News

Doge, BTC, ETH e XRP aiutano exchange come Coinbase a “guadagnare troppo”?

Doge, BTC, ETH e XRP potrebbero aiutare exchange come Coinbase a “guadagnare troppo”?

Il rally del mercato in corso, alimentato dagli alts, ha costretto gli estranei a entrare nell’ecosistema crittografico. A partire dal novembre dello scorso anno, il numero di utenti del portafoglio blockchain ha mostrato un’impennata esponenziale e, dall’11 maggio, il numero ha oscillato nell’intervallo di 72 milioni. 

Con Coinbase che entra a Wall Street, la sua crescita di fronte all’intensificarsi della concorrenza sarebbe impegnativa, ma il suo potenziale per diversificare le sue entrate, secondo Harshita Rawat di AB Bernstein, potrebbe aiutare la sua barca ad avere una navigazione regolare. 

Prima di procedere ad affrontare l’analisi dell’argomento, è bene ricordare che è possibile negoziare tutte le criptovalute, in maniera sicura su piattaforme certificate come eToro.

 

Iscriviti subito su eToro cliccando qui

Exchange Coinbase: i guadagni che arrivano da Doge, BTC, ETH e XRP

In una recente intervista alla CNBC , l’analista di ricerca di AB Bernstein ha sottolineato la volatilità a breve termine e ha affermato che gli scambi come Coinbase “guadagnavano troppo” come settore attraverso le commissioni di trading di criptovalute al dettaglio. Tuttavia, si aspettava che lo stesso si riducesse con il tempo.

Ha anche affermato: “Le commissioni delle società di intermediazione azionaria sono diminuite negli ultimi due decenni, quindi penso che lo vedremo con il trading di criptovalute al dettaglio. Crypto è qui per restare, ma le commissioni di negoziazione si comprimerebbero nel tempo.”   

Sottolineando il fatto che il trading di criptovalute è rimasto il principale generatore di entrate di Coinbase, Rawat ha continuato affermando che Coinbase doveva essere valutato come uno scambio anziché come un intermediario.

Guardando l’attuale aumento della capitalizzazione di mercato sul grafico di CMC e l’aumento del numero di portafogli blockchain, la tendenza dovrebbe probabilmente spingersi oltre.

Il crescente interesse per le criptovalute può essere ulteriormente integrato con ciò che sottolineano le tendenze di Google. Anche se Binance controllava oltre il 41 percento del traffico web dello scambio di criptovalute ad aprile, Coinbase era secondo con una quota del diciotto percento. Tuttavia, il volume di ricerca di quest’ultimo ha toccato il picco l’11 aprile, un paio di giorni prima della sua quotazione a Wall Street. Anche se quell’aumento temporaneo è diminuito rapidamente dopo la quotazione, il suo volume di ricerca attuale è più di quattro volte quello che rappresentava l’anno scorso.

Tuttavia, quando si rimpicciolisce lo zoom, la “popolarità della ricerca” dell’exchange rispetto alle criptovalute come Bitcoin e Dogecoin era infinitesimale. Indipendentemente da ciò, Coinbase ha ricevuto circa lo stesso volume di ricerca di Ethereum e XRP. 

Considerazioni finali

Ovviamente continueremo a tenere sott’occhio gli exchange come Coinbase ma se nel frattempo desideri investire in criptovalute in maniera sicura, eToro è un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • presenta spread bassi;
  • non ha commissioni:
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.

 

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento