News

Le Criptovalute non sono sicure al 100%: attenzione alle principali cripto come Bitcoin BTC ed Ethereum ETH

Le criptovalute non sono sicure al 100% come pensano molti investitori ed i portafogli di sicurezza hanno portato a perdite milionarie. Secondo gli analisti, la mancanza di una totale sicurezza ostacola l’adozione “mainstream” dei Bitcoin e delle altre cripto.

Secondo le recenti indagini di “NGRAVE”, noto produttore di portafogli hardware sulla sicurezza crittografica, gli investitori di criptovalute non sono così sicuri come credono di essere. L’indagine in corso sostiene che il 25% delle risorse degli investitori analizzati sono meno sicure di quanto loro credono.

Vuoi investire con le criptovalute in modo sicuro? Puoi farlo attraverso i CFD su eToro o su uno dei broker regolamentati che ti consigliamo qui di seguito:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Le criptovalute non sono sicure al 100%: vediamo il perchè

    Nell’indagine di “NGRAVE” sono stati coinvolti quasi 1.500 utenti di crittografia provenienti da quasi 80 Nazioni diverse. Dato lo squilibrio di genere nel mercato delle criptovalute il 90% degli intervistati erano uomini.

    Fra gli investitori intervistati, il 62% aveva una parte dei beni memorizzati su un Exchange, come Binance o Coinbase, e uno su tre deteneva più del 40% delle cripto su un solo Exchange. Fortunatamente, il 96% degli intervistati aveva attiva l’autenticazione a due fattori e l’autenticazione basata su SMS, ed il 27% effettuava il backup online delle credenziali di accesso.

    In sintesi l’indagine ha sottolineato che: il 4% degli utenti non utilizza l’autenticazione a due fattori, un utente su quattro non ha fatto il backup per il codice di recupero e che circa il 17% non esegue costantemente i backup delle proprie credenziali.

    Inoltre, quasi il 70% di backup avveniva su un portafoglio di carta e dunque più della metà degli intervistati ha confermato che se qualcuno dovesse trovare il loro backup la loro sicurezza verrebbe compromessa.

    Per quanto riguarda le informazioni sul portafoglio hardware, un investitore su tre non possiede un portafoglio hardware ma tra coloro che lo fanno, il 76%  utilizza un portafoglio hardware basato su USB.

    In passato, sono state proposte diverse soluzioni di portafoglio per aumentare la sicurezza come: portafogli di carta, hardware e portafogli Multisig. Tuttavia, anche se tali soluzioni hanno effettivamente migliorato la sicurezza, non possono ritenersi sicure al 100%.

    Basti pensare che nel Dicembre del 2020,  Hugh Karp (il CEO di Nexus Mutual) ha perso 8,3 milioni di dollari di gettoni NXM in un attacco mirato al portafoglio hardware. Quello di Hugh Karp è stato uno dei casi più eclatanti ma non l’unico, e gli investitori sono sempre meno soddisfatti del livello di sicurezza dei portafogli.

    Considerazioni finali

    L’indagine condotta da NGRAVE ha evidenziato che le criptovalute non sono sicure al 100%, come pensano gli investitori, e che è necessario un aumento di sicurezza dei portafogli.

    Recentemente, Vitalik Buterin, CEO di Ethereum, ha proposto l’ampia adozione di portafogli di sicurezza sociale per combattere il furto di cripto, portafogli a suo parere più sicuri degli attuali presenti sul mercato.

    Se volete investire in criptovalute in modo sicuro potete farlo senza possedere materialmente la cripto attraverso i CFD. I contratti per differenza si basano su delle repliche degli andamenti delle cripto e dunque consentono di investire in modo sicuro al 100%. Con i CFD è poi possibile guadagnare sia se il prezzo aumenta sia se diminuisce:

    • Investire al rialzo tramite CFD rialzista se si prevede un innalzamento del prezzo.
    • Investire al ribasso tramite CFD ribassista se si prevede una diminuzione del prezzo.

    È poi molto importante negoziare i CFD su piattaforme sicure e regolamentate come eToro.

    eToro permette di individuare facilmente le criptovalute più famose e di avviare una propria strategia d’investimento attraverso la sua piattaforma semplice, intuitiva e senza costi fissi. Tra i tanti servizi gratuiti offerti dal Broker citiamo la presenza di un account Demo gratuito e la possibilità di copiare in tempo reale le mosse dei migliori trader del mondo.

    Clicca qui per investire in criptovalute su eToro
    Il nostro punteggio
    Clicca per dare un punteggio!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Giulia Maiani

    Lascia un Commento