News

Bitcoin nei portafogli di investimento: Tra 1-5% esposizione ideale

Pubblicato: 3 Dicembre 2019 di Anna Fazio

Secondo il parere del noto Anthony Pompliano, analista di Morgan Creek Digital Asset, il Bitcoin deve essere presente nei portafogli di investimento.

A suo avviso, la percentuale corretta è tra 1-5%. Non farlo, vuol dire esporsi a rischi inutili legati all’instabilità dei mercati.

Bitcoin nei portafogli di investimento: Gli sviluppi.

Anthony Pompliano afferma che il Bitcoin si sta presentando come la perfetta copertura globale in tempi di incertezza economica. Questo dovrebbe indurre gli investitori a prenderne atto, poiché i loro investimenti nei mercati tradizionali sono minacciati da pericoli globali. Le sue parole:

“Viviamo in tempi eccezionalmente instabili e imprevedibili. Gli investitori istituzionali per decenni hanno cercato attività non correlate, al fine di diversificare i portafogli”.

A suo avviso: “Bitcoin si presenta come la perfetta copertura globale. Saranno degli irresponsabile gli investitori che non inseriranno il BTC nei loro portafogli”.

In questi mesi delicati per l’economia mondiale, con la guerra commerciale tra USA e Cina, il Bitcoin si trova in un Trend rialzista. Infatti, un punto di forza del BTC è proprio il suo non essere correlato a questi venti di crisi. Alcuni analisti hanno definito il Bitcoin la guida di un risveglio globale per l’economia. Forse è un po’ presto per dirlo, tuttavia l’analisi di Pompliano è corretta. Non inserire il BTC seppur con un 1% è da irresponsabili.

Inoltre, desta curiosità il rapporto tra Bitcoin e Banche Centrali. All’apparenza in conflitto, sono invece diversi i rumors che parlano di un acquisto di BTC proprio da parte delle Banche Centrali (Qui un approfondimento). Inoltre, l’unica correlazione tra Bitcoin ed economia tradizionale c’è stata quando la FED ha tagliato i tassi. In questa occasione, il Bitcoin ha reagito immediatamente con un rialzo del 10%.

Come diversificare il portafoglio con il Bitcoin.

Se pensiamo che la parola “diversificazione” può essere applicata solo a grandi investitori, ci sbagliamo. Infatti, dal 2007 il broker eToro ci permette di creare un vero e proprio paniere di titoli a costi estremamente ridotti. Come fare?

Ecco i vari step.

  • Innanzitutto, registrarsi sulla piattaforma e creare un Account valido.
E’ possibile farlo con questo Link
  • In seguito sarà importante fare pratica sulla piattaforma e prendere dimestichezza con il paniere dei titoli. Per fare ciò, sarà possibile fare pratica su un conto demo gratuito e senza vincoli.
Richiedi un conto demo cliccando qui
  • Acquisita una buona dimestichezza con la piattaforma, possiamo scoprire i vantaggi del Copy Trading. Attraverso questo meccanismo sarà possibile selezionare i Trader più profittevoli all’interno di una griglia e selezionarli con un Click. In questo modo, le loro operazioni saranno replicate in automatico nel nostro Account!
Scopri i vantaggi del Copy Trading cliccando qui

Insomma, il Copy Trading ci permette di avere un account variegato e con diverse posizioni gestite per noi da Trader professionisti. Una rivoluzione del modo di fare Trading con la certificazione della Consob.

E’ importante ricordare che piattaforme non certificate, come Bitcoin Freedom, sono pericolose e fanno solo perdere soldi.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Anna Fazio

Laureata all'Università di Milano in Economia e Commercio, mi occupo principalmente di articoli sulle criptovalute.

Lascia un Commento