Guide

Comprare Polkadot: Guida completa in pochi passi

Comprare Polkadot rappresenta un’attività possibile ormai da molto tempo nel settore delle criptovalute. Un’ecosistema innovativo, che mira da sempre a portare qualcosa di nuovo all’interno del mondo della blockchain e delle nuove tecnologie, legato ad un token in tutto e per tutto, ossia DOT.

Ha avuto la capacità di rientrare in poco tempo fra i primi 10 posti dell’ambiziosa classifica per Market Cap crypto (ossia sul valore di capitalizzazione). Tutto ciò grazie al rapporto fra il valore circolante delle stesse monete digitali e il loro prezzo unitario. Dove può spingersi Polkadot? Comprare Polkadot DOT rappresenta una strategie vincente?

Prima di proseguire con il nostro approfondimento, ecco subito una tabella riassuntiva su comprare Polkadot:

👍 Comprare Polkadot Segui la nostra guida
👌 Affidabilità ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
💰 Negozia anche al ribasso Scopri la vendita allo scoperto
💻 Settore di interesse Comunicabilità fra blockchain
🥇Migliori piattaforme criptovalute eToro e Trade.com
😢 Esistono truffe: Si, molte. Segui solo siti affidabili.

Nel corso dei paragrafi successivi andremo ad approfondire il funzionamento di Polkadot, tenendo bene a mente le news su Polkadot e gli ultimi traguardi raggiunti da DOT.

eToro, mostrato nella tabella, rappresenta solo uno dei tanti broker integranti Polkadot nei propri listini. Ecco altre piattaforme di trading per criptovalute:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Gruppo Whatsapp
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma MT5
  • Zero commissioni
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: markets
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Trend dei Traders
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Polkadot: Cos’è

    Viste le numerose caratteristiche operative che, in un modo o nell’altro lasciano intuire una forte competizione fra Polkadot ed Ethereum, il progetto sul DOT non poteva che non partire da idee di chi tecnologie blockchain e crittografiche le conosceva già da molto tempo.

    Trattasi dell’ormai noto Gavin Wood, conosciuto per aver partecipato alla fondazione di Ethereum (criptovaluta ad oggi primeggiante nel settore della finanza decentralizzata) e del colosso Solidity (fondamentale per progetti anche in questo caso decentralizzati, tuttavia incentrati su applicativi dApp.

    Con il passare del tempo, Polkadot ha avuto la capacità di incrementare la propria comunità, che ricordiamo essere un pilastro fondamentale per ecosistemi appartenenti a questa categoria, soprattutto in riferimento ai sistemi di votazione e di validazione che esamineremo nel dettaglio nel corso dei paragrafi successivi.

    Lo sviluppo di Polkadot è stato permesso grazie alle tecnologie di base ed alla sua struttura interna, basata a sua volta su una serie di concetti quali:

    • Bridges;
    • Parachains;
    • Relay Chain.

    Uno dei principali obiettivi del progetto, è da sempre stato quello di permettere – in un ambiente dominato da ecosistemi statici, senza comunicazione fra le blockchain – una vera e propria interoperabilità e comunicazione fra più network e diverse catene.

    Concetti che vanno inseriti in un contesto pienamente decentralizzato (ossia senza controllo centrale) e che puntano a creare un’infrastruttura snella, rapida, ma soprattutto efficiente per chiunque risulti interessato ad utilizzare la tecnologia dell’ecosistema.

    Quali sono le principali caratteristiche di Polkadot?

    • comunicazione fra blockchain particolare, poiché permette di instradare anche i cosiddetti dati Raw, che come sappiamo risultano non tokenizzati;
    • elevato livello di scalabilità, la quale viene ad oggi considerata una grande pecca dei progetti di prima generazione, considerati non scalabili e poco efficienti;
    • costi ridotti e velocità superiori rispetto ad ecosistemi di prima generazione, basati su altre tecnologie.

    Come comprare Polkadot

    Comprare Polkadot in modo fisico rappresenta sicuramente una delle possibili alternative che il mercato mette a disposizione. Un’alternativa professionale, offerta dai migliori broker online, vede invece la presenza dei cosiddetti contratti per differenza.

    Chiamati anche CFD, basano il loro funzionamento su assunti completamente differenti rispetto a quelli degli exchange tradizionali. In questo caso, infatti, il CFD va solamente a replicare l’andamento di Polkadot, ossia del suo sottostante. Il trader intenzionato alla negoziazione, può in questo caso agire senza diventare possessore di alcuna moneta in modo fisico.

    Tutto ciò comporta in primo luogo l’assenza della detenzione. Sappiamo che comprare Polkadot in modo fisico comporta la necessaria ricerca di wallet di archiviazione per poterle conservare. Aspetto non presente sul trading di Polkadot tramite contratti per differenza. Ancora, può ricordarsi come mentre con l’acquisto delle criptovalute fisico si possa puntare solamente al rialzo, il CFD permetta di:

    • aprire posizioni di acquisto, ossia al rialzo;
    • aprire posizioni di vendita, ossia al ribasso.

    A mettere a disposizione i CFD (contratti per differenza) su Polkadot, sono i migliori broker online.

