News

Bitcoin: possibile aumento dei prezzi?

E’ possibile prevedere per Bitcoin un aumento dei prezzi dopo  il 1 aprile, data in cui la popolare criptovaluta ha messo in circolazione oltre il 90% della sua offerta.

Sappiamo che molte criptovalute limitano il numero di token che possono essere coniati nel loro ciclo di vita. Questo viene fatto per molte ragioni, come controllare l’inflazione,  aumentare il prezzo e la popolarità del token.

Prima di addentrarci meglio nell’argomento ricordiamo che per investire in sicurezza il modo migliore rimane la piattaforma certificata come eToro  con la quale si possono avere avrete tanti servizi a disposizione, come il CopyTrading o il CopyPortfolios. Aprire un conto reale è semplice e bastano solo 50 €.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

Picco FOMO e conseguenza di un aumento dei prezzi Bitcoin

Uno dei limiti di circolazione più famigerati è la fornitura fissa di Bitcoin di 21 milioni di BTC. Il token è stato creato nel 2009 e questo hard cap è una caratteristica integrante della sua tokenomica. Da allora, il 90 percento del BTC totale è già stato estratto. E mentre ci avviciniamo al limite finale, molti si chiedono cosa accadrà all’infrastruttura Bitcoin quando tutti i 21 milioni di BTC saranno stati estratti.

Non sappiamo molto del misterioso creatore della rete Bitcoin, Satoshi Nakamoto. La sua identità rimane uno dei più grandi misteri nella comunità delle criptovalute. Tuttavia, a giudicare dall’implementazione della Blockchain Bitcoin, possiamo determinare cosa voleva dalla rete.

Per controllare l’inflazione, Nakamoto ha inserito una fornitura fissa di BTC nel codice di rete. L’offerta limitata rende anche BTC un asset scarso che potrebbe aumentare di prezzo in futuro.

Esisteranno solo 21 milioni di bitcoin e per garantire un flusso costante di liquidità, le monete saranno coniate a tasso fisso. I nuovi bitcoin entrano in circolazione solo quando viene estratto un nuovo blocco. E attualmente, ci vogliono 10 minuti per estrarne un nuovo.

La fornitura limitata di bitcoin lo renderebbe un oggetto più raro. La carenza di Bitcoin porterà probabilmente a una frenesia di acquisto. Con l’insorgere della paura di perdite (FOMO), il prezzo dell’asset aumenterà in modo esponenziale poiché molte persone vorranno acquistare Bitcoin.

Considerazioni finali

Uno dei maggiori problemi è che anche se tutti i bitcoin venissero estratti in futuro, non ci sarebbero 21 milioni di bitcoin in circolazione. 

Per investire in criptovalute in maniera sicura, eToro rimane il broker più sicuro, possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, presenta spread bassi e dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui

 

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento