News

Coinbase ‘IPO’ non è un’IPO: ecco perché

La quotazione delle azioni Coinbase sul Nasdaq questa settimana sta generando grandi aspettative, così come molti dibattiti sul fatto che il prezzo “scoppierà” sull’apertura del mercato. Coinbase non è un’IPO.

Gli elenchi tecnologici generalmente attirano l’attenzione, poiché anche coloro che non cercano di investire trovano i movimenti commerciali iniziali un intrattenimento interessante. Con la quotazione di Coinbase, l’attenzione sarà particolarmente acuta, poiché il movimento iniziale dei prezzi non rappresenterà solo denaro guadagnato o perso, ma potrebbe anche plasmare la narrativa del settore degli asset digitali per un po ‘di tempo a venire.

Prima di procedere ad affrontare la notizia, è bene ricordare che è possibile negoziare tutte le criptovalute, in maniera sicura su piattaforme certificate come eToro.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui

Coinbase: perché non si tratta di un’IPO?

Una caratteristica importante dell’elenco di Coinbase è che non si tratta di un’offerta pubblica iniziale (IPO), sebbene molte pubblicazioni dei media l’abbiano erroneamente descritta come tale. Coinbase ha scelto di arrivare sul mercato tramite una quotazione diretta, un’opzione relativamente nuova per le aziende che desiderano diventare pubbliche e una che è curiosamente adatta a una società di crittografia. Ma le differenze tra elenchi diretti e IPO sono sostanziali e stanno causando una certa confusione nel mercato.

Quindi, nell’interesse di chiarire cosa significhi la scelta di quotazione diretta per Coinbase, qui esaminiamo le principali differenze e come possono influenzare il movimento di prezzo iniziale e la strategia azionaria della società in futuro.

Le azioni IPO vengono assegnate ad un prezzo prestabilito; le azioni di quotazione diretta non lo fanno. In una IPO, i banchieri di investimento fissano il prezzo delle azioni più alto che pensano che il mercato sopporterà, poiché di solito viene pagata una percentuale (in genere fino al 7%) dell’importo totale raccolto. Basano questa cifra su tentativi di manifestazioni di interesse da parte di investitori istituzionali.

Le IPO raccolgono nuovo capitale, le quotazioni dirette no. Questa quotazione diretta non riempirà le casse di Coinbase di contanti, ma renderà più facile per Coinbase raccogliere capitali in futuro. Una quotazione diretta è un evento di liquidità; un’IPO è un evento di raccolta di capitali.

In teoria, le IPO sono meno volatili nel trading iniziale rispetto alle quotazioni dirette.

Considerazioni finali

Insomma, queste che vi abbiamo fornito sono le principali differenze e quindi la nostra spiegazione circa il fatto che Coinbase non sia un’IPO.

Se desideri investire in criptovalute in maniera sicura, eToro è un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • presenta spread bassi;
  • non ha commissioni:
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.
Iscriviti subito su eToro cliccando qui

 

 

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento