News

Chainlink: una situazione in bilico

Pubblicato: 24 Maggio 2022 di Anna Fazio

Chainlink è una rete decentralizzata creata con l’obiettivo di estendere la funzionalità delle blockchain, collegando contratti intelligenti a dati, eventi, pagamenti e calcoli fuori catena del mondo reale in modo altamente resistente alle manomissioni e affidabile.

Prima di proseguire con l’analisi vi consigliamo di investire in criptovalute solo su piattaforme sicure e legali come eToro, in cui aprire un conto reale è semplice e bastano solo 50 €. Oltre a questo avrete anche la funzionalità demo e copytrading.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

Chainlink: cosa sta succedendo

Le integrazione di Chainlink con altre catene hanno raggiunto una cifra sostanziale oggi, con VRF V1+V2 di Chainlink, il prodotto sicuro per la generazione di casualità su catena, che ha soddisfatto 5,8 milioni di richieste da quando è nato. Ma poiché Chainlink segna questo risultato, le sue perdite sulla catena mirano a stabilire i propri massimi.

In aumento del 6% nelle ultime 24 ore, il token LINK sembrava aver subito un calo nell’ultima settimana. Poiché queste integrazioni sono state implementate nel corso degli ultimi 7 giorni, il prezzo del token LINK ha avuto una tendenza al ribasso. Con un valore di $ 7,84 il 16 maggio, il token ha registrato una perdita del 6% del prezzo in soli 7 giorni. 86% in meno rispetto al suo ATH di $ 52,88, se viene mantenuto questo slancio di integrazioni a catena incrociata e casi d’uso, potrebbe essere sulla buona strada per raggiungere lo stesso ancora una volta. 

Il MACD ha mantenuto una posizione alla base delle barre dell’istogramma con la linea MACD che si interseca con la linea di tendenza in una tendenza al rialzo. Ciò ha mostrato una maggiore pressione all’acquisto per il token negli ultimi 7 giorni. 

Allo stesso modo, in una curva al rialzo verso la regione neutra del 50% negli ultimi 7 giorni, il Relative Strength Index (RSI) per il token Link ha indicato un costante aumento della pressione di acquisto. 

L’analisi on-chain ha rivelato che Chainlink non solo ha registrato minimi sul fronte dei prezzi, ma anche alcune metriche on-chain utilizzate per monitorare la crescita hanno riportato cali negli ultimi 7 giorni.

Come prevedibile, sul fronte dello sviluppo, il token ha fatto registrare dei passi avanti, seppur minimi. A meno che Chainlink non si riprenda dal crollo del 46,38% di maggio, questo potrebbe continuare a peggiorare e dunque LINK avrebbe bisogno di un aumento di oltre il 10% in 7 giorni per raggiungere questo obiettivo.

Considerazioni finali

Dunque, se desiderate investire in criptovalute vi ricordiamo che il modo più semplice e sicuro rimane eToro il quale presenta spread bassi, dispone di un conto demo gratuito e della funzione di copytrading. E poi per aprire un conto reale bastano solo 50 euro.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui
Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Anna Fazio

Laureata all'Università di Milano in Economia e Commercio, mi occupo principalmente di articoli sulle criptovalute.

Lascia un Commento