News

Bitcoin mining: hashrate in ripresa

L’hashrate del mining di Bitcoin è in ripresa in questi giorni. Tutto ciò è dovuto all’aumento dei prezzi.

Il divieto di mining di Bitcoin in Cina ha portato le aziende del settore a fuggire in altri paesi e regioni del mondo dal maggio 2021.  Questo  processo di migrazione, che sposterebbe le operazioni di mining in altre giurisdizioni come Stati Uniti, Canada e  Kazakistan, sembra già riflettersi positivamente sul tasso di hash o sulla potenza di elaborazione dei minatori di Bitcoin. L’hash rate è crollato nell’ultimo trimestre, ma durante luglio ha preso un ulteriore slancio al rialzo ed è tornato a livelli che non si vedevano da giugno. 

Il 31 maggio 2021, l’ hashrate di Bitcoin ha iniziato a diminuire drasticamente da 148 terahash al secondo (TH/s), secondo i dati di  Blockchain.com . Il 26 giugno ha raggiunto i 58 TH/s, il punto più basso dell’intero anno.  Per tutto il mese di luglio 2021  la misura dell’hashrate sembra essersi stabilizzata . Il 4 luglio è stato il punto più basso di questo mese (82 TH/s), mentre il 13 luglio si è registrato un picco di 121 TH/s, che è il massimo raggiunto questo mese.  A partire dal 19 luglio, la data più recente a cui si riferisce Blockchain.com, il  tasso  di hash totale della rete Bitcoin era di  115,5 terahash al secondo (TH/s).

Ciò significa che  più minatori si sono riconnessi alla rete  durante il mese di luglio, contribuendo con la loro quota alla somma totale della potenza di elaborazione della rete Bitcoin. 

Prima di procedere ad affrontare l’analisi, è bene ricordare che è possibile negoziare tutte le criptovalute, in maniera sicura su piattaforme certificate come eToro.

Clicca qui per ottenere un conto gratuito su eToro

Hashrate Bitcoin: cosa sta succedendo

L’hash rate di Bitcoin è la misura della potenza di elaborazione in una rete blockchain. Si riferisce alla quantità di operazioni di hashing che i minatori devono eseguire in un certo lasso di tempo per estrarre un blocco con transazioni, che in quel momento verrebbero aggiunti alla catena (blockchain).  Ad esempio, quando una rete come Bitcoin raggiunge un hash rate di 5 TH/s, significa che può eseguire fino a 5 trilioni di operazioni al secondo. L’hashrate esprime la somma della potenza di elaborazione di ogni miner connesso alla rete. 

I minatori migrano dalla Cina con accordi commerciali

Sebbene non ci siano dati estratti direttamente dalla rete Bitcoin che ci permettano di sapere dove si trovano questi minatori, diversi fattori indicano che coloro che hanno lasciato la Cina si stanno già connettendo in altri paesi.  Ad esempio, da quando sono iniziati i divieti in Cina, è stato riferito che le società di logistica stavano spostando tre tonnellate di attrezzature minerarie dal gigante asiatico nel Maryland, negli Stati Uniti.

D’altra parte, BIT Mining, proprietaria dell’importante mining pool e dominio web, BTC.com, ha annunciato  il 12 luglio di aver raggiunto un accordo con investitori privati ​​per raccogliere 50 milioni di dollari. Tale importo verrebbe utilizzato per espandere le sue attività minerarie nel mondo, acquistando nuove attrezzature, aprendo nuove strutture e data center e realizzando i relativi investimenti, compresi quelli nel settore energetico.  

Un’altra società, Black Rock Petroleum, con sede in Canada, ha raggiunto un accordo con l’operatore Optimum Mining Host Limited Liability Co per gestire fino a un milione di attrezzature minerarie in 3 anni.  Le squadre verrebbero trasferite dalla Cina ad Alberta, in Canada, in tre strutture con accesso all’energia derivata da fonti di gas naturale, una pratica più rispettosa dell’ambiente rispetto ad altre opzioni e che  è diventata una tendenza nel settore minerario .   D’altra parte, le aziende già stabilite in Nord America stanno consolidando ulteriormente le loro operazioni di mining di Bitcoin negli Stati Uniti e in Canada. 

È il caso di Greenidge Generation, che ha  annunciato  il 14 luglio che avrebbe acquistato 2.300 apparecchiature Whatsminer M30S e finanziato l’acquisto di altri 6.000 ASICS Antminer S19 dalla società locale Foundry Digital. Si unirebbe anche al gruppo minerario o al pool di questa stessa società, Foundry USA.  

Considerazioni finali

Fino alla scorsa settimana si registravano ancora cali di hashrate abbastanza frequenti ben al di sotto dei 100 EH/s, ed è solo dal 24 luglio che questi non si sono verificati. Semmai, da ieri l’hashrate sembra essere tornato abbastanza stabilmente sopra i 100 EH/s, e il recupero dei prezzi degli ultimi giorni sta sicuramente giocando un ruolo chiave in questa dinamica, in quanto aumenta di fatto la redditività del mining stesso.

A meno di sorprese inaspettate, se il prezzo di BTC dovesse rimanere ai livelli attuali, è difficile immaginare un ritorno dell’hashrate sotto i 100 EH/s nel breve periodo. 

Ovviamente continueremo a tenervi aggiornati sull’analisi dell’hashrate di Bitcoin, ma se nel frattempo desideri investire in criptovalute in maniera sicura, eToro è un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • presenta spread bassi;
  • non ha commissioni:
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.
Clicca qui per ottenere un conto gratuito su eToro.
Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento