News

Capitalizzazione crypto giù del 16% nelle ore notturne

Pubblicato: 12 Maggio 2022 di Francesco

Nelle ore notturne il mercato delle criptovalute ha continuato a mostrare variazioni significative verso il basso, portando tutto il comparto a soffrire come poche volte accaduto nella storia. Più nello specifico, si è assistito ad una capitalizzazione crypto giù del 16% su base totalitaria in pochissimo tempo.

Una percentuale che, considerando i miliardi di dollari che compongono il market cap crypto, evidenzia sicuramente una cifra da capogiro. Molte avvisaglie erano state mostrate già nel corso delle ultime settimane, quando la criptovaluta a maggior capitalizzazione, ossia il Bitcoin, aveva iniziato a cedere terreno.

Nelle precedenti giornate, lo stesso BTC era crollato anche sotto al livello dei 30.000 dollari per unità, ossia una quota che non veniva registrata da molto tempo. Un livello che, purtroppo per gli utenti rialzisti, è stato nuovamente violato al ribasso in queste prime ore del 12 maggio 2022.

Ma cos’è successo alle principali criptovalute mondiali? Si può parlare di una liquidazione di massa nel comparto crypto? Prima di continuare, ricordiamo come tutte le principali criptovalute siano mostrate con i rispettivi grafici in tempo reale sulle migliori piattaforme di trading CFD (quindi che permettono anche di agire al ribasso), come eToro (clicca qui per iscriverti).

Capitalizzazione crypto giù del 16%: le variazioni degli asset più importanti

Ciò che nelle ultime ore si sarebbe registrato un po’ su tutto il comparto crypto, è una forte liquidazione degli asset sui principali intermediari di scambio. Un sentiment negativo, che ha accompagnato una continua progressione al ribasso su molti strumenti crypto.

La capitalizzazione crypto giù del 16% è stata trascinata da alcune criptovalute che, se fino a qualche giornata fa beneficiavano di posizioni ragguardevoli sul market cap complessivo, sono attualmente scese anche di 50, o 60 posizioni, mostrando crolli da record.

Partendo dai token più noti, è possibile iniziare proprio dal Bitcoin, ossia la criptovaluta più longeva, che dopo essere tornata timidamente sopra i 30.000 dollari, ha mostrato nelle ultime ore una variazione dapprima sotto i 29.000 dollari, portandosi successivamente sotto i 27.000.

Nel suo caso, al momento di questa stesura (secondo i dati proposti dai maggiori scambiatori mondiali) la variazione negativa del Bitcoin è pari a circa -29,4% su base settimanale. Discorso analogo può farsi sull’Ethereum (ETH), che nelle ultime ore ha nuovamente rotto al ribasso il muro dei 2.000 dollari, portandosi in alcune sezioni anche al di sotto i 1.800$.

In questo caso, sempre sulla base dei dati attuali, la variazione settimanale di ETH si assesta a circa -34,5%. Una delle altcoin ad aver tuttavia mostrato una discesa molto più marcata, è stata Terra Luna (reduce da un ampio rialzo nelle settimane di aprile), arrivata anche su quote inferiori ai 0,050$ al momento attuale.

Ciò si è tradotto in una variazione su base settimanale pari al circa -99,9%. Continueremo in ogni caso a restare continuamente aggiornati sugli andamenti storici dei maggiori asset crypto e delle principali altcoin ad elevata capitalizzazione sul mercato.

Note finali

Per restare costantemente aggiornato sugli andamenti delle principali criptovalute mondiali, puoi usufruire dei grafici in tempo reale messi a disposizione dalle migliori piattaforme di trading online. Con gli stessi puoi constatare le variazioni nel breve e nel brevissimo periodo, oppure tornare indietro nel tempo per valutare i dati storici (punti di massimo e di minimo).

Uno dei broker più completi, ad avere un listino asset sempre aggiornato ed una piattaforma rapida e facile da utilizzare, è eToro (qui la pagina ufficiale). È un broker regolamentato, che oltre a proporre funzionalità di scambio ed acquisto diretto (su specifici asset), permette anche di negoziare al ribasso, tramite CFD (vendita allo scoperto).

Il broker mette sempre in chiara luce ed in modo trasparente le informative sui rischi, ricordando la pur sempre presente imprevedibilità e volatilità associata al mercato delle criptovalute. Puoi sempre iniziare con un pratico conto demo, ossia una modalità di prova senza nessun limite di tempo, valida anche per testare proprie strategie.

Completa il tutto la presenza di:

  • possibilità di gestire le operazioni di trading anche con l’applicazione per dispositivi mobili, scaricabile rapidamente su tutti gli store;
  • possibilità di selezionare veri Popular Investor ed ottenere una copia speculare delle loro attività sul mercato;
  • sezione educativa, con numerosi articoli con concetti teorici e pratici sul mondo del trading su criptovalute;
  • assistenza professionale ed esaustiva in caso di bisogno.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento