News

Conferenza FOMC ed influenza crypto: cosa considerare?

Nel corso dell’ultimo mese, la tendenza delle principali criptovalute mondiali, compreso l’asset crypto a maggior market cap, ossia il Bitcoin, non è di certo stato dei migliori. Nella giornata di ieri, il Bitcoin ha addirittura ottenute quote inferiori ai 38.000 dollari. Esperti ed analisti, si chiedono quali influenze nel breve termine potrebbe mostrare l’ormai nota conferenza FOMC.

La maggior parte delle altcoin ha mostrato andamenti alquanto singolari e gli investitori continuano ad essere in allerta, soprattutto in considerazione del precedentemente esposto Federal Open Market Committee.

Ad essere maggiormente temute, sono ovviamente le decisioni che il presidente della Federal Reserve, ossia Jerome Powell, avrà o meno modo di annunciare sulle variazioni dei tassi. Un’aspetto che abbiamo più volte ricordato nel corso dei nostri approfondimenti e che da sempre si associa al mondo delle criptovalute.

Prima di continuare, ricordiamo come tutto il comparto delle criptovalute, dal Bitcoin all’Ethereum, fino ad arrivare ad asset più nuovi e di ultima generazione, sia presente e disponibile su piattaforme autorizzate e regolamentate, come ad esempio eToro: broker leader e con numerose funzionalità (come ad esempio un pratico conto demo) per gli utenti registrati.

Conferenza FOMC: si teme sulle sorti dei tassi?

Cerchiamo quindi di entrare nel dettaglio e di fare maggiore chiarezza sull’imminente conferenza FOMC negli Stati Uniti. Più nello specifico, dagli annunci che verranno posti, gli esperti ed analisti si aspettano nuove ed eventuali misure monetarie da dover mantenere e strutturare per i prossimi mesi.

Tutto ciò considerando soprattutto i risultati che l’economia degli Stati Uniti avrà evidenziato in questi primi tre mesi del 2022, in ogni caso molto complessi sia per la pandemia Covid 19 ancora in corso, sia per la guerra in Ucraina ed i paralleli squilibri derivati. Una prima avvisaglia, era tuttavia già stata esposta nel mese di marzo.

Durante le ultime ufficializzazioni, l’economia statunitense si era mostrata in flessione negativa per l’1,4% circa. Una percentuale considerevole, soprattutto su base totalitaria, che aveva spaventato gli analisti, mettendoli in allerta su possibili fasi di recessione economica.

Le principali organizzazioni si trovano così a dover decidere quali mosse e strategie attuare per evitare recessioni e situazioni di non ritorno. Una delle leve più considerate, anche in passato, è ovviamente quella degli aumenti sui tassi di interesse.

Continueremo a restare aggiornati sulla questione, constatando eventuali ufficializzazioni dopo la conferenza FOMC e sulle eventuali variazioni dei tassi. Variazioni che, in modo specifico sul comparto crypto, potrebbero o meno influire sull’andamento delle principali criptovalute mondiali, una fra tutte il Bitcoin.

Lo stesso BTC, dopo il ribasso mostrato nella giornata di ieri, ha comunque avuto modo di recuperare terreno nelle prime ore della giornata odierna (4 maggio), portandosi sopra i 39.000 dollari per unità. Un breve rally, che dovrà tuttavia trovare conferme (o meno) anche dopo le dichiarazioni eventualmente proposte dal presidente della Federal Reserve.

Conclusioni

Puoi restare continuamente aggiornato sull’andamento del Bitcoin e sulle evoluzioni del suo valore (anche dopo la lettura di questo articolo), utilizzando gli strumenti proposti dalle migliori piattaforme di trading online.

Le stesse, ovviamente quelle professionali ed autorizzate, mettono sempre a completa disposizione pratici grafici in tempo reale. È quindi possibile valutare attimo dopo attimo le variazioni degli asset crypto di interesse, attuando eventualmente la propria strategia di negoziazione.

Uno dei broker più conosciuti nel settore del trading online crypto, con tante funzionalità per gli utenti registrati, è eToro (qui la pagina ufficiale). È un broker con gestione altamente semplificata e con un listino crypto continuamente aggiornato.

Al momento di questa stesura, è possibile contare oltre 60 criptovalute. Sul Bitcoin (BTC), così come su molte altre, permette sia di operare sul sottostante in modo diretto (ossia comprando la criptovaluta “realmente”) sia di agire tramite contratti per differenza, ossia strumenti derivati che replicano l’andamento del sottostante.

Con la seconda ipotesi, è possibile anche agire al ribasso, con la cosiddetta vendita allo scoperto. Non è quindi necessario disporre di alcun wallet di archiviazione. Essendo uno dei broker più professionali, mostra inoltre spread bassissimi, fra i più competitivi sul mercato. Ricordiamo inoltre una serie di caratteristiche e funzionalità quali:

  • possibilità di selezionare reali Popular Investor, sulla base di molti parametri, come ad esempio performance, popolarità e rischio medio, ottenendo in modo speculare ed in tempo reale le medesime operazioni;
  • account demo, senza limiti di tempo e senza obbligo di deposito iniziale;
  • sezione tecnica, con numerosi indicatori analitici;
  • sezione formativa;
  • assistenza esaustiva e professionale.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento