News

Bitfront exchange uscirà dal mercato: le parole della società

Pubblicato: 29 Novembre 2022 di Francesco

Bitfront exchange uscirà dal mercato: è questa una delle ultime novità che siti di tutto il mondo hanno iniziato a trattare nelle ultime ore e che mette ancora una volta in allerta gli appassionati del settore, visti già i tantissimi casi di scambiatori in netta difficoltà.

Il caso di FTX, ossia uno degli exchange più discussi degli ultimi mesi, non sarebbe infatti un caso isolato. Tanti piccoli scambiatori di criptovalute stanno lentamente emergendo con un malloppo di problematiche e di sofferenze sulla liquidità.

Aspetti negativi che porterebbero alcuni gruppi a cercare soluzioni rapide per evitare il peggio e ed altre società a chiudere letteralmente i battenti, uscendo dal mercato. Lo stesso exchange avrebbe dichiarato la sua situazione singolare e l’idea di voler chiudere entro marzo 2023.

Vediamo quindi di comprendere da vicino cos’è successo e quali sono le preoccupazioni del management del gruppo. Notizia che ci permette ancora una volta di sottolineare come il mercato degli exchange sia in netta difficoltà. Mai come in questo caso devi selezionare solo exchange professionali.

Una delle piattaforme regolamentate e mai in sofferenza finanziaria, fra le più complete, è quella di eToro. Ti permette di aprire un account in poco tempo e di iniziare senza alcun impegno anche con un ottimo account demo senza limiti di tempo.

Clicca qui per registrarti su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Bitfront exchange uscirà dal mercato entro marzo 2023?

Per comprendere nel dettaglio Bitfront exchange che uscirà dal mercato, è bene focalizzare le attenzioni proprio sulle recenti dichiarazioni che la società che gestisce la piattaforma ha postato direttamente sulla sua pagina ufficiale (blog del sito).

Il team di governance avrebbe infatti dichiarato:

“BITFRONT è stato istituito per consentire agli utenti di archiviare in sicurezza e scambiare liberamente le proprie risorse digitali. E, fin dall’inizio, abbiamo fatto del nostro meglio per essere leader nel settore blockchain. Tuttavia, nonostante i nostri sforzi per superare le sfide in questo settore in rapida evoluzione, abbiamo deciso con rammarico che dobbiamo chiudere BITFRONT per continuare a far crescere l’ecosistema blockchain di LINE e l’economia dei token LINK.”

Una scelta sicuramente molto discussa e fin da subito dibattuta sulle principali pagine social. Il gruppo ha in ogni caso precisato di voler rimanere un reale e concreto supporto nell’intera industria del settore blockchain.

Ha inoltre affermato che il peggioramento della sua condizione è stato dovuto in parte anche all’ultimo ribasso del mercato delle criptovalute. Avrebbe tuttavia detto di non esser mai stato collegato al caso di FTX, o a qualsiasi altra attività legata all’exchange in bancarotta.

Ciò che molti esperti hanno sottolineato, è quindi uno dei mercati ribassisti più lunghi di sempre, che va ormai avanti da circa 380 giorni. Il precedente era stato registrato a partire dal 2018, per la durata di circa 1 anno, ossia 365 giorni.

Una situazione che potrebbe portare sofferenza anche su altri exchange?

Ancora presto per affermarlo o esporlo, anche se le notizie che imperversano nelle ultime settimane, su tantissimi exchange, anche di fama internazionale, hanno fatto ampiamente spaventare gli appassionati del settore.

Note finali

Che il segmento degli exchange centralizzati sia in netta difficoltà è stato confermato da molte notizie e da diverse esposizioni proposte proprio dalle società che gestiscono le piattaforme. Mai come in questo caso, per chiunque fosse interessato ad investire sul mercato delle criptovalute, è importante fare affidamento solo su piattaforme serie e regolamentate.

Fra gli operatori più importanti, che non hanno mai mostrato difficoltà finanziaria, o sofferenza negli ultimi tempi, troviamo eToro. Si tratta di una piattaforma facile da gestire e che mette in evidenza in modo chiaro e trasparente tutte le sue licenze operative.

Con una rapida registrazione puoi accedere alla sezione delle criptovalute, selezionare il token di interesse, analizzarlo sul grafico in tempo reale e piazzare la strategia. È possibile iniziare con la modalità demo, senza limiti, oppure con la modalità reale, caricando un deposito di minimo 50€.

Nel caso non avessi competenze analitiche, oppure il tempo di investire in autonomia sul mercato crypto, puoi utilizzare il Copy Trading. È una soluzione che ti permette di scegliere altri trader reali, di seguirli e di ottenere le loro stesse transazioni ed operazioni in tempo reale.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento