News

Bitcoin: l’India vuole bandirlo per i privati

Proprio due giorni stavamo festeggiando per il compleanno (il decimo) del Bitcoin (BTC/USD) mentre oggi ci troviamo a dover scrivere dell’ennesimo ban da parte dei governi.

Stiamo parlando dell’India questa volta, in quanto all’interno di una recente riunione del Consiglio per la stabilità e lo sviluppo finanziario [FSDC] in India, i partiti di regolamentazione stiano considerando di vietare l’uso privato delle criptovalute in India. Ciò avviene in un momento in cui il paese si trova ad affrontare il soffocamento dell’innovazione a causa della mancanza di chiarezza normativa.

L’incontro, che si è svolto con il ministro delle finanze dell’Unione, Arun Jaitley, si dice che abbia “deliberato sulle questioni e le sfide dei cripto-beni / criptovaluta“. Si è detto che il consiglio era stato informato sulla questione da un “comitato di alto livello” istituito dal Segretario per gli affari economici per affrontarlo.

È stato inoltre rivelato che è stato utilizzato un “quadro legale appropriato” nell’uso delle criptovalute private nel paese, incoraggiando al contempo l’uso della tecnologia del registro distribuito.

Questo va di pari passo con le dichiarazioni rese da Jaitley durante il suo discorso alla riunione del bilancio del 2018-19, in cui ho affermato che le criptovalute non sarebbero state accettate come moneta a corso legale nel paese. Inoltre, ha anche affermato che sarebbero stati adottati “provvedimenti necessari per combattere l’uso dell’asset class in attività illegittime.

Cosa potrebbe succedere

Inutile dire che se una nazione popolosa e cruciale per le criptovalute come l’India dovesse smettere tutto d’un colpo l’utilizzo del Bitcoin, ciò potrebbe portare ad un crollo improvviso del prezzo. Attraverso piattaforme di trading regolamentate ed affidabili è possibile trarre vantaggio da una situazione come questa, guadagnando vendendo al ribasso.

La piattaforma di eToro ad esempio, consente di fare trading all’interno di un ecosistema totalmente regolamentato dove è possibile vendere al ribasso e comprare al rialzo, guadagnando praticamente in qualsiasi condizione di mercato.

eToro è regolamentato dalla CySEC in Europa e registrato CONSOB in Italia. Questo consente alla piattaforma di essere oggi una delle più affidabili e sicure al mondo. Clicca qua per saperne di più su eToro >>

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento