News

Criptovalute: volatilità ai minimi storici. Bitcoin pronto a tornare?

Il Bitcoin, secondo un economista, sarebbe il mercato con la crescita più veloce e grande di tutti i tempi, principalmente grazie alla sua natura puramente speculativa e con un potenziale infinito.

A causa di questi fattori, gli asset di tipo digitale sono molto spesso soggetti a situazioni di altissima volatilità, con cambi di prezzo che a volte possono anche superare il 50% del valore stesso del mercato in meno di un mese.

Tuttavia, Bitcoin questo mese è rimasto bloccato in un canale di trading limitato, che secondo i dati storici, è sulla buona strada per battere il record per il mese meno volatile mai registrato.

Bitcoin è stato scambiato all’interno di una range (7,8%) nel mese di marzo 2019. Al momento c’è molto dibattito tra i “tori” del Bitcoin, per cercare di capire se ci troviamo ai minimi. Dopo essere caduto dal suo massimo storico di $ 20.000, Bitcoin fece ping-pong tra la resistenza/supporto di $ 6.000 .

Nel novembre 2018, tutto cambiò dopo che il Bitcoin subì una violenta caduta scendendo fino ai prezzi di oggi. Da allora, il re delle criptovalute ha vissuto un periodo di stabilità non comune per questa tipologia di mercati.

Murad Mahmodov, un famoso analista delle criptovalute, ha dichiarato a MarketWatch che la volatilità è un segno neutro e che “periodi di bassa volatilità in BTC hanno sempre preceduto rialzi prolungati, specialmente dopo i movimenti di novembre e dicembre”.

L’ultimo periodo di bassa volatilità ci fu durante il mercato bearish del 2014-2015, quando il BTC precipitò da oltre $ 1.000 a $ 200. La percentuale di caduta è molto simile alla caduta dell’84% dopo il rialzo del 2017.

Investire sul Bitcoin. Conviene?

Chi vuole investire con successo sul Bitcoin (senza fregature) dovrebbe selezionare piattaforme autorizzate e regolamentate. Perché queste piattaforme sono sicure? Perché queste piattaforme devono richiedere un’autorizzazione preventiva alle autorità di vigilanza europea (CONSOB per l’Italia).

Una piattaforma autorizzata deve rispettare la normativa europea che regola le entità di investimento offrendo quindi lo stesso livello di affidabilità, sicurezza e trasparenza di una banca.

Di fatto la maggior parte delle migliori piattaforme per investire sul Bitcoin, come 24option o eToro, sono piattaforme che esistevano già prima del boom del Bitcoin e consentono di fare investimenti su molti mercati come materie prime, azioni, valute, ETF, indici, ecc…

eToro non è soltanto una piattaforma di investimento e trading ma è anche il primo social investment network degli investitori al mondo.

Grazie ad eToro, è anche possibile anche copiare in automatico tutte le operazioni effettuate dai migliori trader.

Con lo strumento del copytrading, per guadagnare è sufficiente cercare i trader migliori, cliccare sul tasto copia e copiare alla perfezione le loro mosse. Chi copia quindi, guadagna in base al rendimento del trader copiato ed il capitale investito su di lui.

Non è un segreto che molti trader alle prime armi inizino ad investire sul BTC (ma anche su tutti gli altri mercati finanziari) sfruttando la potenza eToro, proprio perché con questo broker sono in grado di generare una rendita automatica copiando i migliori investitori del mondo.

Puoi iscriverti gratis su eToro cliccando qui.

 

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento