News

Bitcoin: in Cina lo stop era davvero per tutelare l’ambiente?

Il recente esodo dei minatori dalla Cina è stato uno dei maggiori ostacoli che l’ecosistema Bitcoin ha dovuto affrontare sin dal suo inizio. Inizialmente commercializzato come risposta alle crescenti preoccupazioni ESG dovute all’utilizzo di energia da parte dei minatori, la repressione cinese comporta molto di più. Anche le sue implicazioni sono state di vasta portata, influenzando immensamente sia il mercato che la rete.

L’impatto maggiore sulla rete è stata la perdita di hash rate. Dal raggiungimento di un ATH il 13 maggio, circa il 50% del tasso di hash , che è quasi 90 exahash, è stato scollegato dalla rete. Una stima di fascia media di potenza energetica che è di circa 5-6 gigawatt, e tornare all’ATH sarà una lunga strada.

Prima di procedere ad affrontare la notizia, è bene ricordare che è possibile negoziare tutte le criptovalute, in maniera sicura su piattaforme certificate come eToro.

Clicca qui per ottenere un conto gratuito su eToro

Stop Bitcoin in Cina: effetti sul mercato

Wolfie Zhao, redattore della regione asiatica di The Block, ha sottolineato gli effetti che questo ha avuto sul mercato. La maggior parte è stata dalla parte dei minatori, che hanno dovuto vendere le loro partecipazioni e uscire dallo spazio. Molti minatori nel 2020, quando stavano espandendo le loro attrezzature o infrastrutture minerarie, hanno preso in prestito molti soldi, usando i loro bitcoin. Subito dopo l’inizio della repressione, c’è stata molta pressione su di loro da parte dei fornitori di prestiti o LP in termini di liquidazione delle garanzie.

Lo stesso ha anche accennato al fatto che la repressione è dovuta più a motivi politici e finanziari che ecologici. Anche la provincia del Sichuan, che inizialmente si sperava fosse un rifugio sicuro per i minatori in fuga grazie alla sua abbondanza di energia idroelettrica, ha imposto un divieto generale a giugno, indicando l’ampia base della repressione.

Le autorità sono anche preoccupate per le criptovalute che disturbano l’ordine economico e facilitano il riciclaggio di denaro. Gli analisti hanno persino concluso che Pechino sospetta che Bitcoin potrebbe rivelarsi una stretta concorrenza per lo yuan digitale in fase di sviluppo. Sulla questione, Zhao ha detto:

Inoltre, mentre gli scambi sono ancora funzionanti, alle banche è stato impedito di finanziare operazioni OTC minacciando gravi ripercussioni. Quindi, nuovo denaro non è entrato nel mercato cinese poiché a un certo punto un nuovo investitore richiede un commercio OTC per convertire la propria valuta fiat in tether. Sebbene le leve e i futures non siano stati interessati, ha aggiunto Zhao.

Considerazioni finali

Tuttavia, in mezzo a tutto questo caos è emerso un lato positivo per gli Stati Uniti. Mentre molti minatori sono usciti dal business, molti altri stanno cercando di fuggire in altre regioni in cui gli ambienti normativi sono più inclusivi.

Inoltre, gli Stati Uniti sono secondi solo alla Cina in termini di capacità di generazione di energia. Mentre anche Kazakistan e Russia vengono considerati nuovi hotspot minerari, i paesi nordamericani possono anche fornire ai minatori un ambiente e una lingua familiari.

Ovviamente continueremo a seguire la vicenda del Bitcoin in Cina, ma se nel frattempo desideri investire in criptovalute in maniera sicura, eToro è un broker completamente legale che possiede le licenze delle istituzioni finanziarie ufficiali europee, e inoltre:

  • presenta spread bassi;
  • non ha commissioni:
  • dispone di un conto demo gratuito per provare la piattaforma con denaro virtuale;
  • presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori più adatti a te.
Clicca qui per ottenere un conto gratuito su eToro
Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento