News

Criptovalute: Matthew Goetz compara i Bitcoin ad internet nel 1990

Il cofondatore dell’Hedge Fund BlockTower Capital Matthew Goetz ha affermato che il Bitcoin e le altre criptovalute sono come internet nel 1990. Ha infatti affermato che cercare di puntare sul mondo di internet durante i primi anni degli anni 90 era rischioso tanto quanto la criptovaluta digitale oggi nell’ottobre del 2017.

Secondo Goetz, le affermazioni che le criptovalute sono una delle tecnologie in grado di cambiare tutto oggi, sono assolutamente corrette. Ha anche comparato le criptovalute con l’internet nel 1990.

“Si potrebbe aver ragione sulla tesi che le criptovalute sono in fase di evoluzione e questo potrebbe dunque significare un’ottima possibilità per investire all’interno di questo mercato finanziario, ma è necessario ricordarsi anche che tempo fa c’era Yahoo e poi è arrivata una cosa chiamata Google.”

Un’ascesa incredibile

In tutto il mondo, le criptovalute hanno avuto un’ascesa incredibile in tutto il 2017, portando ad un numero complessivo di ben 1000 criptovalute solo nel 2017. Il Bitcoin, la criptovaluta principale, ha avuto un significativo incremento di più del 450% arrivando a circa 4400 dollari per token.

Goetz, tuttavia crede che il Bitcoin non riuscirà con il tempo a rimanere la prima criptovaluta nonostante la sua ascesa fenomenale. Ha aggiunto inoltre che il Bitcoin e le altre criptovalute virtuali verranno con il tempo spazzate via da nuove tecnologie.

Il Bitcoin è senza dubbio una delle criptovalute più solide, con un protocollo stabile, non cambia molto ed ha un team di sviluppatori molto solido, anche se alla fine si tratta pur sempre di software. Ci sono svariate possibilità che qualcosa più grande del Bitcoin, tecnologicamente, possa arrivare all’interno dell’industria.

Goetz, tuttavia, ha affermato che se un’altra criptovaluta possa riuscire a sostituire il Bitcoin, dovrà senza dubbio avere migliori capacità rispetto alla più grande criptovaluta. Ha citato come esempio come Facebook, che è riuscito a scalzare MySpace come sito internet di social media preferito.

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento