soluzione per archiviare la loro cripto-fortuna.

In un’intervista al New York Times, hanno illustrato in dettaglio come il loro approccio alle chiavi private sicure, che controllano l’accesso ai bitcoin, si basa sull’architettura di sicurezza di Gemini. La piattaforma Gemini è uno dei pochissimi exchange di criptovalute certificato e regolamentato al mondo ed è obbligato a proteggere i beni dei clienti.

Per un elenco completo delle migliori piattaforme per criptovalute, puoi legggere il nostro articolo.

Non c’erano molti wallet ed exchange quando i fratelli Winklevoss iniziarono a investire in criptovalute. Quelli che esistevano erano poco seri, poco onesti e facilmente hackerabili.

Per proteggere i loro bitcoin, i fratelli hanno stampato le chiavi private delle loro criptovalute e poi hanno distribuito frammenti di questa stampa in varie parti degli Stati Uniti. Ciò assicurava che anche se i ladri avessero messo le mani su un frammento della chiave privata, gli altri sarebbero rimasti al di fuori della loro portata.

Secondo l’articolo del Times, i gemelli Winklevoss hanno usato un approccio simile in Gemini.

“Entrare nei portafogli della società richiede più firme dai dispositivi crittografati che non sono mai stati collegati a Internet”

Per garantire la massima sicurezza, Gemini richiede comunque ai proprietari dei Bitcoin di tenere sempre al sicuro le loro chiavi private. In effetti, la sicurezza è il problema più grande del mondo del Bitcoin. Spesso si pensa che i primi ad investire nel Bitcoin adesso sono ricchi. Qualcuno sì, effettivamente, ma molti hanno perso tutta la loro fortuna a causa di attacchi hacker o direttamente per colpa di un exchange disonesto. Ecco perché è veramente importante selezionare la migliore piattaforma per investire in Bitcoin.

Chi sono i gemelli Winklevoss

bitcoin winklevoss
I gemelli Winklevoss ebbero, per primi, l’idea di un social network per collegare tra di loro gli studenti delle Università americane. Assunsero Mark Zuckerberg come sviluppatore ma questi, ad un certo punto, creò il suo social network, Facebook. I gemelli hanno sempre accusato Mark Zuckerberg di plagio e un tribunale americano, alle fine, ha emesso una sentenza che gli ha dato ragione, condannando il fondatore di Facebook al pagamento di un risarcimento di 65 milioni di dollari.

Cameron e Tyler Winklevoss hanno utilizzato $ 11 milioni per investire in bitcoin nel 2013.
A quel tempo, la criptovaluta aveva un prezzo di circa 120 dollari. I gemelli Winklevoss affermavano all’epoca di possedere quasi l’1% di tutti i bitcoin in circolazione. Il prezzo di un singolo bitcoin è ora superiore a $ 8.000. Quindi, il valore totale dei bitcoin detenuti dai gemelli vale più di un miliardo di dollari.

In un’intervista al Financial Times dello scorso anno, i gemelli Winklevoss hanno detto che

vedono il bitcoin come il più grande social network perché è progettato per trasferire valore su Internet.

Affermano che il bitcoin è meglio dell’oro e deve essere considerato un metallo prezioso le sue caratteristiche fondamentali, come la scarsità e la portabilità. I gemelli si sono principalmente concentrati sulla creazione di un ecosistema per bitcoin che attrarrà investitori istituzionali e trader. Hanno creato Gemini, uno dei primi exchange di criptovalute regolamentato e con licenza del mondo. Lo scambio è regolamentato dal Dipartimento dei Servizi finanziari dello Stato di New York (NYFDS).


I gemelli Winklevoss protagonisti di una scena tratta da “The Social Network”, il film che racconta la nascita di Facebook

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

Lascia un Commento