    Dove comprare Polkadot

    I broker online di CFD, anticipati nel corso del paragrafo precedente, permettono di negoziare sulle principali criptovalute mondiali, compreso Polkadot DOT, utilizzando semplicemente un account regolarmente aperto, un PC ed una connessione ad Internet.

    A tal riguardo, scegliere la piattaforma più adatta alle proprie esigenze e necessità non è sicuramente un processo semplice, soprattutto vista la presenza – ad oggi – di numerosi operatori truffaldini. Un broker professionale deve infatti essere:

    • semplice da utilizzare, permettendo anche ad utenti alle prime armi di poter comprare Polkadot o di negoziare sullo stesso tramite strumenti derivati
    • regolamentato, esponendo tutte le licenze e regolamentazioni di pertinenza;
    • con numerose criptovalute, oltre a quella di interesse, così da poter maggiormente diversificare le proprie scelte;
    • con numerosi servizi integrativi e di supporto, uno fra tutti il conto demo (ossia una simulazione basata sulla presenza di capitali non reali).

    A seguire una prima lista di piattaforme professionali e storiche, che permettono ad oggi di poter fare trading online sulle maggiori criptovalute mondiali, in modo autonomo e con una gestione altamente semplificata.

    eToro

    Utilizzata ad oggi da milioni di utenti, eToro (qui per la pagina ufficiale) rappresenta uno dei broker più conosciuti al mondo, non soltanto in Italia, ma anche in molte altre parti del mondo.

    Nel giro di pochi anni ha saputo incrementare la propria quota di mercato, divenendo un leader vero e proprio nel settore del trading online. Partito con pochi asset, ha successivamente inserito anche il comparto delle criptovalute, integrando sia asset crittografici storici, come ad esempio Bitcoin, Ethereum, o Ripple, sia strumenti più moderni.

    A seguire l’immagine di Polkadot presente sulla piattaforma:

    eToro Polkadot

    Nel corso dei paragrafi precedenti abbiamo ricordato il funzionamento dei CFD. E bene, essendo eToro specializzato anche in strumenti derivati, permette ai propri utenti registrati di poter aprire sia posizioni al rialzo (strategia long) sia posizioni al ribasso (strategia short).

    Al di là delle possibilità manuali, il broker integra anche un sistema unico ed inimitabile, chiamato Copy Trading. Molto semplicemente, permette di selezionare specialisti del settore (direttamente all’interno della piattaforma), di associarli al proprio account, ottenendo così le stesse transazioni in modo speculare e senza nessun costo aggiuntivo.

    Scopri qui eToro ed il Copy Trading

    Trade.com

    Altro broker degno di nota, ma soprattutto pienamente regolamentato nel nostro territorio, è Trade.com (qui per la pagina ufficiale). Ha all’attivo migliaia di utenti registrati, i quali possono facilmente accedere ai tanti comparti di negoziazione.

    Oltre alla presenza di strumenti tradizionali, come nel caso di titoli azionari, materie prime, indici di Borsa ed altro ancora, offre uno dei database crypto più completi in assoluto. Decine di criptovalute possono essere selezionate a propria discrezione e negoziate tramite l’utilizzo di contratti per differenza.

    Scopri qui Trade.com

    Come individuare la criptovalute di interesse sulla piattaforma? Vediamo alcuni step:

    1. accesso all’interno della pagina ufficiale Trade.com;
    2. accesso al comparto delle criptovalute;
    3. ricerca dell’asset tramite la comoda barra posta in alto;
    4. scelta della propria strategia (al rialzo o al ribasso) tramite le proprie analisi.

    Anche Trade.com permette a tutti gli utenti registrati di poter iniziare da un pratico conto demo. E’ basato sul caricamento automatico di depositi fittizi, da poter utilizzare per testare diverse strategie, così come tutte le funzionalità della piattaforma, sul capitale reale.

    La gestione del broker può avvenire sia tramite sistema web (ossia con un semplice browser) sia tramite la rapida e gratuita applicazione per dispositivi mobili (disponibile per tutti i sistemi operativi).

    Scopri qui Trade.com

    Polkadot: Come funziona

    Adesso che abbiamo compreso cos’è Polkadot ed i principali sistemi presenti sul mercato per poter comprare DOT, è possibile focalizzare brevemente l’attenzione sul funzionamento dell’ecosistema e della criptovaluta associata.

    Contrariamente dalle criptovalute di prima generazione, basate su un funzionamento di tipo PoW (ossia Proof of Work), Polkadot basa la sua struttura su un protocollo completamente differente, appartenente alla categoria PoS (ossia Proof of Stake). Più nello specifico, il sistema selezionato da Polkadot viene chiamato “NPoS”, ossia nominated-proof-of-stake.

    Diversamente dal sistema PoW (per intenderci quello del Litecoin o del Bitcoin), basato prettamente sul processo di mining e di utilizzo della potenza di elaborazione di grandi computer per poter convalidare le transazioni, i sistemi PoS si basano sull’immobilizzazione di una determinata quantità di DOT, per poter partecipare alla convalida ed a tante altre funzionalità.

    Sulla base di quanto esposto, è quindi possibile esporre quattro concetti chiave sul funzionamento del meccanismo di Polkadot:

    • Nominators: congelano sulla blockchain i Polkadot DOT;
    • Validators: sono adibiti alla convalida dei blocchi, avendo altresì un ruolo diretto nel processo di votazione e di consenso;
    • Collators: sono adibiti a specifici processi di elaborazione di dati e sulle transazioni;
    • Fishermen: come intuibile dal nome stesso, vanno letteralmente a “pescare” validatori non consoni alle politiche e regole della comunità.

    Polkadot Vs Ethereum

    Effettuando semplici ricerche online, è possibile imbattersi in numerosi confronti che vedono da una parte l’ecosistema Polkadot e dall’atra quello di Ethereum. Quest’ultimo, ha recentemente proposto il suo ingresso all’interno del mondo PoS grazie all’ormai noto Ethereum 2.0.

    Entrambi gli ecosistemi pongono il focus sul settore dei contratti intelligenti, ossia degli smart contract. Polkadot, può tuttavia contare su una serie di fattori interni al funzionamento differenti rispetto a tecnologie storiche e considerate ormai relativamente datate.

    E’ vero, Ethereum continua ancora ad oggi a primeggiare all’interno di numerosi settori riguardanti progetti decentralizzati (soprattutto in merito alla DeFi). Nonostante ciò, ha negli ultimi mesi visto lo sviluppo di diversi ecosistemi concorrenti, che hanno cercato di apportare alternative in un settore quasi del tutto monopolizzato da ETH.

    Oltre a Polkadot, che come esposto nel corso della guida gioca un ruolo chiave nel comparto Smart Contract, è possibile citare numerosi altri ecosistemi conosciuti, come nel caso di Cardano (associato al suo token ADA, ad oggi inserito nella lista top 10 delle criptovalute a più alto livello di capitalizzazione).

    Comprare Polkadot

    Comprare Polkadot conviene?

    Nel comprare Polkadot DOT, così come per tutte le principali criptovalute al mondo, negoziatori ed investitori devono sempre tenere a mente, oltre alle possibilità, anche aspetti quali volatilità ed imprevedibilità dei mercati. La stessa mostra i tipici periodi al rialzo ed al ribasso delle criptovalute, mostrando la sempre presente componente del rischio.

    Nel corso del nostro articolo, abbiamo potuto ripercorrere le principali tappe di Polkadot e sul suo funzionamento, che ricordiamo essere un concreto e reale punto di riferimento nel settore degli Smart Contract. Dalla sua parte, l’ecosistema può contare su diversi fattori chiave:

    • presenza di esperienza: Polkadot rappresenta un progetto che può ad oggi considerarsi storico e con alle spalle numerosi aggiustamenti;
    • propensione a migliorarsi: nel corso del tempo, Polkadot ha visto il susseguisti di una serie di upgrade e di implementazioni importanti, che le hanno permesso di affinare la sua tecnologia di base;
    • solida community alle spalle, che in progetti decentralizzati (senza controllo centrale e con un funzionamento PoS) permette da una parte l’esistenza stessa del network e dall’altra la possibile crescita e sviluppo.

    Leggi anche: eToro Bitcoin

    Comprare Polkadot: Conclusioni

    L’approfondimento odierno ci ha permesso di conoscere nel dettaglio i principali sistemi per poter comprare Polkadot.

    Al di là dei meccanismi di acquisto fisici, che come sappiamo richiedono la ricerca di un wallet, la presenza di commissioni fisse sugli eseguiti ed il possesso delle criptovalute, è stato possibile soffermare l’attenzione sul sistema delle negoziazioni tramite contratti per differenza.

    Il trading CFD su Polkadot è stato presentato anche attraverso la visione di alcuni dei principali broker online che permettono di scambiare sulla criptovaluta DOT in modo autonomo, partendo anche da un pratico conto demo a costo zero e gestibile sia in modalità web desktop che tramite applicazione per smartphone.

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 50€
    Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro

    FAQ

    Cos’è Polkadot?

    Polkadot rappresenta in primo luogo un ecosistema crypto incentrato su numerose funzionalità innovative, legate soprattutto al mondo degli smart contract. Per Polkadot “DOT”, si intende anche la criptovaluta associata al progetto.

    E’ possibile comprare Polkadot?

    Essendo Polkadot “DOT” una criptovaluta a tutti gli effetti, risulta ad oggi disponibile allo scambio, alla negoziazione ed all’acquisto (o vendita) tramite i migliori intermediari ed operatori online.

    Come comprare Polkadot?

    All’interno del nostro articolo abbiamo ricordato come al di là dell’acquisto fisico, ad oggi risultino presenti sistemi di negoziazione per fare trading su DOT tramite CFD.

    Dove comprare Polkadot?

    All’interno del nostro approfondimento hai la possibilità di conoscere nel dettaglio alcuni dei principali broker online che permettono di comprare Polkadot o negoziare sullo stesso tramite strumenti derivati.

    Il nostro punteggio
    Clicca per dare un punteggio!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Francesco

    Lascia un Commento