News

Bitcoin Miner Core Scientific ha ricevuto offerta di prestito da $72 milioni

Pubblicato: 16 Dicembre 2022 di Francesco

Viste le difficoltà che continuano ad imperversare su molte società legate al settore delle criptovalute, in questo caso anche sui processi di estrazione della prima criptovaluta per capitalizzazione di mercato, Bitcoin Miner Core Scientific ha ricevuto un’offerta di prestito da 72 milioni di dollari.

Ad offrire il prestito è stato uno dei maggiori istituti di credito della società, ossia B Riley, che si è messa in discussione per il salvataggio della realtà crittografica. Una mossa che è stata vista da molti analisti molto coraggiosa, viste le criticità e le turbolenze del momento.

Il prestito ha uno scopo ben preciso, ossia quello di evitare la possibile dichiarazione di fallimento dell’istituto di Bitcoin Miner, che porterebbe ulteriori negatività nel settore e nuove preoccupazioni da parte degli utenti appassionati, nonché investitori.

Viste le criticità che possono essere evidenziare su molti segmenti, compreso quello degli exchange, prima di continuare teniamo a precisare che nel caso di attività su criptovalute, è fondamentale fare affidamento solo su operatori professionali e regolamentati.

Una delle piattaforme di investimento con reali licenze, milioni di utenti registrati e mai in difficoltà finanziaria, è eToro. Funge sia da exchange per l’acquisto diretto, sia da broker per investire con strumenti derivati (CFD). Puoi sempre testarlo con un ottimo account demo.

Clicca qui per registrati su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Bitcoin Miner Core Scientific ha ricevuto offerta di prestito: ecco cosa sapere

Bitcoin Miner Cors Scientific che ha ricevuto un’offerta di prestito rappresenta solo uno dei tanti casi evidenziati nel corso degli ultimi mesi. B Riley, attraverso una recente dichiarazione, ha dichiarato di poter fornire un finanziamento non in contanti in condizioni favorevoli.

Affinché l’azienda raggiunga la redditività, l’istituto di credito concederebbe anche un gap di circa 2 anni, per permettere all’azienda di respirare e di tentare una nuova scalata nel settore. Tutto ciò per evitare il fallimento e per scongiurare il peggio.

Curioso sottolineare, come Core Scientific abbia già un prestito esistente con B Riley, pari a 42 milioni di dollari. La banca di investimento sarebbe quindi già pronta ad erogare una prima trance di prestito, da ben 40 milioni di euro, almeno per risanare i conti della società.

I pagamenti principali ai prestatori di attrezzature dovrebbero in ogni caso essere sospesi, almeno fin quando il prezzo del Bitcoin ritornerà sulla soglia stabilita dei 18.500 dollari, per tutto il resto del finanziamento proposto dall’istituto.

La situazione di difficoltà di Core Scientific è da associare prettamente a due cause importanti. Da una parte la contrazione del mercato, che ha portato il prezzo del Bitcoin a crollare in modo considerevole e dall’altra l’aumento dei costi energetici, in concomitanza con il periodo di crisi economica.

La società ha infatti dovuto sospendere già da inizio anno il pagamento di capitali ed interessi, mostrando anche un pesante crollo a livello azionario, del circa 86% su base totalitaria. Uno dei punti sicuramente più bassi che la società crittografica sta affrontando e cercando di risolvere al più presto.

Considerazioni finali

Le difficoltà che si evincono sul settore delle criptovalute sono numerose ed oltre alle società di mining, anche exchange colossali hanno dovuto stringere i denti per affrontare gli ultimi periodi. Il fallimento di FTX rappresenta solamente uno dei tanti esempi.

C’è preoccupazione da parte degli appassionati ed investitori, che si chiedono sempre più su quale piattaforma fare affidamento. Mai come in questo caso, è quindi indispensabile optare esclusivamente su piattaforme con reali licenze ed autorizzazioni.

eToro ne è un esempio, perché offre la possibilità di investire sul mercato delle criptovalute in modo rapido, con la consapevolezza di utilizzare un operatore approvato e con regolamentazioni esposte in modo chiaro e trasparente.

Con lo stesso puoi aprire un account in pochi secondi ed accedere ad un vasto elenco di criptovalute. Puoi valutare Bitcoin, Ethereum, Ripple e tanti altri token, procedendo con l’attuazione della tua strategia di investimento.

Puoi sempre partire con un account demo senza alcun limite di tempo e che non ti obbliga a versare alcun deposito. Per la modalità reale, puoi invece iniziare con un deposito molto più basso rispetto alla concorrenza, da soli 50 euro. Puoi gestire tutto anche tramite app.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento