News

Comprare la Birra al distributore con le criptovalute? Da oggi è possibile

Se ad oggi è estremamente raro vedere dei distributori che consentano la vendita di alcolici, la blockchain e le criptovalute in generale potrebbero, in un futuro non troppo lontano, consentire una vendita semplice e veloce per tutti.

Ad oggi, alcol, sigarette e articoli per adulti in generale non sono vendibili tramite le macchine automatiche senza una verifica iniziale da parte dell’acquirente.

In Italia, come sicuramente già saprete, esistono svariate soluzioni di tipo intermedio come la verifica tramite il codice fiscale. Tuttavia si tratta di metodologie antiquate, non funzionanti ad esempio per i turisti, che si trovano quindi tagliati fuori dall’acquisto di sigarette, alcol etc quando i negozi sono chiusi.

Al Consensus 2018, una delle conferenze più grandi al mondo per il trading di criptovalute, è arrivato il prototipo funzionante del primissimo distributore automatico per quanto concerne la verifica dell’identità e l’età del cliente attraverso la blockchain.

Comprare la Birra al distributore con le criptovalute? Da oggi è possibile

Comprare la Birra al distributore con le criptovalute? Da oggi è possibile

Il progetto è nato tra una collaborazione tra il colosso Anheuser-Bush (che possiede Bud in America e Stella Artois ed in Europa) e Civic, un token basato sulla blockchain di Ethereum che ha come scopo la creazione e sviluppo di una piattaforma per l’utilizzo di dati sull’identità personale.

Questa macchina ha come obiettivo principale quindi l’accesso al mondo dei prodotti progettati per gli adulti, virtualmente in tutti i paesi del mondo.

Il processo di verifica avviene attraverso il telefono dove è stato caricato il wallet attraverso Civic e il distributore. Una volta che è stata effettuata la verifica, è possibile effettuare l’acquisto tramite una delle criptovalute.

Criptovalute: dove acquistarle

È nata da pochissimo la piattaforma di trading Hodly, che consente di comprare e vendere le criptovalute più famose a commissioni zero, per poi conservarle dentro un vero e proprio portafoglio, decidendo se fare hodling (mantenerle con l’obiettivo di guadagnare dal rialzo sul lungo termine), venderle oppure inviarle o riceverle, in un secondo momento.

Oggi la soluzione di Hodly (in collaborazione con il broker pluripremiato IQ Option) è la sola piattaforma di trading regolamentata in Europa dalla CySEC. Stiamo parlando dunque di una soluzione completamente affidabile, economica e avveniristica. Clicca qua per saperne di più >>

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento